Il leader dello dello Stato Islamico (IS) Abu al-Hassan al-Hashemi al-Quraishi, ucciso a metà ottobre in Siria, si è fatto esplodere dopo che lui e i suoi aiutanti erano stati circondati dai combattenti locali nella città di Jasem.

L’esercito statunitense ha dichiarato che è stato ucciso in un’operazione condotta dai combattenti dell’Esercito siriano libero (FSA) nella provincia meridionale di Deraa.

La provincia è stata posta sotto il controllo dell’esercito siriano in seguito agli accordi di riconciliazione mediati dalla Russia nel 2018, che hanno restituito il controllo della Siria meridionale a Damasco.

Quraishi e i suoi aiutanti sono stati scoperti in un nascondiglio segreto all’interno di una casa, hanno detto alcune fonti, che comprendono combattenti dell’SFA, parenti di compagni morti nello scontro e residenti di Jasem.

Il leader e un compagno si sono fatti esplodere con cinture suicide dopo che i nostri combattenti sono riusciti a prendere d’assalto il loro nascondiglio“, ha detto Salem al Horani, un residente di Jasem ed ex combattente che ha partecipato all’assedio delle tre case in cui è stata scoperta la cellula dell’ISIS.

L’FSA ha ricevuto il sostegno dell’Occidente e degli Stati del Golfo fino al loro ritiro nel 2018, ma i suoi combattenti sono rimasti nell’area dopo gli accordi di riconciliazione in base ai quali hanno consegnato le armi pesanti ma sono stati autorizzati a mantenere le armi leggere.

Lo Stato Islamico ha scelto come nuovo leader Abu al-Hussein al-Husseini al-Quraishi. A dichiararlo è stato un portavoce del gruppo in una registrazione. Non ha fornito ulteriori dettagli sul nuovo leader.

Il portavoce ha detto che Quraishi è stato ucciso mentre “combatteva i nemici di Dio”, senza tuttavia approfondire.

Lo Stato Islamico è emerso dal caos della guerra civile in Iraq e ha conquistato vaste aree del territorio iracheno e della Siria nel 2014.

L’ex leader dell’IS Abu Bakr al-Baghdadi ha dichiarato la nascita di un califfato islamico da una moschea nella città settentrionale irachena di Mosul nello stesso anno, proclamandosi califfo di tutti i musulmani.

Il brutale dominio dello Stato Islamico, durante il quale ha ucciso e giustiziato migliaia di persone in nome della sua interpretazione ristretta dell’Islam, è terminato a Mosul quando le forze irachene e internazionali hanno sconfitto il gruppo nel 2017.

Nella primavera del 2019 ha perso l’ultima porzione di territorio nella vicina Siria, ma mantiene cellule dormienti in varie province che compiono attacchi “mordi e fuggi”.