Middle East

Abu Mazen: Gerusalemme deve essere araba

«Gerusalemme deve essere araba, solo araba».Così questa mattina Abu Mazen continua il suo incitamento all’odio. Lo fa dalla commemorazione del decimo anniversario dalla morte di Arafat che si è svolta a Ramallah.

Il dittatore palestinese (dittatore perché non eletto, nonostante tutti se lo dimentichino) ha così voluto soffiare ancora una volta sul vento della terza intifada. Non solo, ha detto anche che se i suoi sforzi all’Onu per ottenere il riconoscimento di uno Stato palestinese sui confini del 1967 dovessero fallire si rivolgerà al Tribunale Penale Internazionale.

Poi ha minacciato Israele. «Le azioni di Israele stanno portando a una guerra di religione. Devono lasciare il controllo del Monte del Tempio. Diversamente gli attacchi ai cittadini israeliani proseguiranno». Della serie “interlocutori per la pace”. Gli fa eco Marwan Barghouti il quale dal carcere dove si trova per scontare tre ergastoli chiede ai palestinesi di continuare la lotta armata e di intensificare gli attentati.

[glyphicon type=”user”] Scritto da Redazione Israele

[glyphicon type=”euro”] Sostieni Rights Reporter

Tags

Related Articles

2 Comments

  1. Confinare Abu Mazen nel suo palazzo presidenziale e dorato a ramallah , senza dargli la possibilità ne ci uscire ne ci muoversi se non dentro le due mura( vedi Sharon su Arafat ) mettere a carcere duri tipo 41 bis italiano il sig. Barbuti che scontando condanne all’ergastolo riesce a far inviare comunicati stampa fuori dal carcere, va bene la democrazia in Israele va bene tutelare gli esseri umani , cosa che i palestinesi non fanno, ma ora siamo all esagerazione …… espellere i cittadini arabi israeliani che incitano alla rivolta contro Israele, incitano all’odio contato gli Ebrei, espellerli immediatamente dal territorio di Israele e mandarli o a Gaza o nei territori sotto il controllo palestinese revocando a questi terroristi anche la cittadinanza ….basta con il buonismo, stanno uccidendo civili inermi e a sangue freddo…..

Close