Società e cronaca

Un genocidio si chiama genocidio. Ditelo a Ban Ki-Moon

Il massacro degli armeni da parte della Turchia va chiamato con il suo nome: genocidio. Punto, non ci sono altri termini per definirlo, non esiste un termine diverso o egualmente esplicativo.

Che il Segretario generale dell’Onu si rifiuti di chiamarlo con il suo nome e preferisca definirlo un “crimine atroce” ma non un genocidio dimostra come questo ometto non meriti nemmeno di lustrare le scarpe di Papa Francesco.

Povero Papa Francesco, è andato a stuzzicare il can che dorme, è andato a toccare la Turchia che ormai solo la Mogherini e i burocrati di Bruxelles definiscono una democrazia.

Intanto il vero califfato non lo sta facendo al-Baghdadi, lo sta costruendo Erdogan e lo sta facendo sotto gli occhi di tutti. Figuriamoci se i turchi possono sopportare che il capo della Chiesa Cattolica accusi la Turchia del genocidio degli armeni. Addirittura secondo i turchi le parole di Papa Francesco sarebbero una “calunnia”. Manca solo che lo denuncino alla Corte Penale Internazionale.

In tutto questo c’è però anche una nota comica. I turchi che si indignano perché accusati di genocidio per aver ucciso a sangue freddo un milione di armeni, non perdono occasione per accusare Israele di perpetrare un genocidio contro i palestinesi di Gaza, contro chi cioè ha lanciato migliaia di missili contro uno Stato democratico e usa i propri civili come scudi umani. Si vede che Erdogan ha un concetto tutto suo di genocidio.

[glyphicon type=”user”] Scritto da Sharon Levi

[glyphicon type=”euro”] Sostieni Rights Reporter

Tags

Related Articles

5 Comments

  1. Pienamente d’accordo con il contenuto di questo articolo. Anche se non sono un credente, mi tolgo tanto di cappello di fronte al coraggio, l’onestà e la coerenza di papa Francesco.
    Ba Ki-Moon, con le sue dichiarazioni, dimostra la sua miserabile meschinità e conferma quanto l’ONU sia ormai uno strumento politico nelle mani sporche di arabi e ottomani.

  2. Ormai è chiaro che la radice “nichilista” che si annida all’Onu-e in tanta Unione Europea- e che si piega vergognosamente davanti al “politicamente corretto” filoislamico ha in sè il germe velenoso dell’antisemitismo e dell’anticristianesimo. Grazie Sharon.

  3. in effetti una volta tanto che il Papa decide di chiamare le cose con il loro nome, sarebbe stato bello che fosse sostenuto, invece sta facendo la fine di Benedetto XVI che con il suo bel discorso di Ratisbona fu messo in croce dal politicamente corretto.
    Quanto all’ONU non solo inutile lo definirei ma costoso e dannoso oltre misura. La sola cosa che si potrebbe fare dell’ONU è abolirlo, con buona pace di quelli che credono che serve al dialogo.

  4. ma sono senza parole,sto ban ki moon comincia ad infastidirmi,crimine atroce..? che vergogna,dovrebbe cambiare lavoro,e stato un genocidio.

    e voglio ricordare che 500 anni di dominazione ottomana dei balcani cosa sono stati? perche sembra che nessuno vuole ricordarlo,cosa altro se genocidio? violenze e uccisioni per 500 anni,che a sta ue non fotte per niente.

    l’unione europea e una vergogna

Close