Altro crollo a Pompei: e adesso Bondi si dimetta

30 Novembre 2010

Difficile non attribuire responsabilità al Ministro dei Beni Culturali per l’ennesimo crollo avvenuto oggi a Pompei. Ad essere interessata è stata un’area molto vicina alla “Schola Armaturarum” sbriciolatasi lo scorso 6 novembre.

Per essere precisi è crollato un muro grezzo interno al giardino della casa del Moralista che, secondo quanto ci viene riferito da esperti, potrebbe essere quello contenente delle scritte “moralizzatrici” fatte incidere dal proprietario affinché potessero essere lette dagli ospiti che si recavano a trovarlo. Stucchi di inestimabile valore storico e culturale.

Perché, secondo noi, questa volta è impossibile non attribuire colpe al Ministro dei Beni Culturali? Semplice, perché dopo il crollo in diretta mondiale della “Schola Armaturarum” è inconcepibile che non si sia intervenuti tempestivamente per mettere in sicurezza le aree che rischiavano di la stessa sorte.

Quando è crollata la “Schola Armaturarum” il Ministro Bondi ha svicolato le accuse d’incuria in tutti i modi, accampando ogni tipo di scusa compresa la mancanza di fondi, poi sbugiardata dall’affaire “Dragomira”. Ora non ci sono scuse che tengano. A questo punto il Ministro Bondi si deve dimettere per manifesta incapacità a tutelare il patrimonio storico italiano. Chiediamo solo un atto di coraggio e di alta moralità, consapevoli che le parole coraggio e moralità non fanno parte del vocabolario di questo Governo.

Brigitta Donati

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
Previous Story

Kenya: Odinga orders arrest of gay couples

Next Story

Scandaloso: l’amica del “portavoce di Putin” farà un film su Pompei

Latest from Senza categoria

Burkina Faso: nuovo golpe militare

A pochi giorni dalle elezioni che avrebbero dovuto portare alla democrazia in Burkina Faso, previste per il prossimo 11 ottobre, i militari hanno deposto
Go toTop