La metamorfosi di Amnesty International. Da Nobel per la pace a marionetta araba

Amnesty-international-marionetta

Ormai da diversi anni quella che a detta di tutti sarebbe la più grande e imparziale organizzazione per la difesa dei Diritti Umani, Amnesty International, è diventata una marionetta nelle mani dei regimi arabi del Golfo che la finanziano a grandi mani. Se prima era sospetto ora è una certezza.

Basti guardare l’ultimo rapporto diffuso da Amnesty International su Israele per rendersi conto che questa organizzazione è tutto fuorché imparziale.Sul sito italiano di Amnesty International si può leggere un sunto di questo cosiddetto “rapporto”, una sintesi che esordisce con:

[gss-content-box]“Negli ultimi tre anni, le forze israeliane hanno mostrato un profondo disprezzo per la vita umana uccidendo decine di civili palestinesi nella Cisgiordania occupata, bambini compresi, nella pressoché totale impunità”[/gss-content-box]

Ora, se io faccio una affermazione così grave sostenendo che qualcuno ha ucciso decine di civili come minimo ne pubblico la lista, riporto il luogo dove questo “omicidio” è avvenuto, riporto i fatti che hanno portato a questi “omicidi”, insomma ne fornisco una dettagliata descrizione proprio perché l’affermazione è grave. Bene, nel rapporto di Amnesty International non c’è nulla di tutto questo, anzi, proprio in cima al rapporto capeggia una fotografia fuorviante che riguarda un episodio nel quale ad essere attaccato è stato un mezzo dell’esercito israeliano che in quella specifica occasione non ha nemmeno reagito (qui il video). In tutto, il cosiddetto rapporto di Amnesty International, riporta i nomi di 15 palestinesi che, prendendo esclusivamente fonti palestinesi, si afferma essere stati uccisi dall’esercito israeliano. Non vi è stata riguardo a quelle morti alcuna indagine da parte di Amnesty International, si sono semplicemente limitati a fare il copia-incolla di alcune agenzie palestinesi e in un paio di casi hanno fatto il copia-incolla di articoli di Haaretz, notoriamente filo-arabo. Delle “indagini imparziali” non c’è nessuna traccia.

In compenso il cosiddetto “rapporto imparziale” di Amnesty International non affronta minimamente le motivazioni che sono alla base degli scontri che hanno portato alla morte di alcuni palestinesi, non parla minimamente delle decine di attentati contro civili israeliani, non menziona i morti israeliani uccisi a sangue freddo da palestinesi, non parla dei 32 morti israeliani (quelli si documentati) e dei 109 feriti a seguito di attacchi palestinesi, non parla dei 979 incidenti stradali e dei conseguenti 398 feriti causati solo nell’ultimo anno dal lancio di “innocue”pietre da parte dei palestinesi ( e i dati non sono aggiornati).

Insomma, siamo di fronte al punto più basso mai toccato da Amnesty International nella sua lunga carriera e nella sua altrettanto lunga metamorfosi che ha trasformato un premio Nobel per la pace in una marionetta al soldo dei regimi arabi del Golfo. E c’è ancora chi prende per oro colato le parole di questi burattini le cui fila vengono tirate da regimi totalitari che in teoria proprio loro dovrebbero combattere.

Miriam Bolaffi

© 2014, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recommended articles