La Clinton voleva bombardare gli impianti nucleari iraniani

 

Hillary Clinton avrebbe voluto bombardare gli impianti nucleari iraniani. E’ quello che emerge da alcune mail diffuse da WikiLeaks provenienti dalla violazione di un account email di uno dei suoi maggiori collaboratori riferite alla partecipazione della stessa Clinton a un forum organizzato dalla Goldman Sachs cinque mesi prima del raggiungimento dell’accordo sul nucleare iraniano.

Secondo la Clinton Israele non aveva la capacità di attaccare da solo e danneggiare in maniera significativa gli impianti nucleari iraniani ma alla domanda su come impedire che l’Iran diventasse una potenza nucleare la Clinton avrebbe risposto che «gli Stati Uniti dovrebbero bombardare gli impianti iraniani» ma senza stivali sul terreno, nel senso che escludeva un intervento di terra.

Proseguendo nel suo intervento e rispondendo a domande su come fermare gli iraniani Hillary Clinton ha ribadito che gli Stati Uniti avrebbero dovuto bombardare gli impianti nucleari iraniani evidenziando come «essi (gli iraniani n.d.r.) agiscono come se non ci fossero conseguenze» e puntando il dito sulla pericolosità di Teheran anche come uno dei maggiori sponsor del terrorismo internazionale.

Come detto la Clinton aveva poca fiducia sulle possibilità israeliane di colpire in maniera significativa gli impianti nucleari iraniani ed era convinta che al massimo avrebbero rallentato il programma nucleare iraniano di un paio di anni, ma gli Stati Uniti avevano un’arma in più, quella che Hillary Clinton ha definito “il penetratore”con riferimento probabilmente alle nuove bombe anti-bunker americane di cui all’epoca Israele era sprovvisto.

Non sappiamo se dopo l’accordo sul nucleare iraniano Hillary Clinton abbia cambiato idea in merito a quello che avrebbero dovuto fare gli Stati Uniti con l’Iran e se, come afferma pubblicamente, creda realmente alla bontà di quell’accordo. Di certo emerge una certa differenza di vedute tra lei e il Presidente Obama in special modo quando fa intendere che per fermare seriamente il programma nucleare iraniano si sarebbero dovuti distruggere o danneggiare in maniera grave gli impianti in modo da non dare agli iraniani la possibilità di rimettere in piedi il sistema di arricchimento dell’uranio che, come precisa, «non è un Diritto per l’Iran», concetto ribadito in un discorso pubblico tenuto il 23 ottobre 2013 al Aims Alternative Investments Symposium nel quale la Clinton si diceva scettica sulla possibilità di raggiungere un accordo credibile con l’Iran.

Scritto da Sarah F.

© 2016, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recently Published Stories

isis fratellanza musulmana

Attenti perché non è ISIS il pericolo più grande per l’occidente

Una visione diversa del pericolo rappresentato dalla Stato Islamico, uno sguardo a dove stiamo andando e a come la Fratellanza Musulmana in occidente cerchi di occupare gli spazi lasciati vuoti da ISIS

iran programma nucleare mogherini

Iran: «possiamo riprendere l’arricchimento dell’uranio in cinque giorni»

Una intervista del capo del programma nucleare iraniano, Ali Akbar Salehi, svela tutta la debolezza dell’accordo sul nucleare iraniano voluto da Obama e dalla Mogherini

iran siria pericolo israele

Medio Oriente: il rapporto sulla presenza iraniana in Siria che allarma Israele

Un nuovo rapporto sulla presenza iraniana in Siria stilato dall’analista di intelligence Ronen Salomon allarma ulteriormente Israele. E’ peggio di come sospettavamo

I palestinesi inviano aiuti medici al Venezuela, ma a Gaza non ci stanno

E’ surreale la decisione di Abu Mazen di inviare aiuti medici al Venezuela quando a Gaza e a Ramallah manca di tutto. Ma pur di farsi pubblicità il Presidente palestinese non guarda in faccia a nessuno

iran turchia rights reporter

Iran e Turchia danno il via a operazioni congiunte contro i curdi

Se l’indiscrezione venisse confermata ci troveremmo di fronte a un fatto gravissimo che la NATO non può più ignorare

Grave preoccupazione in Israele per le posizioni di Trump in Siria

Nonostante le prove fornite dalla delegazione israeliana volata a Washington, Trump non sembra intenzionato a chiedere la fine della occupazione iraniana in Siria. Un favore a Putin e soprattutto a Teheran

Medio Oriente: nuovo incontro tra Putin e Netanyahu sulla Siria

Putin e Netanyahu si incontreranno mercoledì prossimo a Sochi, in Russia. E’ il sesto incontro in due anni e sarà quello più difficile

Congo: oltre 200 morti sepolti da frana in zona miniere

Oltre 200 morti sepolti dalle frane nella contesa zona delle miniere nel Congo nord-orientale. Ma i nostri smartphone non possono aspettare