Società e cronaca

Di Battista (M5S) scandaloso: il terrorismo? Colpa di Israele e occidente

Metti insieme un Di Battista (M5S), un Santoro, una bella sequela di luoghi comuni basati sul nulla e ottieni la soluzione perfetta per combattere il terrorismo islamico e l’ISIS. La pochezza dimostrata da Di Battista ieri sera a Servizio Pubblico, su La 7, è la rappresentazione perfetta della “politica di wikipedia” che porta avanti il M5S in parlamento.

Ma cosa ha detto il “grande statista internazionale” Di Battista? In poche parole gli arabi sono incazzati con l’occidente per via della mancata soluzione del conflitto israelo-palestinese quindi è naturale che poi si diano al terrorismo. La guerra difensiva di Israele contro Hamas, che lo statista Di Battista definisce “aggressione a Gaza” viene definita “un genocidio”. L’ISIS si ferma disarmandolo.

Che statista, che uomo politico esperto di politica internazionale. Ma come abbiamo fatto a non nominarlo Ministro degli Esteri uno così? Anzi, lo dovremmo nominare Ministro degli Esteri di tutti i Ministri degli Esteri mondiali. Uno che parla alle folle in maniera così chiara come puoi relegarlo da Santoro? Gli serve una platea mondiale.

Certo che a giudicare dai commenti dei grilli il grande statista Di Battista le ha cantate a tutti ieri sera. Peccato che si sia dimenticato di dire un paio di cosette non da poco.

Primo: i paesi arabi se ne infischiano altamente del conflitto israelo-palestinese. Gli unici ad essere interessati sono Qatar e Turchia, cioè i finanziatori di Hamas e ISIS. Vuoi disarmare il terrorismo? Bene, inizia da questi due Stati canaglia e sei già a due terzi dell’opera. Per il rimanente terzo devi andare fuori dai Paesi arabi, poco lontano a dire il vero, a Teheran. Se fermi anche l’Iran sei praticamente a posto. Ma questo è vietato dirlo, meglio dare le colpe all’occidente che ha fatto guerre in Afghanistan, Libia e via dicendo. Poi non ti spieghi come mai nel computo della Jihad globale ci sia anche la Somalia, la Nigeria, il Ciad, il Sudan ecc. ecc. Ma con un po’ di fantasia potremmo trovare una responsabilità occidentale, magari di Israele, anche in quel contesto.

Secondo: Israele ha attaccato Gaza dopo mesi che veniva bersagliato dai missili di Hamas, non per un capriccio. Vogliamo cercare un vero responsabile delle morti di Gaza? Bene, basta andare nella villa di Ismail Haniyeh sul litorale di Gaza o nel lussuoso albergo di Doha (Qatar) dove alloggia Khaled Meshaal e il gioco è fatto. Ma naturalmente per il grande statista Di Battista questi sono solo dettagli, come è un dettaglio il fatto che Hamas a Gaza tenga volontariamente la popolazione nella miseria più assoluta. E quando vogliamo nominare la parola “genocidio” facciamolo nel contesto giusto. Di Battista non nomina nemmeno la Siria, 200.000 (duecentomila) morti in quattro anni. Ma da quelle parti non si può incolpare Israele e sinceramente se non si può incolpare Israele non si ottengono i tanti agognati like dei grillini e quindi perché sciupare fiato per un genocidio vero? Meglio inventarsene uno di sana pianta.

Caro Di Battista, la politica estera è una cosa complessa e articolata. Non si fa politica estera con le frasi ad effetto e con i soliti luoghi comuni. Quello serve solo ai like. Il terrorismo islamico è un fenomeno vivo da ben prima della guerra in Afghanistan e in Iraq, guerre forse condotte malamente e non portate a termine, ma guerre scaturite dall’attacco del terrorismo all’occidente (ricordi l’11 settembre?) e non viceversa. La Somalia è in mano al fondamentalismo islamico da decenni, la Nigeria, il Ciad, il Sudan, la Repubblica Centrafricana sono nelle mire del Qatar e dell’Arabia Saudita da tempo immemorabile. Del Qatar e dell’Arabia non dell’occidente. Gli arabi si stanno comprando mezza Europa, non il contrario. Il fondo sovrano del Qatar (ancora lui, quello che paga gli stipendi degli jihadisti dell’ISIS e i lussi dei boss di Hamas) ha il controllo o importanti partecipazioni sulle maggiori banche e aziende europee. E come mai tu, caro Di Battista, vai cianciando che “gli imperialisti occidentali” sono responsabili del terrorismo a causa dei loro interessi quando di imperialisti se ne vedono solo arabi?

Vuoi sapere chi da le armi ai terroristi? Volgi lo sguardo verso la Mecca non verso Gerusalemme o Bruxelles. E quando nomini la parola “genocidio” fallo parlando di genocidi veri, quelli che i tuoi amici arabi e persiani commettono ogni giorno da quattro anni a questa parte e quelli che vorrebbero commettere e che solo grazie alla caparbia resistenza di un microscopico Paese democratico, Israele, non hanno ancora potuto fare. A riveder le stelle, statista.

[glyphicon type=”user”] Scritto da Bianca B.

[glyphicon type=”euro”] Sostieni Rights Reporter

Tags

Related Articles

16 Comments

  1. http://www.serviziopubblico.it/2015/02/di-battista-guerra-in-libia-colpa-di-b-e-napolitano/
    Cara Bianca B. si riascolti l’intervento. H Qui il link. Gli imbecilli si quelli che negano la verità. Si parla di Di Battista ma si evita di parlare degli improvvisatori al Governo…armiamoci e partiamo per poi il giorno dopo dichiarare il contrario! Che tristezza. Magari cara Bianca tra un Di Battista e un impresentabile Giuliano Ferrara lei si troverà d’accordo con il secondo, vero? Concludo con BRAVO DI BATTISTA!!! p.s. mi piacerebbe sapere chi si nascondo dietro quella B.

    1. Mi perdoni sig.Andrea, giustifichiamo Di Battista perché ci sono improvvisatori al Governo? E’ la solita tattica del “gli altri sono peggio”. Mi creda, peggio di Di Battista fatico a vederli anche nella peggior fazione politica
      Bianca

  2. Articolo dovuto, standing ovation !
    Di certo questo personaggio ha imparato solo a parlare e non a leggere. Sono felice di aver lasciato l’Italia e di aver rinunciato al diritto di voto gettando nel pattume la mia scheda elettorale. Uno stato a cui giurai fedeltà e da cui sono stato tradito.

  3. lei ha fatto un bel discorso ma ha dimenticato di citare la potenza bellica degli Stati Uniti per me l’unico responsabile di tutti i conflitti mondiali.

  4. poi non lamentiamoci se l’italia è un paese quasi fallito che gode di una credibilita’ internazionale che puo’ avere un ubriaco come magaziniere in una cantina di vini dove manca una botte ….tanta ignoranza tutta insieme raramente la ricordo essi che io le capre me le vado a cercare, ma ormai i 5selle ci hanno abituati alla loro pochezza mentale e culturale…. prendere contadini, operai e disoccupati e buttarli in un parlamento a decidere per milioni di persone è una vergognosa provocazione che sta distruggendo questo paese , ogniuno ha il suo compito , chi è istruito governi chi è un contadino lavori la terra non si invertano MAI i ruoli oppure ci ritroveremo con contadini che fanno dei saggi sulle pere e dei politici che si fanno di pere.

    1. Mi permetta, il problema non è prendere contadini, operai e disoccupati… perchè ci sono contadini, operai e disoccupati estremamente intelligenti ed informati.
      Il problema è prendere gente sulla base dei “like” che genera su facebook, per il semplice fatto che così potevano portare più gente a visitare certi siti e generare guadagni con i propri click.
      Un po’ come se a scuola i voti venissero messi sulla base delle parole scritte su un tema e non sulla base dei contenuti scritti.

  5. Non è la prima volta e purtroppo non sarà l’ultima che Di Battista ci conferma pubblicamente la sua ignoranza. Credo che l’umiltà non è suo forte, abituato a luoghi comuni e toni da bar, cerca sempre effetti speciali in un paese che li ha regalato una straordinaria occasione di cambiare le cose.
    Se vuole disarmare l’Isis il suo visto e’ pronto, può partire domani, non ci mancherà.
    Riguardo il signore che ha menzionato gli ebrei o israeliani : ebreo sia per religione, ebrei americani, arabi, israeliani, italiani ecc. In una frase così piccola si nasconde tutta l’ignoranza culturale di molti, questo è un esempio. In Italia ci sono molte cellule jihadiste dormienti che fatte da ragazzi nati in Italia ed emarginati, da seconda generazione che vorrebbe un riscatto e signa il potere del Callifato. Non sono alla porta, sono dentro casa. Noi italiani pensiamo ognuno a se stesso, i risultati sono noti.

  6. La democrazia è come una prateria selvaggia: ci crescono erbe eduli ed erbe infeste. Di Battista è del secondo tipo. Che un micro-Stato di 7 milioni di persone (Israele) abbia l’idea, la voglia, la potenza d’impadronirsi del Medio Oriente, sarebbe l’assurdo degli assurdi. Quando fece le sue guerre difensive, s’impossessò di molti territori, e poteva tenerseli per diritto di guerra – come hanno fatto sempre tutti gli altri popoli della Storia, e come sta facendo oggi la Russia in Crimea e nel Donbas. Invece no! Israele ha sempre restituito quei territori. Della Russia nessuno parla, nonostante che stia facendo guerra all’Europa. Di Israele le cimici come Di Battista riescono a parlare perchè sono grillini-grullini, genmte senza cultura, gente senza senso di umanità, gente senza onore. Se avessero un po’ d’onore, scoprirebbero di dover riorientare il proprio cervello, e allora capirebbero che CHI STA DESTABILIZZANDO IL MONDO SONO I PAESI DEL PETROLIO, QUELLI ARABI, CHE MIRANO A IMPOSSESSARSI (con la “guerra santa” o con i petrodollari) di tutto il mondo che non erano ancora riusciti a prendersi con l’avanzata Ottomana.

  7. Ciarlatano, antisemita come tutto il movimento 5 stelle, persona che non capisce nulla di politica nazionale, figuriamoci di politica internazionale, un invito al sig. Di Battista, vai a vivere a mosul e vedi come verrai trattato dai tuoi amici dell’Isis e quello che ti meriti .

  8. Caro Andrea con il tuo intervento hai dimostrato quanto sei anche tu un antisemita e aggiungo un cattocomunista dando ragione al parlamentare Di Battista che a suo modo non capisce nulla di politica estera ne tantomeno di medio oriente, tu oltretutto lo segui il parlamentare Di Battista , un consiglio vai sottobraccio con D’Alema in quel di Beirut insieme ai suoi amici di hezbollah li si che staresti bene, e dato che ci sei portati tre quarti del movimento 5 stelle !

Close