Ecco perché Donald Trump rischia oltre 50 anni di carcere

Di quali accuse deve rispondere e chi sono i co-cospiratori

L’ex presidente Donald Trump dovrà comparire giovedì davanti alla Corte federale di Washington D.C. dopo essere stato incriminato per la terza volta quest’anno e accusato di cospirazione per frodare il governo degli Stati Uniti e cospirazione per ostacolare un procedimento ufficiale, la certificazione congressuale della vittoria del presidente Joe Biden. Se condannato per tutti i capi d’accusa, Trump fino a 55 anni di carcere.

L’incriminazione di martedì non solo segna la prima volta che l’ex presidente è stato formalmente chiamato a rispondere delle sue azioni per ribaltare la sconfitta elettorale del 2020, ma aggiunge nuovi dettagli a quanto già si sapeva sulle sue azioni, e su quelle dei suoi principali alleati, nelle settimane precedenti la violenta insurrezione del 6 gennaio 2021.

Descrive come Trump abbia ripetutamente detto ai suoi sostenitori e ad altri che aveva vinto le elezioni, pur sapendo che ciò era falso, e come abbia cercato di convincere funzionari statali, il suo stesso vicepresidente e infine il Congresso a rovesciare i legittimi risultati.

A causa della “disonestà, frode e inganno” di Trump e di alcuni dei suoi più stretti alleati, si legge nell’atto di accusa, i suoi sostenitori hanno “violentemente attaccato il Campidoglio e interrotto i lavori”. Nell’attacco, i suoi sostenitori hanno picchiato e ferito gli agenti di polizia e hanno sfondato porte e finestre, facendo fuggire i legislatori.

Trump sapeva

Mentre Trump tramava per capovolgere il risultato delle elezioni del 2020, molti dei suoi aiutanti e alleati non si illudevano che avesse effettivamente vinto. Alcuni collaboratori hanno smentito direttamente le teorie cospirazioniste messe in giro dall’ex presidente e dal suo avvocato, l’ex sindaco di New York Rudy Giuliani. Altri gli hanno detto a chiare lettere che aveva perso.

Queste affermazioni erano false e l’imputato sapeva che erano false

Ma Trump ha continuato a dire “prolifiche bugie”, si legge nell’atto di accusa, sull’esito delle elezioni, anche dopo essere stato avvertito delle sue false dichiarazioni da alti funzionari governativi, citando migliaia di elettori morti in Georgia, un conteggio eccessivo in Pennsylvania e decine di migliaia di elettori non cittadini in Arizona. Queste teorie erano state contestate da funzionari statali e federali e persino dal suo stesso staff. “Queste affermazioni erano false e l’imputato sapeva che erano false”, si legge nell’atto di accusa.

Allo stesso tempo, Trump riconosceva privatamente la sua sconfitta. Dopo che il presidente degli Stati Maggiori Riuniti lo ha esortato a non intervenire su una questione di sicurezza nazionale, Trump ha accettato, secondo l’accusa. “Sì, hai ragione, è troppo tardi per noi”, ha detto Trump durante un incontro del 3 gennaio.

Nel frattempo, ha ripetutamente twittato e incoraggiato i suoi sostenitori a recarsi a Washington il 6 gennaio.

L’atto d’accusa elenca poi diverse conversazioni tra Trump e Pence in quelle settimane, tra cui alcune precedentemente sconosciute. Il 25 dicembre Pence ha chiamato Trump per augurargli buon Natale, secondo i pubblici ministeri. Ma Trump “ha rapidamente spostato la conversazione sul 6 gennaio e sulla sua richiesta che il vicepresidente rifiutasse i voti elettorali di quel giorno”. Il vicepresidente ha reagito dicendo a Trump che non ne aveva l’autorità. In un’altra telefonata, il 1° gennaio, Trump ha detto a Pence: “Sei troppo onesto”.

Chiamate a tarda notte

L’accusa afferma che Trump ha “raddoppiato” i suoi sforzi anche nelle ore notturne dopo che i suoi sostenitori avevano attaccato il Campidoglio. L’accusa descrive diversi tentativi da parte di Trump, attraverso i suoi assistenti e co-cospiratori, di contattare diversi senatori e almeno un membro della Camera poco prima che le due camere si riunissero per certificare definitivamente la vittoria di Biden.

Alle 19:01 di quella sera, secondo l’accusa, il consigliere della Casa Bianca Pat Cipollone chiamò Trump per chiedergli di ritirare qualsiasi obiezione e consentire la certificazione. Trump rifiutò di farlo.

“Mentre si scatenavano le violenze, l’imputato e i cospiratori hanno sfruttato l’interruzione raddoppiando gli sforzi per presentare false accuse di frode elettorale e convincere i membri del Congresso a ritardare ulteriormente la certificazione sulla base di tali accuse”, si legge nell’atto d’accusa.

I co-cospiratori

L’accusa sostiene che Trump abbia arruolato sei persone per aiutarlo a cercare di rovesciare le elezioni del 2020. Le sei persone non sono esplicitamente nominate, ma l’accusa include dettagli che rendono possibile l’identificazione della maggior parte di loro.

Come “co-cospiratore 1” e “co-cospiratore 2”, gli avvocati Rudy Giuliani e John Eastman sono citati per i loro commenti alla manifestazione “Stop the Steal” prima della sommossa, in quanto esortavano Pence ad annullare i voti validi degli elettori. Un terzo avvocato, Sidney Powell, indicato come “co-cospiratore3”, ha presentato una causa in Georgia che amplificava le affermazioni false o non supportate di frode elettorale. L’accusa cita Trump che in privato ha ammesso che le affermazioni di Powell sembravano “folli”. Jeffrey Clark, un funzionario del Dipartimento di Giustizia che ha sostenuto le false affermazioni di Trump sui brogli elettorali, è descritto come “co-cospiratore 4”.

Il “co-cospiratore 5” è l’avvocato Kenneth Chesebro, che secondo l’accusa “ha assistito nell’ideazione e nel tentativo di attuare un piano per presentare liste fraudolente di elettori presidenziali per ostacolare il procedimento di certificazione” e il “co-cospiratore 6” è un consulente politico sconosciuto che ha anch’egli assistito al piano dei falsi elettori. Non ci sono accuse note contro i cospiratori elencati.

L’assistente di Giuliani, Ted Goodman, ha dichiarato in un comunicato che “ogni fatto” dell’ex sindaco di New York “stabilisce la base di buona fede che il Presidente Donald Trump aveva per le azioni che ha intrapreso durante il periodo di due mesi citati nell’atto di accusa”. L’avvocato di Eastman, Harvey Silverglate, ha dichiarato che il suo cliente ha negato qualsiasi illecito.

Il rapporto congressuale

Gran parte delle prove contenute nell’atto di accusa, tra cui i ripetuti sforzi dei consiglieri della Casa Bianca per dire a Trump che aveva perso le elezioni, sono state presentate per la prima volta l’anno scorso dalla commissione della Camera guidata dai Democratici il 6 gennaio. Nel suo rapporto finale pubblicato a dicembre, la commissione ha dichiarato di aver presentato al Dipartimento di Giustizia diversi cosiddetti deferimenti penali per Trump, tra cui ostruzione di un procedimento ufficiale e cospirazione per frodare gli Stati Uniti.

Un deferimento penale da parte del Congresso non è vincolante, ma è una notifica formale da parte del Congresso al Dipartimento di Giustizia che i legislatori ritengono di aver trovato un’attività criminale. Il rapporto finale della commissione ha affermato che Trump si è impegnato penalmente in una “cospirazione in più parti” per rovesciare i risultati e non ha agito per impedire ai suoi sostenitori di attaccare il Campidoglio.

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

More from the blog

Per un giudice di New York Trump ha commesso una frode. Duro colpo per il tycoon

Martedì un giudice di New York ha stabilito che Donald J. Trump ha continuato a commettere frodi gonfiando il valore dei suoi beni e...

Nucleare iraniano: USA pronti a riprendere la via diplomatica

Washington ha "sempre" indicato a Teheran di essere "aperta alla diplomazia" sul controverso programma nucleare del Paese, ma che Teheran deve prima compiere "passi...

Come la Cina sta militarizzando il Mar Cinese Meridionale

La base militare cinese di Mischief Reef, al largo dell'isola filippina di Palawan, si stagliava davanti alla nostra barca, evidente anche nel buio dell'alba. Le...

Più avanzano i processi contro Trump, più lui istiga violenza e minacce a testimoni e giudici

Al tribunale federale di Washington, una donna ha chiamato l'ufficio del giudice assegnato al caso di interferenza elettorale contro l'ex presidente Donald J. Trump...