Biden e Netanyahu lavorano ad un accordo con i sauditi, ma…

28 Luglio 2023
Biden Netanyahu

L’editorialista del New York Times Thomas Friedman, considerato vicino al presidente degli Stati Uniti Joe Biden, ha scritto mercoledì nella sua rubrica settimanale di aver parlato con il presidente americano della possibilità di un accordo saudita-israeliano.

L’accordo includerebbe concessioni ai palestinesi che preserverebbero l’opzione di una soluzione a due Stati.

«Quando ho intervistato il Presidente Biden nello Studio Ovale la scorsa settimana», ha scritto, «la mia rubrica si è concentrata sul suo invito a Netanyahu a non far passare la riforma del sistema giudiziario senza nemmeno una parvenza di consenso nazionale».

Tuttavia, sottolinea che «non abbiamo parlato solo di questo». Friedman sostiene che il Presidente è indeciso se spingere per un accordo di sicurezza con l’Arabia Saudita, che comporterebbe la normalizzazione delle relazioni con Israele, ma solo se Gerusalemme accetta concessioni per i palestinesi.

Secondo lui, «se gli Stati Uniti stringono un’alleanza di sicurezza con l’Arabia Saudita – a condizione che normalizzino le relazioni con Israele e che Israele faccia concessioni significative ai palestinesi – la coalizione di Netanyahu, composta da suprematisti ebrei ed estremisti religiosi, dovrà rispondere a questa domanda: Potete annettere la Cisgiordania o avere la pace con l’Arabia Saudita e l’intero mondo musulmano, ma non potete avere entrambe le cose, quindi quale sarà la scelta?».

Friedman sostiene che anche se una proposta del genere viene presentata al “governo israeliano estremista”, «molte cose devono essere accettate da molte persone».

I suoi commenti arrivano sullo sfondo del viaggio in Arabia Saudita del consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Jake Sullivan. «Jake Sullivan non è a Riyadh per turismo», ha scritto.

Secondo Friedman, il presidente non ha ancora deciso se procedere con gli sforzi, ma ha dato al suo team il “via libera” per esplorare con il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman la questione forse più centrale in questo momento: Accetterà l’accordo – e a quale costo?

Le richieste saudite e quelle di Biden

I sauditi chiedono a Washington tre cose principali nell’ambito dell’accordo di sicurezza: l’assicurazione che gli Stati Uniti difenderanno l’Arabia Saudita in caso di attacco, probabilmente da parte dell’Iran; un programma nucleare civile monitorato dagli americani; la possibilità di acquisire armamenti americani più avanzati, come i sistemi di difesa missilistica balistica.

Secondo Friedman, gli Stati Uniti, da parte loro, hanno diverse richieste da fare ai sauditi. Un impegno a porre fine alla guerra nello Yemen, un pacchetto di aiuti “senza precedenti” alle istituzioni palestinesi in Cisgiordania e “limiti significativi” al riscaldamento delle relazioni tra Arabia Saudita e Cina.

Il New York Times ha riferito per la prima volta il mese scorso degli sforzi di Biden verso un accordo storico. Il rapporto affermava che, in vista delle elezioni del 2024, Biden e i suoi alti funzionari si sono impegnati in un ampio sforzo diplomatico per raggiungere un accordo di normalizzazione tra Gerusalemme e Riyad. L’accordo che sta emergendo, essenzialmente negoziato a porte chiuse, richiederà a ciascuna delle due parti di abbandonare posizioni di lunga data.

Sul tavolo ci sarebbe anche la possibilità che Israele debba acconsentire al programma nucleare dell’Arabia Saudita, come parte di un progetto nucleare civile. La richiesta di Riyadh potrebbe incontrare la resistenza dei funzionari della sicurezza israeliana per il timore che tale programma potrebbe portare a una corsa agli armamenti nucleari in tutto il Medio Oriente.

Per raggiungere un accordo con Israele, i sauditi dovranno anche fare concessioni significative e abbandonare la loro intransigente posizione secondo cui la pace con Israele può arrivare solo dopo la creazione di uno Stato palestinese. Pubblicamente, i funzionari sauditi continuano a ribadire che qualsiasi accordo con Israele deve includere la creazione di uno Stato per i palestinesi, una posizione che il regno mantiene da quando ha introdotto l’Iniziativa di pace araba nel 2002.

Ancora lo scorso maggio, poco prima di incontrare il Segretario di Stato americano Antony Blinken, il principe ereditario saudita ha dichiarato che «la questione palestinese era, ed è tuttora, la preoccupazione centrale per gli arabi e i musulmani. È in cima alle priorità della politica estera del regno».

Riyadh dubita che un accordo che preveda progressi significativi con i palestinesi sia fattibile con l’attuale governo israeliano. Il governo israeliano dovrebbe infatti mantenere viva l’idea di una soluzione a due Stati.

Negli ultimi mesi, diversi alti funzionari israeliani sono stati incaricati della questione, tra cui il ministro degli Affari strategici Ron Dermer, ex ambasciatore israeliano a Washington, e il consigliere per la sicurezza nazionale Tzachi Hanegbi. Entrambi si sono recati più volte negli Stati Uniti negli ultimi mesi, discutendo tra l’altro di questo problema con alti funzionari americani.

Lo stesso Netanyahu non nasconde le sue speranze per un accordo con Riyadh e in un’intervista alla ABC mercoledì ha menzionato la questione. Ha parlato del suo rapporto con il Presidente degli Stati Uniti, che non lo ha ancora invitato ufficialmente alla Casa Bianca, sette mesi dopo l’inizio del suo sesto mandato come Primo Ministro, e ha detto: «Le nostre relazioni sono molto forti. Posso dirvi che stiamo lavorando su cose che credo cambieranno la storia».

«Nello specifico, stiamo cercando di frenare l’aggressione dell’Iran, ma allo stesso tempo di promuovere la pace con l’Arabia Saudita». Il Primo Ministro israeliano ha affermato che un tale accordo, dopo gli Accordi di Abramo, «cambierà il mondo». Netanyahu ha sottolineato: «Ci stiamo lavorando».

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
controffensiva ucraina 2
Previous Story

Inizia una nuova fase della controffensiva ucraina

servizi segreti militari israele
Next Story

Israele: grave allarme dei servizi segreti militari sulla sicurezza

Latest from Medio Oriente

Go toTop