Ucraina, ecco perché sono stati i russi a far esplodere la diga di Kakhovka

Solo un'esplosione pianificata di notevole entità, realizzata con metodi di ingegneria militare, poteva far esplodere la diga

By redazione

La massiccia esplosione della diga di Kakhovka sul fiume Dnipro in Ucraina sembra segnare l’inizio di una nuova fase della guerra in Ucraina. Sia i russi che gli ucraini si accusano a vicenda dell’esplosione della diga, ma è ragionevole supporre che siano stati i russi a farla esplodere per fermare il contrattacco su larga scala iniziato dagli ucraini qualche giorno fa.

I russi temono che le forze ucraine, dislocate intorno alla città di Kherson sulla sponda occidentale del fiume Dnipro, attraversino il fiume e attacchino il vasto sistema difensivo che i russi hanno creato sulla sponda orientale. Questo sistema difensivo è destinato a proteggere diverse aree occupate dai russi, tra cui la regione di Zaporizhia e parte della regione di Kherson, situata oltre il fiume.

L’inondazione causata dall’esplosione della diga potrebbe ostacolare il movimento delle forze ucraine verso sud per lanciare un contrattacco e riprendere la penisola di Crimea, annessa dalla Russia nel 2014. Il rapido deflusso delle acque minaccia ora di inondare le isole situate al centro del possente fiume, che sono tra le più grandi d’Europa, nonché i villaggi e le città situati a valle della diga.

Sebbene i russi sostengano che la diga di Kakhovka sia esplosa a causa dei bombardamenti ucraini, questa affermazione appare assurda per un semplice motivo: l’imponente diga idroelettrica, costruita dai sovietici nel 1956, si estende per 3,2 chilometri ed è realizzata in cemento armato che non può essere distrutto da un bombardamento o addirittura da un bombardamento aereo. Solo un’esplosione pianificata di notevole entità, realizzata con metodi di ingegneria militare, potrebbe causare una massiccia breccia nella diga, permettendo a immense quantità di acqua di fluire a valle.

L’acqua trattenuta dalla diga viene utilizzata, tra gli altri scopi, anche per raffreddare i reattori nucleari che generano elettricità nei pressi della città di Zaporizhia, che i russi hanno sottratto agli ucraini più di un anno fa nei primi mesi di guerra.

Tuttavia, un funzionario ucraino che collabora con le forze russe rassicura e afferma che non c’è alcun pericolo per il corretto funzionamento dei reattori nucleari, che non rischiano di perdere la loro vitale fornitura di acqua di raffreddamento, che eviterebbe un disastro come quello verificatosi a Chernobyl nel 1986. Tuttavia, il disastro ecologico e umanitario causato dalla rapida esondazione delle acque del fiume Dnipro è già di per sé abbastanza grave, anche se non è imminente un disastro nucleare.

L’esplosione della diga riflette quanto i russi siano preoccupati per il contrattacco ucraino e che siano disposti a spingersi fino a rischiare una condanna internazionale unanime, che in effetti ha seguito rapidamente l’incidente quando il Presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, lo ha definito un “crimine di guerra”.

Fonti statunitensi e britanniche hanno dichiarato che la controffensiva, attesa da tempo, è già iniziata. Tuttavia, il governo ucraino non lo ha ancora confermato e il ministro della Difesa ucraino Oleksii Reznikov ha dichiarato apertamente che il suo Paese preferisce al momento non confermare né smentire, per evitare che i russi sappiano dove è stato lanciato il contrattacco o quali sono i suoi obiettivi.

Tuttavia, la detonazione della diga di Kakhovka indica che i russi ritengono che lo sforzo principale degli ucraini nella controffensiva sarà nelle regioni di Kherson e Zaporizhia, nell’Ucraina centro-orientale, verso la penisola di Crimea. In queste zone i russi hanno costruito un immenso sistema difensivo, che comprende ostacoli in cemento armato, barriere metalliche e vasti campi minati. Tutte queste misure sono state adottate per ostacolare un attacco ucraino con carri armati e forze di fanteria in movimento verso i territori che la Russia ha annesso in Crimea e nelle regioni di Zaporizhia e Kherson.

Nel frattempo, non sembra che gli ucraini stiano attaccando in quest’area. Invece, stanno concentrando i loro attacchi a nord, oltre la regione del Donbas, dove ieri si è svolta una battaglia tra milizie filorusse e brigate ucraine nei pressi della città di Bakhmut. I russi sostengono di aver respinto l’attacco e di aver ucciso circa 250 soldati ucraini, ma il quartier generale dell’esercito ucraino smentisce.

In ogni caso, sembra che gli ucraini stiano cercando di ingannare i russi o di tenerli all’oscuro del loro sforzo principale nella controffensiva. Tuttavia, i russi credono che gli ucraini tenteranno di attraversare il fiume Dnipro verso est e di prendere il controllo delle regioni di Kherson, Zaporizhia e Crimea. Pertanto, hanno preso la misura estrema di far esplodere la diga di Kakhovka.

L’inondazione dei territori a sud della diga rappresenterà una sfida significativa per le forze armate ucraine, in particolare per le forze corazzate, per condurre operazioni offensive in queste aree e attraversare il fiume Dnipro verso est e verso sud. La controffensiva ucraina deve ottenere risultati entro quattro o cinque mesi, durante il periodo estivo relativamente secco che consente operazioni rapide e manovrabili dei veicoli blindati, senza essere limitati alle principali vie di comunicazione dove i russi hanno costruito i loro sistemi di difesa.