Due navi portacontainer colpite dagli Houthi nel Mar Rosso

31 Dicembre 2023
Nave portacontainer colpita nel mar rosso

Il Comando centrale degli Stati Uniti ha dichiarato che la nave portacontainer Maersk Hangzhou è stata colpita da un missile mentre navigava nel Mar Rosso, apparentemente il primo attacco riuscito dal lancio di una coalizione internazionale 10 giorni fa per pattugliare l’importantissima via d’acqua.

Una nave da guerra americana, la USS Gravely, ha abbattuto altri due missili balistici mentre rispondeva a una richiesta di soccorso insieme alla USS Labboon.

I missili sono stati lanciati da una zona dello Yemen controllata dal gruppo ribelle Houthi, sostenuto dall’Iran, che ha effettuato quasi due dozzine di attacchi a navi mercantili nel tentativo di bloccare il traffico che attraversa lo stretto chiave di Bab al Mandeb, che collega il Mar Rosso all’Oceano Indiano.

Secondo CentCom, non ci sono stati feriti sulla nave portacontainer Maersk e la nave è ancora in grado di continuare il suo viaggio.

Secondo i dati disponibili al pubblico, la nave, battente bandiera di Singapore e di proprietà della Danimarca, stava navigando da Singapore a Port Said, in Egitto.

L’attacco arriva un giorno dopo che la Danimarca si è unita alla coalizione internazionale istituita per pattugliare il Mar Rosso e sventare simili attacchi.

Maersk, uno dei maggiori spedizionieri al mondo, ha recentemente dichiarato che avrebbe ripreso le sue rotte più efficienti nel Mar Rosso, in apparente reazione all’istituzione della forza di difesa, dopo che per settimane aveva inviato il traffico marittimo intorno al Capo di Buona Speranza in Africa per evitare gli attacchi degli Houthi.

Prima dell’annuncio dell’attacco, il viceammiraglio della Marina statunitense Brad Cooper ha dichiarato all’Associated Press che da quando è stata annunciata l’operazione Prosperity Guardian, 1.200 navi mercantili hanno attraversato la regione del Mar Rosso e nessuna è stata colpita da attacchi di droni o missili.

Cinque navi da guerra di Stati Uniti, Francia e Regno Unito pattugliano le acque del Mar Rosso meridionale e del Golfo di Aden occidentale. Dall’inizio dell’operazione, le navi hanno abbattuto un totale di 17 droni e quattro missili balistici antinave.

Gli Houthi hanno minacciato di attaccare qualsiasi imbarcazione che ritengono diretta o proveniente da Israele, come rappresaglia per la campagna militare israeliana a Gaza.

L’escalation si è estesa a qualsiasi imbarcazione, con navi portacontainer e petroliere battenti bandiera di Paesi come la Norvegia e la Liberia che sono state attaccate o sono state oggetto di attacchi missilistici.

Colpita una seconda nave

L’organizzazione britannica per le operazioni commerciali marittime afferma che il comandante di una nave non identificata nel Mar Rosso ha segnalato “un forte botto accompagnato da un lampo sulla prua sinistra dell’imbarcazione” e diverse esplosioni nelle vicinanze dell’area.

L’incidente è avvenuto a circa 55 miglia nautiche a sud-ovest del porto yemenita di Hodeidah.

Il rapporto dice che non ci sono stati feriti o danni e che la nave si sta dirigendo a tutta velocità verso il suo prossimo porto di scalo.

Il rapporto arriva pochi istanti dopo che l’esercito statunitense ha dichiarato che la nave portacontainer Maersk Hangzhou è stata colpita da un missile, dopo che una nave da guerra americana che ha risposto all’attacco ha abbattuto altri due missili, in quello che sembra essere lo stesso attacco.

Seguici su…

massacro del 7 ottobre sito web

I più condivisi di recente

come teheran prepara il grande attacco contro israele
Previous Story

Come l’Iran prepara il grande attacco contro Israele

Rapporto del New York Times sulle violenze sessuali di Hamas commess il 7 ottobre 2023
Next Story

Cosa dice il rapporto del NYT sulle violenze sessuali di Hamas del 7 ottobre

Latest from Medio Oriente

Go toTop