Israele: il Ministro della Difesa tutela l’IDF dagli attacchi della destra

4 Settembre 2023

Ieri (domenica) il Ministro della Difesa israeliano, Yoav Gallant, ha risposto ai membri della coalizione che negli ultimi mesi hanno attaccato i funzionari militari e della sicurezza, affermando che le loro oltraggiose osservazioni danneggiano le Forze di Difesa Israeliane.

«Negli ultimi giorni, alcuni funzionari eletti, tra cui ministri e membri della Knesset, si sono permessi di fare dichiarazioni false, infondate e irresponsabili sull’IDF, sui suoi comandanti e sui suoi soldati», ha dichiarato Yoav Gallant durante una cerimonia di premiazione di ufficiali che si sono distinti nella difesa del paese.

«Si tratta di dichiarazioni oltraggiose che mettono in pericolo il bene più importante dello Stato di Israele, le Forze di Difesa Israeliane», ha detto Gallant durante l’evento presso il quartier generale dell’IDF a Tel Aviv.

«Voi, comandanti, soldati dell’IDF e membri delle forze di sicurezza che dedicate la vostra vita alla sicurezza del Paese e alla protezione dei suoi cittadini, meritate tutto il sostegno e coloro che cercano di screditarvi meritano tutta la nostra condanna», ha continuato Gallant.

Riferendosi alle tensioni nazionali sui piani del governo per la revisione del sistema giudiziario, ha detto: «Questa è la sede per esprimere apprezzamento all’IDF e al suo capo, il Capo di Stato Maggiore Ten. Gen. Herzi Halevi, e allo Stato Maggiore sotto la sua guida per aver portato a termine i compiti di sicurezza, per aver affrontato con determinazione le sfide sociali che riguardano l’IDF».

«Anche in questi giorni, e forse soprattutto in giorni come questi, è importante mantenere l’IDF come tale, e lasciarlo al di sopra di qualsiasi controversia – non abbiamo nessun altro esercito a cui appoggiarci», ha aggiunto Yoav Gallant.

Le osservazioni di Gallant sono arrivate dopo che venerdì il deputato Tally Gotliv, membro del partito Likud del primo ministro Benjamin Netanyahu, ha accusato l’IDF e l’agenzia di sicurezza Shin Bet di «lavorare per i terroristi».

Gotliv ha fatto questa affermazione mentre prendeva le difese del ministro della Sicurezza nazionale di estrema destra Itamar Ben Gvir, che venerdì si è scontrato con Netanyahu sulla politica del governo nei confronti dei prigionieri palestinesi. Ben Gvir ha insistito sull’entrata in vigore di nuove regole che limitano le visite dei familiari a una volta ogni due mesi, mentre Netanyahu ha affermato che non è stata presa alcuna decisione in tal senso.

«È bene sapere che lo Shin Bet e l’IDF lavorano per i terroristi e per i prigionieri della sicurezza. L’intero Stato profondo è contro il ministro Ben Gvir», ha affermato Gotliv in un post su X, il sito di social media precedentemente noto come Twitter.

I suoi commenti sono stati condannati dall’ufficio di Netanyahu, che li ha definiti «oltraggiosi». Venerdì anche Gallant ha definito «gravi» le dichiarazioni di Gotliv e le ha paragonate a «calpestare la bandiera nazionale», esortandola a «scusarsi immediatamente».

Gotliv è stata una regolare fonte di grattacapi per il premier, con la sua schiettezza, e di recente è stata responsabile di un’imbarazzante mancanza di voti della coalizione in parlamento dopo essersi rifiutata di seguire la linea del partito.

Altri legislatori, tra cui quelli del Likud e dei partiti di estrema destra Otzma Yehudit e Sionismo religioso, nonché il figlio di Netanyahu, hanno ripetutamente attaccato i funzionari della difesa negli ultimi mesi, dopo che i militari avevano condannato le violenze dei coloni israeliani contro i palestinesi in Cisgiordania.

I funzionari militari sono stati attaccati anche per aver avvertito che le proteste di migliaia di riservisti, che hanno terminato il loro servizio volontario per protestare contro la revisione giudiziaria, stanno danneggiando la prontezza dell’IDF.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
proteste in israele 35esima settimana
Previous Story

35esima settimana di proteste in Israele. Oltre 100,000 persone a Tel Aviv

Next Story

La mano di Assad dietro agli scontri nella Siria orientale

Latest from Medio Oriente

Go toTop