presidente biden dubbi su attacco a rafah

Il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha accettato di inviare un gruppo di funzionari a Washington per discutere le preoccupazioni degli Stati Uniti in merito alla sua operazione militare pianificata nel sud di Gaza, che potenzialmente metterebbe a rischio più di un milione di civili. Lo ha reso noto la Casa Bianca, mentre Israele e Hamas hanno iniziato un ciclo chiave di colloqui sugli ostaggi e una proposta di cessate il fuoco.

Il Presidente Biden ha messo in guardia Netanyahu da un’offensiva nella città di Rafah in una telefonata molto franca avvenuta lunedì, intensificando così la pressione su Israele affinché ripensi la sua strategia di guerra e insistendo sulla possibilità di raggiungere comunque l’obiettivo di sconfiggere Hamas.

“Una grande operazione di terra sarebbe un errore, porterebbe ad altre morti civili innocenti, peggiorerebbe la già terribile crisi umanitaria, aggraverebbe l’anarchia a Gaza e isolerebbe ulteriormente Israele a livello internazionale”, ha dichiarato il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan, descrivendo il messaggio di Biden a Netanyahu.

“E soprattutto, gli obiettivi chiave che Israele vuole raggiungere a Rafah possono essere raggiunti con altri mezzi”, ha aggiunto Sullivan, senza specificare altro.

La reazione della Casa Bianca ha sottolineato i profondi disaccordi di Biden con Netanyahu e la volontà dell’amministrazione di rendere pubbliche le differenze, nella speranza di influenzare Israele e come risposta ai critici interni che sostengono che Biden non abbia fatto abbastanza per tenere a freno Netanyahu.

Questa iniziativa arriva dopo altri recenti passi compiuti da Biden per fare pressione sul governo di Netanyahu affinché aumenti il flusso di aiuti umanitari a Gaza, mentre si moltiplicano i segni di una fame diffusa, e affinché sottoscriva il piano postbellico degli Stati Uniti che include una nuova spinta diplomatica per uno Stato palestinese indipendente.

All’inizio del mese Biden ha fatto intendere con chiarezza che potrebbe bloccare le forniture di armi statunitensi se Israele non prenderà provvedimenti per proteggere i civili a Rafah. Ma Sullivan ha detto che lunedì il Presidente non ha minacciato Netanyahu.

Oggi il Presidente ha detto: “Voglio che lei, signor Primo Ministro, capisca esattamente come la penso. Avete bisogno di una strategia che funzioni… C’è un modo migliore”, ha detto Sullivan.

Come esempio dei difetti della strategia israeliana, Sullivan ha citato l’incursione militare all’ospedale Al-Shifa, nel nord di Gaza, nella mattina di lunedì, che le truppe israeliane avevano ripulito dai terroristi di Hamas mesi fa prima di ritirarsi. Ma gli agenti di Hamas sono tornati nell’ospedale, rendendo necessaria un’altra operazione israeliana.

“Israele ha sgomberato Shifa una volta e Hamas è tornato a Shifa, il che solleva domande su come garantire una campagna sostenibile contro Hamas, in modo che non possa rigenerarsi, non possa riprendere il territorio”, ha detto Sullivan.

L’ufficio di Netanyahu ha dichiarato che i due leader hanno discusso degli sviluppi della guerra, tra cui l’obiettivo di Israele di eliminare Hamas, liberare gli ostaggi rimasti, gli aiuti umanitari e “garantire che Gaza non costituisca mai una minaccia per Israele”. Non è stato menzionato l’impegno di Israele a inviare una delegazione interforze.

Biden ha detto a Netanyahu che è necessario un “cessate il fuoco immediato” della durata di diverse settimane, per liberare gli ostaggi detenuti da Hamas e permettere l’ingresso di maggiori aiuti a Gaza, ha detto il presidente in un post su X (exTwitter).

Netanyahu ha sostenuto che i terroristi di Hamas si sono insinuati tra la popolazione civile a Rafah e ha affermato di procedere con i piani di invasione, nonostante la crescente protesta internazionale per l’impennata del numero di morti tra i civili e alle preoccupazioni per la potenziale carestia.

Sullivan ha dichiarato che il gran numero di persone che si sono rifugiate a Rafah non hanno “nessun altro posto dove andare”, aggiungendo che la maggior parte delle principali città di Gaza sono “in gran parte distrutte”. Un’operazione militare israeliana interromperebbe le consegne di aiuti, dato che Rafah è un importante punto di ingresso per i rifornimenti provenienti dall’Egitto, che confina con Gaza, ha aggiunto. Infine, ha aggiunto, l’Egitto ha espresso “profondo allarme” per qualsiasi operazione imminente e ha sollevato dubbi sulle sue future relazioni con Israele se dovesse aver luogo un’operazione militare.

I colloqui tra i funzionari statunitensi e israeliani su Rafah sono previsti per la fine di questa settimana o l’inizio della prossima.

Sullivan ha dichiarato che il numero tre di Hamas, Marwan Issa, è stato ucciso in un’operazione israeliana la scorsa settimana, il più alto funzionario di Hamas finora ucciso. L’esercito israeliano ha rifiutato di commentare l’affermazione di Sullivan.

Nel frattempo, lunedì Israele e Hamas hanno iniziato un ciclo di colloqui chiave per il cessate il fuoco in Qatar.

Una delegazione israeliana guidata dal capo del Mossad, David Barnea, è atterrata in Qatar, dove si prevede che i mediatori – statunitensi, egiziani e qatarioti – terranno intensi negoziati per due settimane, a causa delle ampie divergenze tra le loro posizioni.

Secondo un funzionario israeliano, l’accordo prevede circa sei settimane di cessate il fuoco per circa 40 ostaggi. I punti chiave per Israele sono la richiesta di Hamas che Israele permetta ai gazesi di tornare nel nord dell’enclave e il controllo su quali prigionieri palestinesi saranno rilasciati come parte dell’accordo.

Israele torna ad Al-Shifa

al shifa hospital palestinese ferito
Palestinese ferito aspetta di essere curato all’ospedale al-Shifa di Gaza FOTO: AGENCE FRANCE-PRESSE/GETTY IMAGES

L’incursione nell’ospedale di Al-Shifa è avvenuta in seguito a “informazioni concrete che richiedevano un’azione immediata”, secondo il portavoce dell’IDF Daniel Hagari. L’esercito israeliano ha dichiarato di aver preso il controllo di una parte di Al-Shifa dopo una battaglia di cinque ore, di aver arrestato circa 80 persone e di aver ucciso un comandante di Hamas. Anche un soldato israeliano è stato ucciso.

Hagari ha detto che terroristi di Hamas di alto livello erano rientrati nell’ospedale e lo stavano usando per dirigere attacchi contro Israele. Israele ha pubblicato un video che mostra le sue truppe sotto il fuoco dei terroristi nel complesso. L’esercito israeliano ha esortato le persone presenti all’interno e nelle vicinanze dell’ospedale ad andarsene. I funzionari sanitari palestinesi hanno dichiarato che l’incursione ha minacciato la vita dei pazienti e delle migliaia di sfollati presenti nell’ospedale.

All’apice delle operazioni militari, Israele disponeva di circa 10 brigate nel nord di Gaza, una cifra ora ridotta a due brigate, ha dichiarato il Magg. Gen. israeliano in pensione Giora Eiland. La riduzione delle forze, ha detto Eiland, ha permesso ai terroristi di tornare nelle aree precedentemente sgomberate da Israele. “Questo è più o meno quello che è successo all’ospedale Shifa”, ha detto.

Se gli alti dirigenti di Hamas sono tornati nell’area intorno ad Al-Shifa, ciò mette in discussione il livello di controllo che l’esercito israeliano ha sulla parte settentrionale di Gaza, ha dichiarato Mouin Rabbani, ricercatore non residente presso il Center for Conflict and Humanitarian Studies, un centro di ricerca indipendente con sede in Qatar. L’esercito israeliano ha dichiarato di aver distrutto le infrastrutture terroristiche ad Al-Shifa e nei dintorni, il che avrebbe dovuto impedire il riemergere di terroristi di alto livello di Hamas.

“La questione non è che ci siano un gruppo di terroristi con armi leggere, ma che ci siano terroristi di Hamas di alto livello”, ha detto Rabbani. “Questo è incoerente con le precedenti affermazioni secondo cui l’esercito è stato in grado di piegare il movimento nel nord della Striscia di Gaza, e che i leader di alto livello sono fuggiti a sud o sono stati eliminati”.

I filmati condivisi dal Ministero della Sanità di Gaza hanno mostrato il fumo che si alzava intorno all’ospedale, con il rumore degli spari e dei droni che ronzavano. I funzionari sanitari hanno detto che i veicoli militari israeliani si trovavano intorno al complesso dove, secondo loro, è scoppiato un incendio e si sono verificati diversi morti e feriti.

“Non sappiamo come muoverci senza rischiare di essere colpiti”, ha detto Fawzi in un’intervista mentre si rifugiava in ospedale. Ha aggiunto che i bulldozer dell’esercito israeliano hanno distrutto parti del complesso utilizzate dalle ambulanze.

Ahmed Almaqadma, un chirurgo plastico di Al-Shifa, ha detto che solo pochi medici sono rimasti nell’ospedale e che negli ultimi mesi gli infermieri sono stati per lo più volontari a rotazione. Almaqadma ha stimato che migliaia di sfollati e centinaia di pazienti si trovano ancora nel campus di Al-Shifa.

All’interno dell’ospedale, l’esercito israeliano ha arrestato il corrispondente di Al Jazeera Ismail Alghoul mentre svolgeva le sue mansioni giornalistiche, ha dichiarato il network. Il reporter è stato picchiato e portato in un luogo sconosciuto, ha detto Al Jazeera, citando quelli che ha detto essere testimoni, mentre l’attrezzatura fotografica è stata distrutta. Il Comitato per la protezione dei giornalisti ha dichiarato di essere allarmato dal rapporto e ha chiesto il rilascio di Alghoul. L’IDF non ha commentato.

Il Ministero della Sanità di Gaza ha chiesto alle Nazioni Unite di proteggere l’ospedale. Il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus ha dichiarato in un post sui social media che gli ospedali non dovrebbero mai essere campi di battaglia. Ma non dovrebbero essere nemmeno rifugio per terroristi, aggiungiamo noi

“Qualsiasi ostilità o militarizzazione della struttura mette a rischio i servizi sanitari, l’accesso alle ambulanze e la consegna di forniture salvavita”, ha dichiarato. “Gli ospedali devono essere protetti. Cessate il fuoco!”.

Gli ospedali sono protetti dal diritto internazionale, ma possono perdere il loro status speciale quando vengono utilizzati attivamente per atti ostili verso il nemico. Hamas ha dichiarato che le sue forze sono state impegnate in scontri con le forze israeliane vicino all’ospedale Al-Shifa e che hanno preso di mira i veicoli militari israeliani. Hamas ha rilasciato una dichiarazione in cui definisce l’operazione militare israeliana “un nuovo crimine”.

L’ospedale di Al-Shifa è stato al centro di una disputa tra l’esercito israeliano e Hamas a novembre. I militari sostenevano che Hamas gestisse un centro di comando e controllo da Al-Shifa. Sebbene molti analisti della sicurezza abbiano concordato con le prove rilasciate dall’esercito israeliano di una presenza armata di Hamas nell’ospedale, la maggior parte ha affermato di non aver visto qualcosa che costituisca una pistola fumante che dimostri che si tratta di un importante centro di comando. Il direttore dell’ospedale, Mohamed Abu Salmiya, è scomparso da quando è stato arrestato dalle forze israeliane a novembre, secondo quanto riferito da ex e attuali dipendenti di Al-Shifa.

Queste operazioni, alla fine dello scorso anno, hanno di fatto messo fuori servizio l’ospedale per un periodo e hanno portato all’evacuazione dei pazienti e degli sfollati. L’ospedale ha lentamente ripristinato alcuni servizi nelle settimane successive al ritiro dell’esercito israeliano e la struttura è stata utilizzata per curare decine di palestinesi feriti in un incidente mortale a un convoglio di aiuti il mese scorso.

Le precedenti incursioni militari israeliane ad Al-Shifa richiedevano ore di lavoro. Questa volta è successo in pochi minuti, ha detto Fawzi, il chirurgo, che dice di aver lavorato ad Al-Shifa durante tutta la guerra.

L’esercito israeliano ha dichiarato che le operazioni passate all’interno del complesso ospedaliero erano orientate a sradicare le infrastrutture dei terroristi, mentre il raid di lunedì era focalizzato a colpire i terroristi.