Middle East

Attacco israeliano alle forze iraniane in Siria: «ci metteranno mesi a riprendersi»

«La Forza Quds in Siria ci metterà mesi a riprendersi» queste le parole del portavoce del IDF, il Generale Ronen Manelis. Attacco già pronto da tempo

L’attacco israeliano alle forze iraniane in Siria era pronto già da tempo. L’intelligence aveva individuato tutti gli obiettivi da colpire, l’aviazione aveva pianificato meticolosamente i piani di attacco e tutto era già pronto in attesa dell’OK da parte dei comandi militari.

Il via libera è arrivato subito dopo il lancio di una ventina di missili da parte delle forze speciali iraniane in Siria contro il territorio israeliano.

«Questo attacco è un messaggio chiaro ed esplicito a tutti coloro che intendono minacciare Israele e la sua popolazione» ha detto il Generale Ronen Manelis in una dichiarazione ai media. «La Forza Quds ci metterà dei mesi a riorganizzarsi in Siria tanto è stato devastante l’attacco» ha poi aggiunto.

L’attacco era comunque già programmato dopo che un certosino lavoro della intelligence israeliana aveva individuato tutti gli obiettivi da colpire e confermato la pericolosità della presenza iraniana in Siria. I missili iraniani sparati contro Israele hanno solo accelerato l’inevitabile.

Tags

Related Articles

Close