Report e analisi

Iraq balcanizzato: è tutta colpa di Obama

iraq-obama

Quello che in molti dicevano essere inevitabile, cioè assistere alla balcanizzazione dell’Iraq, sta inesorabilmente avvenendo. E il rischio fortissimo è che avvenga anche in Siria e in altri paesi limitrofi (penso alla Turchia).

Ma quello che avviene in Iraq non è il frutto del corso naturale degli eventi, è l’esempio lampante di dove ha portato la politica menefreghista di Obama, la cosiddetta “politica del disimpegno” che tradotto vuol dire “prima ti ho messo nella merda e adesso ti ci lascio affondare”.

Si può discutere per ore sul fatto che l’invasione dell’Iraq è stato un enorme errore commesso da Bush e non certo da Obama, ma la scelta di abbandonare il Paese a se stesso o, peggio, nelle mani di Al Qaeda o degli Ayatollah iraniani è stata unicamente una scelta di Obama.

E’ tipico del Presidente americano fare così. Lo ha fatto con la Libia, con l’Egitto, lo sta facendo con la Siria e con l’Afghanistan. Non è quindi una novità. Ma l’Iraq è diverso perché a livello geo-politico perdere qualsiasi controllo su questo enorme paese significa essere incoscienti, dei pazzi da manicomio.

E quante bugie ha detto Obama prima di lasciare l’Iraq al suo destino? Ha detto di aver addestrato l’esercito e di averlo armato. Non è vero. L’altro ieri a Mosul 1.500 terroristi hanno messo in fuga due battaglioni di soldati iracheni. E andate a vedere che armi hanno i militari iracheni. Le stesse di quando c’era Saddam Hussein. Pochi e vecchi elicotteri, vecchi fucili AK47, vecchi lanciagranate RPG, qualche vecchio carro armato T60 russo, nessun caccia. Altro che esercito addestrato e ben armato.

La domanda ora è una sola: intende fare così anche con l’Afghanistan oppure la lezione irachena è servita a qualcosa?

[glyphicon type=”user”] Scritto da Adrian Niscemi

[glyphicon type=”euro”] Sostieni Rights Reporter

Tags

Related Articles

One Comment

  1. Obama, quando è stato eletto ha fatto questo pensiero e poi tramutato in conti con la politica Estera, io se voglio farmi rieleggere e sopratutto tenere sempre lucido il mio nel premio Nobel ( chiaramente immeritato ) devo fare una sola cosa, far vedere all’opinione pubblica Americana, che non devono più morire soldati Americani come mosche nei vari teatri mondiali….ecco cosa ha fatto prima, ma oggi ancora peggio, scendere a compromesso con i talebani…..dove arriverà ora Obama, bhe per prima cosa ha benedetto l’unità ritrovata palestinese tra al Fatha e Hamas, il primo con radici Laiche il secondo con radici Ultra Radicali alla faccia di tutelare Israele, ma prima ancora aveva abbandonato ai Russi un paese come l’Eggitto, a lui non va giù che le tanto reclamizzate Primavere Arabe o che i suoi amici fratelli Mussulmani che tanto lui aveva osannato abbiano fallito, aveva abbandonato l’Iraq in mano ad un governo fantoccio sciita guidato dagli Iraniani…..in Siria a permesso al suo presidente di scatenare un genocidio…..180.000 morti in poco meno di due anni…..e poi che fa’….ha il coraggio sia lui che il suo burattinaio Kerry di fare le Reprimende a Netanyahu e al suo Governo….ma mi domando e dico….ma questo personaggio chi l’ha mandato, da dove è arrivato per far fare tante figure di merda agli Stati Uniti D’America…mi chiedo ma quando lo metteranno sotto accusa ? Ha quanto mi manca Ronald Regan !

Close