Iran: distruggeremo Haifa e Tel Aviv, le ridurremo in polvere

Se i leader del regime sionista faranno un passo falso distruggeremo Haifa e Tel Aviv. Così c’era scritto sulla fiancata del camion che ieri trasportava i nuovi missili balistici iraniani a testata multipla denominati Zolfaghar.

In occasione della parata militare che si è svolta a Teheran per commemorare il 36esimo anniversario dell’inizio della guerra tra Iraq e Iran, gli Ayatollah hanno dato sfoggio del loro bullismo facendo sfilare armi, sistemi d’arma e corpi militari ma anche 16 missili balistici tra i quali appunto i nuovissimi Zolfaghar che, secondo il Gen. Amir-Ali Hadjizadeh, hanno un raggio d’azione di 750 Km e sono in grado di trasportare testate multiple (anche chimiche n.d.r.). «Ridurremo le città israeliane in polvere» era il mantra ripetuto all’infinito dai vertici militari iraniani mentre sfilavano i missili S-300 e gli altri sistemi d’arma mentre in un grande schermo scorrevano le immagini dei barchini dei Pasdaran e le esercitazioni navali. Una dimostrazione di bullismo più che di forza.

«La recente decisione dei criminali americani di fornire aiuti militari all’usurpatore regime sionista (Israele n.d.r.) rafforza la nostra determinazione di dotarci di sistemi di difesa e di armi sempre più moderne» ha detto a margine della manifestazione il Generale Mohammad Bagheri, capo di stato maggiore delle forze armate iraniane. «L’obiettivo dei criminali americani e dei loro alleati terroristi e quello di distruggere le infrastrutture in Siria e in Iraq a favore del regime sionista. Ma noi non lo permetteremo» ha detto Bagheri alla stampa iraniana.

Silenzio da Gerusalemme

A seguito di questa vera e propria dimostrazione di bullismo Rights Reporter ha cercato di ottenere una dichiarazione dalle autorità israeliane soprattutto sulla esplicita minaccia di distruggere le città israeliane (di polverizzarle), ma a Gerusalemme preferiscono il silenzio. Una fonte del Ministero della Difesa israeliano che ha chiesto l’anonimato ha detto che «Israele non sottovaluta il crescendo delle minacce iraniane né la crescita costante del pericolo rappresentato per Israele dal regime iraniano e si riserva il Diritto agire in ogni modo a tutela dei suoi cittadini»

Scritto da Sarah F.

© 2016, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recently Published Stories

putin iran israele

Altro che amico di Israele, Putin sempre più complice dell’Iran

Chi, tra gli amici di Israele, vede in Putin un amico dello Stato Ebraico dovrebbe guardare a quello che sa facendo il dittatore russo con l’Iran e la Turchia prima di insistere con questa assurda visione

Israele: Shin Bet scopre rete di sostegno finanziario ai terroristi di Hamas

Lo Shin Bet scopre una rete di finanziamento ai terroristi gestita da Hamas gemella di quella gestita dalla ANP

Il gioco in più voga tra i bambini palestinesi? Spara al poliziotto israeliano [video]

Bambini palestinesi che giocano a “sparare ai poliziotti israeliani” fomentati dagli adulti. Con queste premesse non si può parlare di pace, né adesso né in futuro

Medio Oriente: Israele nella tela del ragno iraniano

Il Ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, è un genio. Con la scusa dell’ISIS è riuscito a ingannare la comunità internazionale e a tessere una pericolosa tela intorno a Israele

libia generale haftar

Libia: quel messaggio del Generale Haftar che l’Italia deve cogliere

In una intervista al Corriere della Sera Il Generale Haftar lancia alcuni importantissimi messaggi all’Italia, messaggi che la nostra politica non può e non deve ignorare, non solo sui migranti

trump medio oriente

Pace in Medio Oriente: Trump ci riprova ma fa un favore agli arabi

Trump ritiene che dopo la fine della crisi del Monte del Tempio questo sia il momento giusto per riportare arabi e israeliani al tavolo delle trattative. Ma è un grosso favore agli arabi

Abu Mazen blocca social media e siti web in Giudea e Samaria

Il Governo palestinese in Giudea e Samaria al fine di reprimere il dissenso blocca i social media e i siti web di notizie con un decreto presidenziale. I difensori dei Diritti Umani parlano già “limitazione della libertà di espressione”

Referendum per indipendenza Kurdistan: Turchia minaccia ritorsioni

Ankara si oppone fermamente al referendum per l’indipendenza del Kurdistan iracheno. Teme ripercussioni anche nel Kurdistan turco