Aiuti umanitari nel nord della Striscia di Gaza: riapre il valico di Erez

2 Maggio 2024
Il segretario di Stato americano Antony Blinken visita il valico di Keren Shalom
Il segretario di Stato americano Antony Blinken visita il valico di Keren Shalom

Mercoledì Israele ha riaperto l’unico valico sul confine settentrionale della Striscia di Gaza per la prima volta da quando è stato attaccato da Hamas il 7 ottobre, permettendo ai camion degli aiuti di passare attraverso il checkpoint di Erez.

Lo sviluppo è avvenuto mentre il Segretario di Stato americano Anthony Blinken ha visitato Kerem Shalom, il principale valico attraverso il quale gli aiuti umanitari sono affluiti da Israele a Gaza negli ultimi mesi, e il porto di Ashdod, da cui gran parte degli aiuti viene inviata all’enclave.

Blinken ha detto che, sebbene gli aiuti all’enclave palestinese siano stati incrementati, è necessario fare di più.

Il diplomatico americano ha anche effettuato una breve visita, non annunciata, al Kibbutz Nir Oz, che è stato devastato dall’assalto di Hamas del 7 ottobre, con 38 residenti uccisi e 72 rapiti – alcuni dei quali sono poi tornati – su una popolazione di circa 400 persone.

I residenti non sono più tornati nel kibbutz, che giace ancora in gran parte in rovina, con molti edifici incendiati e danneggiati.

La riapertura del valico di Erez – che normalmente facilita il passaggio delle persone, non dei rifornimenti – è stata per mesi una delle principali richieste delle agenzie umanitarie internazionali, per alleviare la situazione umanitaria che si ritiene sia più grave tra le centinaia di migliaia di civili nel settore settentrionale di Gaza.

Il checkpoint è stato in gran parte distrutto dal gruppo terroristico di Hamas durante l’assalto del 7 ottobre al sud di Israele. Nelle vicinanze, all’interno di Gaza, l’esercito ha poi trovato un enorme tunnel di Hamas abbastanza largo da poter essere attraversato da un’auto.

L’esercito ha dichiarato che mercoledì circa 30 camion che trasportavano cibo e forniture mediche dalla Giordania sono entrati nella parte settentrionale di Gaza attraverso Erez, subendo una “attenta ispezione di sicurezza” prima di entrare.

Le Forze di Difesa Israeliane hanno dichiarato di aver effettuato lavori di ingegneria nell’area per il passaggio pedonale e per quello da utilizzare per il transito dei camion. Le forze di ingegneria hanno “costruito infrastrutture di ispezione e protezione nell’area, così come strade asfaltate in territorio israeliano e nella Striscia, consentendo l’ingresso di aiuti nella parte settentrionale della Striscia, rafforzando al contempo le difese delle comunità [al confine con Gaza] nell’area”.

Il valico, al capolinea di un’importante autostrada, è il più vicino a Gaza dal porto israeliano di Ashdod, dove vengono spediti alcuni aiuti umanitari.

Il col. Moshe Tetro, capo dell’Amministrazione israeliana di coordinamento e collegamento per Gaza, ha detto di sperare che il valico sia aperto tutti i giorni e contribuisca a raggiungere l’obiettivo di 500 camion di aiuti che entrano a Gaza ogni giorno. Questo sarebbe in linea con le forniture di prima della guerra e molto di più di quanto questa abbia ricevuto negli ultimi sette mesi.

“Questo è solo un passo delle misure che abbiamo preso nelle ultime settimane”, ha dichiarato ai giornalisti.

All’inizio della giornata, il ministero degli Esteri della Giordania ha denunciato che due dei suoi convogli di aiuti che trasportavano cibo, farina e altri aiuti sono stati “attaccati dai coloni”, senza fornire dettagli sull’accaduto, ma aggiungendo che entrambi i convogli sono riusciti a proseguire il loro viaggio e a raggiungere la loro destinazione.

Gli attivisti del gruppo israeliano Tzav 9, che si oppone agli aiuti umanitari a Gaza finché Hamas non libera i 133 ostaggi che detiene, hanno tentato mercoledì mattina di bloccare i camion degli aiuti in vari punti del Paese.

Un comunicato del gruppo affermava che l’obiettivo era far arrivare Blinken al valico di Kerem Shalom e non trovarvi alcun camion. La campagna non sembra aver avuto successo, poiché l’IDF ha dichiarato zona militare chiusa parte del percorso dei camion e l’area del valico.

Honenu, un’agenzia di assistenza legale di destra, ha dichiarato che quattro uomini che avevano “bloccato i camion di aiuti diretti a Gaza” mentre passavano vicino all’insediamento cisgiordano di Ma’ale Adumim sono stati arrestati dalla polizia, che ha dichiarato che l’attacco ha danneggiato diversi camion e il loro contenuto.

Il governo giordano ha condannato l’incidente e ha dichiarato di ritenere le autorità israeliane pienamente responsabili di garantire la protezione dei convogli di aiuti e delle organizzazioni internazionali.

Progressi negli aiuti reali, ma devono essere accelerati

A Kerem Shalom, Blinken ha visitato l’area del valico e osservato le procedure di ispezione insieme al ministro della Difesa Yoav Gallant e ad altri funzionari della Difesa, che hanno informato il diplomatico statunitense e il suo team sugli sforzi umanitari dell’IDF a Gaza. Gli hanno anche illustrato le azioni intraprese per prevenire attacchi errati agli operatori umanitari, dopo l’incidente in cui sono stati uccisi sette membri del gruppo World Central Kitchen.

Il valico di Kerem Shalom è stato chiuso dopo il 7 ottobre, quando Israele ha imposto un rigido blocco su Gaza, ma ha riaperto al traffico limitato a dicembre, diventando il principale punto di ingresso per gli aiuti provenienti da Israele.

I funzionari israeliani possono ispezionare 55 camion ogni ora a Kerem Shalom e lavorano dalla mattina al tramonto, ha dichiarato Shimon Freedman, portavoce per i media internazionali del COGAT, un organismo del Ministero della Difesa che funge da collegamento con i palestinesi.

Israele ha cercato di dimostrare che non sta bloccando gli aiuti a Gaza, soprattutto da quando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha lanciato un duro avvertimento a Netanyahu, affermando che la politica di Washington potrebbe cambiare se Israele non prenderà provvedimenti per affrontare i danni ai civili, le sofferenze umanitarie e la sicurezza degli operatori umanitari.

Il fuoco dei carri armati echeggiava da Gaza mentre Blinken vedeva per la prima volta da vicino la Striscia a sei mesi dall’inizio della guerra. Il complesso di Kerem Shalom, delimitato da spesse mura di cemento, è il luogo in cui i camion degli aiuti diretti a Gaza vengono trattenuti per essere ispezionati, un processo che i gruppi di aiuto hanno lamentato essere un grosso ostacolo. Israele ha affermato che l’intoppo si trova più avanti nel processo, nel meccanismo di distribuzione delle Nazioni Unite.

Più tardi, Blinken ha visitato il porto di Ashdod, attraverso il quale gli aiuti internazionali arrivano via mare e vengono gestiti prima di partire per Gaza.

Accompagnato dal consigliere per la sicurezza nazionale israeliano Tzachi Hanegbi, Blinken ha affermato che i progressi nel migliorare l’accesso umanitario a Gaza sono reali ma, dato l’immenso bisogno nell’enclave palestinese, devono essere accelerati.

Blinken ha ribadito che gli Stati Uniti “non possono e non sosterranno una grande operazione militare a Rafah in assenza di un piano efficace per garantire che i civili non vengano danneggiati, e senza aver visto tale piano”.

“Allo stesso tempo, ci sono altri modi – e, a nostro avviso, modi migliori – per affrontare la vera sfida di Hamas che non richiede una grande operazione militare” a Rafah, ha detto Blinken.

Gli Stati Uniti hanno esortato Israele a non lanciare la prevista offensiva su Rafah, dove si ritiene siano nascosti i vertici di Hamas e detenuti molti degli ostaggi, ma anche dove circa 1,5 milioni di civili si sono rifugiati.

Martedì Netanyahu ha dichiarato di essere intenzionato ad attaccare Rafah, che si raggiunga o meno un accordo.

Staff RR e Agenzie

Lo staff di Rights Reporter in collaborazione con le migliori agenzie e testate

SOSTIENICI USANDO STRIPE

massacro del 7 ottobre hamas-isis
Previous Story

Gli smemorati del massacro del 7 ottobre e del terrore islamico

Generale Halevi riunione operativa fronte nord contro Hezbollah
Next Story

Gen. Halevi: «l’IDF si prepara per una offensiva contro Hezbollah»

Latest from Medio Oriente

nuovo piano americano per gaza

Ecco il nuovo piano americano per Gaza

Secondo POLITICO l’amministrazione Biden sta valutando la possibilità di nominare un funzionario statunitense come massimo consigliere civile di una forza prevalentemente palestinese al termine
Go toTop