La maggioranza dei russi approva i crimini di guerra di Putin

11 Giugno 2023
russi stanno con putin

I giornalisti e i funzionari occidentali sono stati colpiti dall’unità che i russi hanno mostrato da quando è iniziata l’invasione dell’Ucraina e hanno cercato di presentarla come un “radunarsi intorno alla bandiera”, un comportamento che si sarebbe dovuto inevitabilmente indebolire nel tempo, secondo quanto affermato dai relatori di una tavola rotonda dell’Istituto di ricerca sociale di Mosca.

Ma in realtà, hanno detto i partecipanti, la società russa è stata molto più unita di quanto si aspettassero e l’Occidente è rimasto “congelato” nelle sue valutazioni del grado di atomizzazione e di disunione che gli osservatori esterni hanno ipotizzato essere continuato dagli anni ’90.

Aleksandr Rudakov, politologo russo, ha sostenuto che “l’Occidente è rimasto ‘congelato’ negli anni ’90, quando ha formato le sue valutazioni sul grado di unità della società russa”, non riconoscendo che “abbiamo lasciato da tempo gli anni ’90”, quando molti russi vivevano secondo il principio del “ciascuno per sé”.

“Oggi vediamo”, ha proseguito, “che questa tendenza sta svanendo e c’è una crescente richiesta di azione collettiva. La popolazione degli anni ’90 si sta ritirando nel passato”, con un numero sempre maggiore di russi respinti da ciò che accadeva in precedenza. La svolta, ha aggiunto, è avvenuta nel 2014 “dopo il ritorno della criminalità e l’inizio dell’aggressione economica occidentale”.

Oleg Matveychev, politologo e deputato della Duma, ha affermato che “l’Occidente fin dall’inizio ha contato sull’idea che in Russia stesse iniziando una guerra civile. Ma questo non è successo”. L’Occidente pensava di poter promuovere tale sviluppo con le sanzioni, ma anche questa tattica è fallita.

La “terza fase” di questa strategia comprendeva i tentativi di dividere la nostra società con l’aiuto di azioni terroristiche” e la manipolazione dello spazio informativo. Anche questa strategia non ha avuto un impatto in Russia perché si basava su una visione completamente sbagliata di come sono in realtà i russi di oggi.

Viktor Poturemsky, sondaggista del Moscow Institute for Social Marketing, ha dichiarato che il suo gruppo ha scoperto che più della metà dei russi ritiene che il Paese sia più unito oggi rispetto all’inizio dell’invasione dell’Ucraina, che i valori di base non siano cambiati e che il 57% riferisce di un ampio sostegno alla guerra tra i propri familiari e amici.

Più di un russo su cinque – il 22% – ha dichiarato ai suoi intervistatori che praticamente tutti i membri del loro entourage sostengono la guerra, il 35% afferma che la maggioranza lo fa e solo il 27% dice che alcuni lo fanno ma altri no, ha continuato Poturemsky.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
collaborazione russia iran
Previous Story

Iran sempre più coinvolta al fianco della Russia nella guerra in Ucraina

guerra iran israele
Next Story

Intelligence israeliana: nasce Branch 54, la sezione dedicata alla guerra contro l’Iran

Latest from Guerra Ucraina

Go toTop