Intollerabile antisemitismo palestinese. Mahmoud Abbas nega ancora l’olocausto

7 Settembre 2023
Mahmoud Abbas alias abu mazen antisemitismo palestinese

Il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha detto che la battaglia di Hitler contro gli ebrei non era dovuta all’antisemitismo. «È stato a causa delle loro azioni come prestatori di denaro», ha dichiarato il mese scorso al Consiglio rivoluzionario del partito Fatah.

Mercoledì è stata diffusa una registrazione dei suoi commenti. Ha anche affermato che gli ebrei americani sono stati costretti da Israele a immigrare, anche se non volevano.

«Dicono che Hitler ha ucciso gli ebrei perché erano ebrei e che l’Europa odiava gli ebrei perché erano ebrei. Non è vero. È stato spiegato chiaramente che [gli europei] hanno combattuto [gli ebrei] per il loro ruolo sociale e non per la loro religione», ha detto Abbas.

I suoi commenti hanno attirato la condanna in Israele e all’estero. Lo Yad Vashem ha rilasciato una dichiarazione che definisce le sue parole il peggior negazionismo dell’Olocausto espresso da qualsiasi leader. «Il consenso con cui il suo discorso è stato accettato dai partecipanti alla conferenza non è meno grave. Non si può permettere che simili dichiarazioni siano accettate senza rimproveri».

L’ambasciatore di Israele in Germania, Ron Posor, ha dichiarato che i ripetuti discorsi antisemiti di Abbas sono orribili. «Devono essere intraprese azioni forti contro l’incitamento che inizia nei libri di scuola antisemiti e finisce nel genocidio», ha affermato.

L’inviato di Israele alle Nazioni Unite, Gilad Erdan, ha affermato in un post su X, formalmente Twitter, che Abbas ha mostrato il vero volto della leadership palestinese. «Mentre diffonde questo puro antisemitismo, paga anche i terroristi palestinesi per l’omicidio di israeliani ed elogia pubblicamente il terrorismo palestinese. Il mondo deve svegliarsi e ritenere Abbas e la sua Autorità Palestinese responsabili dell’odio che spargono e dello spargimento di sangue che ne consegue. Ci deve essere tolleranza zero per l’incitamento e il terrore palestinese!».

Non è la prima volta che il leader palestinese fa commenti antisemiti. L’anno scorso, durante una visita a Berlino, ha accusato Israele di aver compiuto «50 Olocausti contro i palestinesi». Nel 2018 ha ripetuto la sua teoria cospirativa secondo la quale gli europei non si opponevano agli ebrei solo a causa della religione, ma anche per le loro attività sociali e per i loro affari nel campo del prestito di denaro, dei tassi di interesse e delle banche e in ripetute occasioni ha affermato che Hitler offrì agli ebrei denaro per migrare dall’Europa alla Palestina. Voleva che la nazione ebraica fosse utile per lui.

Ma nel 2010, in un incontro con i leader della comunità ebraica americana, Abbas ha dichiarato di riconoscere gli orrori dell’Olocausto e di voler inviare funzionari palestinesi a visitare le cerimonie di commemorazione per radicare la conoscenza dell’Olocausto nella società palestinese e nel 2014 ha affermato che l’Olocausto è stato «il più spregevole crimine contro l’umanità, mai perpetrato». La sua dichiarazione è stata rilasciata ai media in arabo, rendendolo il primo leader palestinese a fare un commento così inequivocabile sull’Olocausto.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
Previous Story

La Corea del Nord può allungare la guerra in Ucraina

Jared Kushner accordi di abramo accordo israele arabia saudita
Next Story

Jared Kushner chiede a Trump di appoggiare l’accordo Saudita-Israele mediato da Biden

Latest from Medio Oriente

Go toTop