Gli Stati Uniti sbloccano importante vendita di armi a Israele compresi 50 F-15

18 Giugno 2024
jet f-15 armi americane a israele

I due principali oppositori democratici alla Camera e al Senato hanno approvato un’importante vendita di armi a Israele, tra cui 50 jet da combattimento F-15 per un valore di oltre 18 miliardi di dollari, dopo aver affrontato le forti pressioni dell’amministrazione Biden e dei sostenitori pro-Israele per consentire l’avanzamento della transazione.

La decisione, che non è stata riportata in precedenza, sottolinea la sostanziale propensione di Washington a continuare il flusso di armi verso Israele, nonostante le preoccupazioni dei membri più giovani del Congresso, secondo cui gli Stati Uniti dovrebbero usare la loro influenza per fare pressione su Israele affinché riduca l’intensità della guerra e permetta l’ingresso di maggiori aiuti umanitari a Gaza.

Il rappresentante Gregory W. Meeks, il più importante democratico della Commissione Affari Esteri della Camera, ha giurato pubblicamente di bloccare il pacchetto di armi a meno che non ricevesse garanzie dall’amministrazione su come gli aerei da guerra e le munizioni sarebbero stati utilizzati a Gaza.

Oltre agli F-15, che non arriveranno in Israele prima di anni, l’amministrazione ha chiesto l’autorizzazione per i missili aria-aria e per i kit di munizioni Joint Direct Attack Munition, che adattano le bombe non guidate con una guida di precisione.

“Non voglio che il tipo di armi di cui dispone Israele venga utilizzato per fare più morti”, ha dichiarato Meeks alla CNN in aprile. “Voglio assicurarmi che gli aiuti umanitari arrivino. Non voglio che la gente muoia di fame e voglio che Hamas rilasci gli ostaggi. E voglio una soluzione a due Stati”.

Dopo mesi di ritardi nella vendita di armi, Meeks e il senatore Ben Cardin, il più importante democratico del Comitato per le relazioni estere del Senato, hanno approvato la transazione alcune settimane fa, secondo quanto riferito da fonti interne all’Amministrazione. L’atteggiamento di Cardin, un convinto sostenitore di Israele, era stato visto come un atto di solidarietà collegiale nei confronti di Meeks.

Meeks e Cardin sono due dei quattro legislatori che possono effettivamente porre il veto a una vendita militare estera. Nel caso del pacchetto di F-15 e munizioni, i due repubblicani più importanti delle commissioni – il senatore James E. Risch dell’Idaho e il rappresentante Michael McCaul del Texas – hanno approvato la vendita mesi fa.

Il Dipartimento di Stato può ora procedere alla notifica al Congresso della vendita approvata, il passo successivo al completamento della transazione. Alla domanda sul perché la notifica non fosse già stata inviata, un portavoce del Dipartimento di Stato ha rifiutato di commentare lo stato della vendita.

Se approvata, la transazione sarebbe una delle più grandi vendite di armi a Israele dall’inizio della guerra. Gli armamenti, spesso pagati per molti anni, sono in gran parte finanziati dagli oltre 3,3 miliardi di dollari di fondi dei contribuenti statunitensi che Washington fornisce a Israele ogni anno.

Meeks ha dichiarato al Washington Post di essere stato in “stretto contatto” con la Casa Bianca riguardo al pacchetto e di aver “ripetutamente sollecitato l’amministrazione a continuare a spingere Israele a fare miglioramenti significativi e concreti su tutti i fronti quando si tratta di sforzi umanitari e di limitare le vittime civili”. Ha sottolineato che gli F-15 saranno consegnati “tra anni” e ha detto di continuare a sostenere il diritto di Israele a difendersi dalle minacce dell’Iran e di Hezbollah.

Un portavoce di Cardin ha dichiarato che la vendita è passata attraverso i “regolari processi di revisione”.

“Tutte le questioni o le preoccupazioni che il presidente Cardin aveva sono state affrontate attraverso le nostre consultazioni in corso con l’Amministrazione, ed è per questo che ha ritenuto opportuno permettere che questo caso andasse avanti”, ha dichiarato Eric Harris, direttore delle comunicazioni del Comitato per le Relazioni Estere del Senato, in un comunicato.

I critici progressisti dell’amministrazione Biden sostengono che non abbia usato efficacemente l’influenza degli Stati Uniti nella guerra che dura da otto mesi. Il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha respinto le richieste statunitensi di evitare un’incursione di terra a Rafah o di accelerare la consegna degli aiuti per vie terrestri.

I repubblicani hanno definito un tradimento “riprovevole” qualsiasi ritardo nella consegna di armi a Israele. “Gli Stati Uniti devono stare dalla parte di Israele. Punto”, ha dichiarato il deputato Russell Fry. Il senatore Tom Cotton ha definito la pausa di una spedizione come un “embargo sulle armi a Israele”, nonostante la rapida e continua spedizione di armi da parte dell’amministrazione dal 7 ottobre, quando Hamas ha attaccato Israele, uccidendo circa 1.200 persone e catturando più di 250 ostaggi.

I difensori dell’approccio dell’amministrazione sottolineano che l’offensiva israeliana a Rafah è stata più contenuta di quanto inizialmente temuto, grazie alle pressioni statunitensi. Nonostante i recenti incidenti di massa che hanno coinvolto armi statunitensi, l’amministrazione Biden sta valutando se sospendere la consegna di una spedizione di 1.800 bombe da 2.000 libbre e 1.700 bombe da 500 libbre.

La spedizione era stata bloccata a maggio a causa delle preoccupazioni degli Stati Uniti per le vittime civili a Rafah, dove fino a 1,5 milioni di persone si erano rifugiate dopo essere fuggite dai combattimenti nella parte settentrionale dell’enclave.

Le bombe da 2.000 libbre sganciate dall’aria, in grado di radere al suolo isolati di città, sono state collegate a precedenti incidenti di massa durante la campagna militare di Israele a Gaza. Meeks ha dichiarato di continuare a sostenere “la pausa dell’amministrazione su alcuni trasferimenti di munizioni a causa delle preoccupazioni per le continue vittime civili a Gaza”.

A Washington, il sostegno militare degli Stati Uniti a Israele riceve un appoggio schiacciante da parte dei repubblicani e dei democratici al Congresso, sostenuti da potenti gruppi di interesse come l’American Israel Public Affairs Committee, che sta spendendo decine di milioni di dollari in questo ciclo elettorale per disarcionare i democratici che considera non sufficientemente pro-Israele.

Ma al di fuori di Washington, Biden è stato oggetto di critiche significative da parte dei Democratici di base, compresi gli elettori arabo-americani negli Stati chiave. Con l’aggravarsi delle condizioni a Gaza – con il diffondersi della carestia e la mancanza di cure mediche – sono scoppiate proteste in tutti gli Stati Uniti, interrompendo numerosi eventi della campagna di Biden.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
portavoce idf avvisa hezbollah
Previous Story

Hezbollah sta portando il Libano sull’orlo di una guerra devastante

putin Kim Jong Un in corea del nord
Next Story

Oggi Putin arriva in Corea del Nord in cerca di più armi e missili balistici

Latest from Medio Oriente

Go toTop