Middle East

Hezbollah in possesso di sofisticato sistema missilistico. Allarme in Israele

hezbollah-missile-Yakhont

Hezbollah è entrato in possesso del sistema missilistico Yakhont, un sistema sofisticato impiegato principalmente in configurazione anti-nave difficilmente rilevabile dai radar. A riferirlo sono fonti della difesa israeliana.

Secondo quanto riferiscono fonti della Marina israeliana il sofisticato sistema missilistico di fabbricazione russa denominato anche P-800 metterebbe in serio pericolo le attività nei porti di Haifa e Ashdod e la cosa sta destando fortissimo allarme tra i capi della difesa israeliana.

Solo due giorni fa il Wall Street Journal riferiva di una rapporto della intelligence americana secondo il quale Hezbollah avrebbe aggirato i controlli israeliani importando il sistema Yakhont (o P-800) pezzo per pezzo dalla Siria. Secondo quanto riferisce il prestigioso giornale americano i terroristi di Hezbollah sarebbero in possesso anche di altri sofisticati sistemi missilistici (almeno 12 secondo l’intelligence americana) ma ancora non tutti sarebbero in Libano e quindi materialmente in mano a Hezbollah.

Inutile dire che l’allarme in Israele è molto forte e che l’intelligence ha ulteriormente alzato il grado di vigilanza sul Libano e sulla Siria. Il Ministro della Difesa israeliano, Moshe Ya’alon, ha ribadito che questo tipo di sistema missilistico era considerato da Israele una “linea rossa” e che lo Stato Ebraico si riserva il Diritto di agire in qualsiasi modo per tutelare la sicurezza dei cittadini israeliani e dello Stato Ebraico di Israele.

Noemi Cabitza

Tags

Related Articles

15 Comments

  1. Bene, allora che si chiudano i conti con i terroristi del partito di Dio usati finanziati dall”iran vogliamo che altre centinaia di sistemi sofisticati cadano in mano di questi pazzi terroristi, e ora di schiacciare distruggere questa organizzazione terroristica che vive solo ed esclusivamente per uccidere cittadini Ebrei e Israeliani, cosa aspetta il governo a schiacciarli con tutta la potenza militare che possiede oggi Israele, siamo ad un punto di ritorno o loro oppure il popolo Ebraico, e non come il 2006 che hanno fatto una guerra con la punta di spillo !!

  2. ma come fa joi a sostenere simili sciocchezze? Ma non si è accorto che sono anni e anni che le guerre fatte da israele per “schiacciare i terroristi” hanno sempre determinato situazioni peggiori di quelle di partenza? oggi Hezbollah è molto più forte che nel 2006 e già allora piombo fuso fu un disastro. Immagino tu viva comodamente in Italia o in qualche altro stato europeo, dubito che se fossi in Israele sosterresti con tanta leggerezza che si deve iniziare un conflitto con hezbollah che causerebbe morte e distruzione in tutta israele per poi finire con hezbollah più vivo, vegeto e combattivo che mai.

    1. E tu ci vivi ln Israele da sapere come la pensiamo noi oppure tiri a immaginare? Hezbollah si è rinforzato solo grazie a Unifil e un buon aiuto da Teheran. Se ci lasciavano finire il lavoro a quest’ora anche il Libano sarebbe libero da queste merde

  3. No non vivo in israele ma presuppongo che, per quanto obnubilati dalla propaganda della destra al potere, anche in israele le madri di famiglia, i padri e tutti quanti si preoccupino per i loro cari e non desiderino una pioggio di missili sulle proprie città, guerriglia e terrorismo. 60 anni di conflitto hanno dimostrato che nemmeno quando israele godeva di una superiorità militare politica e diplomatica assolutamente schiacciante è stato possibile fermare la resistenza araba, ora, che peraltro i rapporti di forza sono radicalmente mutati (come dici tu dietro hezbollah c’è il potente Iran, il quale ha o potrebbe avere in poche settimane la bomba atomica e i vettori per spedirla su Israele) e così le alleanze internazionali, l’idea di arrivare e spaccare tutto a suon di bombe di modo che poi si giunga a un nuovo equilibrio è demenziale.

    1. questa tua preoccupazione per le sorti dei figli di Israele è commovente. Non ti preoccupare, le madri israeliani sanno cosa rischiano, ci sono nate sapendo cosa rischiano.
      Per il resto (rapporti di forza radicalmente mutati ecc.ecc.) stendiamo un velo pietoso. Hezbollah si è rinforzato ma da qui a dire che i rapporti di forza sono mutati ce ne passa. Non riescono nemmeno a riprendersi la Siria contro quattro cialtroni cannibali, figuriamoci una guerra con Tzahal

  4. infatti nel 2006 per tzahal è stata una passeggiata….e quando parlo di rapporti di forza intendo che prima gli altri stati coinvolti erano tecnologicamente molto arretrati, e anche militarmente e diplomaticamente. Ora l’asse hezbollah-iran-russia è molto ben armato,. può contare su uomini super addestrati e su supporto internazionale di moltissimi stati importanti. Pensare di risolvere la questione bombardando massicciamente il libano e sperando che non ci siano reazioni è la risposta che darebbe un bambino di 11 anni.

    1. nessuna guerra è una passaggiata, ma se non fosse arrivato l’Onu sarebbero arrivati a Beirut. Che poi la propaganda di Hezbolla, alla quale tu sembra sia molto attaccata, dice che è stata una grande vittoria è un’altro paio di maniche. Anche Piombo Fuso per Hamas è stata una vittoria e pure l’ultima azione su Gaza. Lo dicono sempre, è nel loro DNA mentire spudoratamente.
      Comunque tranquilla, smetti pure di preoccuparti per gli israeliani, noi sappiamo benissimo cosa fare, quando farlo e come farlo.

  5. Noi sappiamo cosa fare? siete israeliani? e comunque visto che sembra che vi interessi molto la guerra sappiate che una guerra si vince quando si possono raggiungere gli obbiettivi che ci si prefissa. Se faccio una guerra per sbloccare ai traffici il canale di suez, ad esempio, devo essere sicura di poter raggiungere il risultato. Anche se Israele fosse andata avanti fino a beirut (a costo di centinaia di ragazzi morti) poco dopo hezbollah sarebbe rinato, come hamas. La resistenza non si sconfigge se non politicamente, creando le condizioni per una pace duratura. Continuare a bombardare i paesi vicini, a occupare i palestinesi, a colonizzare la palestina, a sfidare la comunità internazionale, a farsi odiare nel mondo e a perdere l’appoggio americano è proprio una strategia vincente per uno stato piccolissimo e minacciato…si sapete proprio cosa fare!

    1. si ANCHE israeliani (e italiani, uno statunitense e una ragazza marocchina)
      Le guerre si fanno per tanti motivi, quella contro Hezbollah è venuta dopo una serie infinita di attacchi e, certo, sarebbero morti tanti ragazzi, ma guarda oggi a che punto siamo, sull’orlo di una nuova e forse più sanguinosa guerra perché certa gente capisce solo l’uso della forza. Non si tratta con chi ti vuole annientare.

  6. Se capissero l’uso della forza israele sarebbe in pace da 60 anni, visto che ha usato sempre e solo la forza, spesso in maniera sproporzionata, per ottenere sicurezza e, appunto come sottolineate, dopo anni e anni di utilizzo di questi metodi non solo non è sicura come in una botte di ferro, ma è ogni anno più in pericolo dell’anno prima. Lei mi ricorda i metodi dei medici nel medioevo, che curavano i malati con i salassi, e se non guarivano significava che il salasso non era stato abbastanza grande, e andava rifatto meglio, fino a che il paziente non stirava le zampe. Voi pensate di garantire la sicurezza di israele con stragi e massacri, mentre queste stragi e questi massacri servono solo a aumentare l’odio di un miliardo di arabi (e il disamore degli occidentali) rendendo quindi israele più insicura dopo ogni “operazione”.

  7. No. La soluzione è un processo lungo di reciproco riconoscimento, che parte dalla nascita di uno stato palestinese (a proposito…sto ancora aspettando che voi di R.R. mi spiegate dove dovrebbe nascere) e poi di graduale distensione che, negli anni, porti alla risoluzione delle reciproche incomprensioni. Certo per fare questo serve che israele la smetta di presupporre un suo diritto divino che è precedente e superiore ai diritti civili e politici degli altri.

    1. cambia pusher che ti da robaccia
      “graduale distensione che, negli anni, porti alla risoluzione delle reciproche incomprensioni” ah ah ah ah ah ah con gli arabi? Ma ci hai mai avuto a che fare oppure apri la bocca e gli dai l’aria? Sono 60 anni che Israele le tenta tutte per fare come dici tu. Adesso ci siamo rotti i cog…ni
      Il Diritto divino su quella terra ci viene da migliaia di anni non da due giorni. Ma davvero dobbiamo sopportare questa propaganda filopalestinese che non porta nessun apporto? Ci sono migliaia di siti pro-pal, cazzo vada in quelli a dire ste stronzate.

Close