Middle East

Iran preparava attentati in Kuwait: 24 arresti

Preparavano attentati in Kuwait per conto dell’Iran. Una cellula terroristica legata a Teheran e ad Hezbollah composta da 24 persone è stata scoperta e sgominata dalle forze di sicurezza del Kuwait mentre erano intenti a preparare attentati nello Stato del Golfo, lo riferiscono fonti a Kuwait City le quali precisano che il Pubblico Ministero nel convalidare gli arresti ha formulato l’accusa di spionaggio ed eversione per conto della Repubblica islamica dell’Iran, una accusa molto precisa e gravissima che dimostra una volta di più la volontà da parte dell’Iran di destabilizzare il Golfo Persico.

Secondo quanto si apprende il Pubblico Ministero avrebbe accertato che i 24 arrestati stavano preparando attentati contro lo Stato del Kuwait e che i piani erano a un punto molto avanzato. L’accusa di eversione e terrorismo è aggravata da quella di “tentativo di minare l’unità dello Stato del Kuwait”.

Dei 24 arrestati solo uno è cittadino iraniano mente gli altri sono cittadini del Kuwait di fede sciita legati all’Iran e a Hezbollah. Per i cittadini dell Kuwait l’accusa è anche quella di tradimento.

Le indagini hanno appurato che gli arrestati sono stati addestrati in Iran all’uso degli esplosivi e che avevano ricevuto armi e materiale esplosivo da Teheran. Secondo fonti in Kuwait gli arrestati avrebbero confessato di essere legati ad Hezbollah che avrebbe fornito loro la logistica e indicato gli obbiettivi da colpire. Secondo Arab Times gli accusati erano in possesso anche di mitragliatrici e di altre armi d’attacco.

Solo pochi giorni fa il responsabile dei rapporti con l’estero del Parlamento del Kuwait, Hamad al-Harashani, aveva denunciato che «il vero pericolo per la regione del Medio Oriente si chiama Iran», una consapevolezza rafforzata da questa scoperta.

Scritto da Shihab B.

Tags

Related Articles

One Comment

  1. Mah va’ !!!! anche i paesi Arabi piu infervoriati nel dare addosso ad Isarele si accorgono solo,ora che l’Iran e il vero nemico del modo Arabo, e non Israele che tende a vivere in pace e sicurezza dentro i propri confini e non ha nessuna aspirazioni egemoniche verso nessun paese confinante ne tantomeno Arabo, ma anzi vorrebbe vivere e prosperare mettendo al servizio le sue conoscenze la sua alta tecnologia al servizio anche di quei paesi Arabi che en facessero richiesta, ma i governanti ricchi e opulenti del medio Oriente in questo caso il Kuwait dovrebbero prendersela con Borack Obama che ha fatto un patto scellerato con la teocrazia radicale islamista dall’Iran , e non continuare vedere nell’unica nazione democratica del medio oriente come un nemico da combattere e distruggere, i veri nemici sono lì al suo confine, ma sopratutto a 10.000 km. di distanza, quelli che un tempo erano i loro protettori !!!

Close