La NATO e il vuoto di informazione nell’Indo-Pacifico

12 Agosto 2023
nato indo-pacifico

Di Lynn Kuok (Istituto Internazionale di Studi Strategici) – Il recente vertice della NATO a Vilnius, in Lituania, è stato seguito con attenzione per l’esito della richiesta di adesione della Svezia – la Turchia ha deciso alla vigilia del vertice di chiedere al proprio parlamento di approvare l’adesione della Svezia – e per la risposta dell’alleanza alla richiesta formale di adesione dell’Ucraina: la NATO ha affermato che l’Ucraina diventerà membro “quando gli alleati saranno d’accordo e le condizioni saranno soddisfatte”, senza definire un calendario per l’ingresso del Paese che comunque avverrà dopo la guerra.

Per quanto riguarda l’Asia è stato esaminato un altro aspetto e cioè: come la NATO si è posizionata nei confronti della Cina.

Su questo fronte ci sono stati tre sviluppi prima di Vilnius e proprio a Vilnius.

In primo luogo, come per il vertice NATO di Madrid del 2022, la NATO ha esteso gli inviti a quattro Paesi dell’Indo-Pacifico: Australia, Giappone, Nuova Zelanda e Corea del Sud. Si tratta di Paesi con i quali l’Alleanza ha stipulato accordi per approfondire la cooperazione. L’invito mirava a sottolineare i legami strategici tra l’area euro-atlantica e quella indo-pacifica.

In secondo luogo, il comunicato dei leader includeva un linguaggio forte che esprimeva preoccupazione per la Cina.

In terzo luogo, la NATO ha previsto l’apertura di un ufficio di collegamento a Tokyo. Questa proposta è stata bloccata dalle obiezioni dei francesi e, secondo quanto riferito all’ultimo minuto, dei tedeschi, anche se il Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg insiste che i piani per l’apertura di un ufficio di collegamento a Tokyo sono “ancora sul tavolo”.

Oltre ai quattro Paesi partner, ve ne sono altri nell’Indo-Pacifico, compreso il Sud-Est asiatico, che sono nel migliore dei casi agnostici e nel peggiore ostili alla NATO. Occorre fare di più per rassicurare questi Paesi che la NATO non sarà una forza destabilizzante nel loro cortile. L’alleanza non è ben compresa nella regione e la maggior parte dei commenti si concentra sulla sua dimensione militare.

Per questo motivo, alla Cina è stato permesso di plasmare l’immagine della NATO nell’Indo-Pacifico. La notizia del previsto ufficio di collegamento a Tokyo, ad esempio, ha fatto notizia senza che la NATO abbia prima sottolineato i suoi obiettivi politici o definito come l’ufficio di collegamento si inserisca in tali obiettivi. Il fallimento ha permesso alla Cina di entrare nel vuoto informativo e di creare la narrazione.

Mentre il comunicato emerso dal vertice ha accusato la Cina di essere “opaca sulla sua strategia, le sue intenzioni e il suo sviluppo militare”, la stessa NATO potrebbe essere accusata, se non di opacità, di mancanza di chiarezza strategica, come dimostrano le obiezioni francesi all’ufficio di collegamento di Tokyo sulla base del fatto che creerebbe malintesi sull’impegno della NATO nell’Indo-Pacifico, che non è la sua area geografica di competenza.

Sarebbe sbagliato suggerire che la NATO non ha nulla da fare al di fuori dell’area euro-atlantica. Lo scopo dichiarato della NATO è quello di “salvaguardare la libertà e la sicurezza di tutti i suoi membri con mezzi politici e militari”, e garantirlo a volte implica “impegnarsi al di fuori della NATO”, poiché “lo scoppio di crisi e conflitti al di là dei confini alleati può mettere a rischio questo obiettivo fondamentale”.

Inoltre, la NATO può svolgere un ruolo importante nella difesa e nella promozione dello Stato di diritto nell’Indo-Pacifico.

Ma il fatto che la presenza della NATO sia difendibile in termini di missione dichiarata dell’Alleanza non significa che sia saggia. La prudenza dell’impegno nella regione dipenderà dall’efficacia di tale impegno.

Al di là del suo atteggiamento nei confronti della Cina, la NATO può e deve fare di più per rispondere alle inquietudini sui suoi obiettivi e sulle sue intenzioni nell’Indo-Pacifico.

Le obiezioni cinesi al vertice sono emerse nel periodo precedente. Circa una settimana prima, i media di Stato cinesi hanno criticato “l’agenda nascosta della NATO”. Pechino ha sostenuto che questa era stata svelata in anticipo dalla Lituania, la nazione ospitante, che aveva annunciato la propria strategia indo-pacifica, la cui formulazione era stata “presa direttamente” dalla retorica statunitense nei confronti della Cina.

Il Global Times ha denunciato il fatto che “un Paese baltico con meno di 3 milioni di abitanti, situato nella zona di irradiazione diretta del conflitto tra Russia e Ucraina” abbia annunciato una strategia indo-pacifica.

Il commento ha anche criticato la presenza di Australia, Giappone, Nuova Zelanda e Corea del Sud al vertice per il secondo anno consecutivo, che ha dato, a suo avviso, un “forte segnale dell’espansione della NATO nell’Asia-Pacifico”.

Nel frattempo, il comunicato dei leader, uscito dal vertice e che riflette quasi parola per parola il linguaggio del concetto strategico della NATO pubblicato nel marzo 2022, ha accusato “le ambizioni dichiarate e le politiche coercitive della Repubblica Popolare Cinese [di] sfidare i nostri interessi, la sicurezza e i valori”.

Il comunicato dei leader si è spinto oltre il concetto strategico del 2022 per ampliare il “partenariato strategico in via di approfondimento” tra Cina e Russia. È stata aggiunta una lista di desideri della NATO in relazione alla Cina: in particolare, che essa “svolga un ruolo costruttivo come membro permanente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che condanni la guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina, che si astenga dal sostenere in qualsiasi modo lo sforzo bellico della Russia, che cessi di amplificare la falsa narrazione russa che incolpa l’Ucraina e la NATO per la guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina e che aderisca agli scopi e ai principi della Carta delle Nazioni Unite”.

La NATO ha chiesto, in particolare, alla Cina “di agire in modo responsabile e di astenersi dal fornire qualsiasi aiuto letale alla Russia”.

La NATO voleva chiaramente inviare un segnale di preoccupazione per il comportamento della Cina. Questo era importante, anche se alcune parti del comunicato mancavano di specificità: quali “ambizioni dichiarate” della Cina, ad esempio, erano discutibili?

La Cina, senza sorpresa, si è indignata per il comunicato e il Ministero degli Affari Esteri ha chiesto alla NATO di “smetterla con le accuse infondate e la retorica provocatoria nei confronti della Cina, di abbandonare la mentalità obsoleta della Guerra Fredda e di abbandonare l’errore di cercare la sicurezza assoluta”.

È lecito chiedersi cosa abbia ottenuto finora la NATO nel più ampio Indo-Pacifico, al di là della segnalazione. Né l’Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico (ASEAN) né i suoi Stati membri hanno una posizione ufficiale sulla NATO, ma il sospetto nei confronti dell’alleanza nel Sud-Est Asiatico è esemplificato dai commenti che evidenziano un senso di sfiducia.

Kishore Mahbubani, un ex diplomatico e accademico di Singapore, ha scritto nel 2021 sullo Straits Times, un quotidiano nazionale, che “il Pacifico non ha bisogno della cultura militarista distruttiva dell’Alleanza Atlantica” e che “la NATO non è un’organizzazione geopoliticamente saggia”. Nel maggio di quest’anno, il Jakarta Post, un quotidiano indonesiano, ha pubblicato un op-ed che etichettava l’avvicinamento della NATO all’Asia come “un passo molto pericoloso” e “una notizia molto preoccupante per la pace e la stabilità regionale”. Un commento del National Defence Journal of Vietnam, collegato alla Commissione militare centrale vietnamita e al Ministero della Difesa nazionale, sostiene che “l’espansione dell’influenza della NATO nell’Indo-Pacifico ha suscitato preoccupazione nei Paesi di questa regione, in quanto aumenta il rischio di instabilità quando la competizione tra Cina e Occidente diventa sempre più feroce”.

Le preoccupazioni per la presenza della NATO nell’Indo-Pacifico possono essere ricondotte a due aspetti principali. La prima è che la NATO si stia espandendo militarmente nella regione, un’affermazione che non ha alcun fondamento. Molti nella regione considerano la NATO solo un’alleanza militare, dimenticando le sue dimensioni politiche, e la sua espansione nell’Indo-Pacifico evoca immagini di truppe ed equipaggiamenti NATO. Gli Stati membri della NATO sono chiari sul fatto che non hanno intenzione di espandersi militarmente nella regione; l’Alleanza dovrebbe cercare di rafforzare questo messaggio.

La seconda preoccupazione è più sfumata: anche a prescindere dalle operazioni militari, l’espansione della NATO guidata dagli Stati Uniti nell’Indo-Pacifico complicherà un panorama geostrategico già molto complicato. Ad aggravare questa preoccupazione c’è la percezione, anche nei Paesi dell’Indo-Pacifico che hanno preso una posizione forte contro l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, che la NATO sia geopoliticamente maldestra e che abbia almeno una parte di responsabilità nell’invasione.

Tra i Paesi del Sud-Est asiatico, Singapore ha preso la posizione più forte contro quella che ha descritto come una “chiara e grave violazione” del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite da parte della Russia. Ciononostante, nel marzo 2023 il ministro degli Interni di Singapore ha pronunciato un discorso in cui affermava che “l’Occidente e la NATO… non sono stati spettatori estranei che non hanno avuto alcun ruolo nella situazione attuale”.

Sebbene le azioni della Cina nel Mar Cinese Meridionale – dove le sue espansive rivendicazioni marittime sono una chiara violazione del diritto internazionale – siano gravi, non tutti i Paesi della regione considerano la Cina una minaccia.

Anche i paesi del Sud-Est asiatico che rivendicano terre rivendicate anche dalla Cina (e da Taiwan) nel Mar Cinese Meridionale sono cauti nell’alienarsi la superpotenza del vicinato. Vedono la loro disputa con la Cina solo come parte di una più ampia relazione bilaterale, che raccoglie benefici effettivi e potenziali.

Secondo un sondaggio dell’Istituto Yusof Ishak del 2023 tra i sud-est asiatici, la Cina continua a essere considerata la potenza economica più influente della regione, con quasi il 60% degli intervistati che ha preferito la Cina agli Stati Uniti (10,5%). (La Cina è anche considerata la potenza politica e strategica più influente, con il 41,5% degli intervistati che ha scelto la Cina e il 31,9% gli Stati Uniti).

Nella maggior parte, se non in tutto il Sud-Est asiatico, l’accettazione dell’importanza dello Stato di diritto non è accompagnata dalla volontà di rischiare un conflitto o lo sviluppo economico in sua difesa. Le preoccupazioni sono più marcate per il deterioramento dei legami tra Stati Uniti e Cina e il suo impatto destabilizzante e, per molti, per gli Stati Uniti percepiti come eccessivamente conflittuali.

Di conseguenza, la NATO deve adottare un approccio diverso se vuole mobilitare efficacemente l’Indo-Pacifico per sostenere un ordine internazionale basato sulle regole.

Per essere efficaci, le attività di sensibilizzazione nell’Indo-Pacifico devono andare oltre il Giappone e gli altri partner NATO dell’Indo-Pacifico. I quattro Paesi presenti a Vilnius sono importanti ma non rappresentano la totalità della regione – un fatto che è stato scarsamente riconosciuto al vertice.

Il Sud-Est asiatico, ad esempio, è il cuore geografico dell’Indo-Pacifico e la Cina sta coltivando l’ASEAN e i suoi Stati membri. La Cina è il principale partner commerciale dell’ASEAN da 14 anni, i suoi investimenti diretti esteri nel Sud-Est asiatico sono in crescita e la sua Belt and Road Initiative è generalmente accolta con favore.

Più fondamentalmente, la NATO dovrebbe evitare vaghe lamentele contro “le ambizioni dichiarate della Cina”, la minaccia cinese o il pericolo che i regimi autoritari rappresentano per le democrazie. Dovrebbe limitarsi a identificare chiaramente i comportamenti che violano il diritto internazionale nella regione, come i tentativi della Cina di rivendicare diritti economici all’interno della linea a nove linee che racchiude gran parte del Mar Cinese Meridionale, in modo da trovare una causa comune.

La NATO dovrebbe anche avere un’agenda positiva e lavorare con l’UE e gli Stati Uniti per sostenere la pace e la prosperità nella regione con mezzi politici, in particolare attraverso la consultazione e la cooperazione su “questioni legate alla difesa e alla sicurezza per risolvere i problemi, costruire la fiducia e prevenire i conflitti”.

L’accento dovrebbe essere posto su attività di collaborazione a bassa intensità, che potrebbero includere il rafforzamento delle capacità (ad esempio aiutando a migliorare la consapevolezza del dominio marittimo) e il dialogo sulla sicurezza nucleare e la non proliferazione, la sicurezza informatica e l’antiterrorismo.

Se l’ufficio di collegamento della NATO a Tokyo andrà in porto – e le conversazioni private al vertice di Vilnius e al forum che si è svolto a latere, a cui ha partecipato questo autore, suggeriscono che potrebbe essere usato per aumentare la comprensione nella regione dell’alleanza e delle sue dimensioni politiche. Finora, le notizie sull’ufficio di collegamento hanno permesso alla Cina di rafforzare le sue affermazioni sull’espansionismo e la militarizzazione della NATO.

Interpellato sull’ufficio proposto a Tokyo, il Ministero degli Affari Esteri cinese ha dichiarato che “il tentativo della NATO di fare breccia a est nell’Asia-Pacifico minerà inevitabilmente la pace e la stabilità regionale”.

Ciò che si sa della NATO nella regione è in gran parte un riflesso dello specchio che la Cina le porge. Le lamentele della Cina nei confronti della NATO sono molto forti in Asia. Comprendere, affrontare e, idealmente, prevenire queste preoccupazioni permetterà all’Alleanza di impegnarsi più efficacemente in una regione importante per raggiungere il suo obiettivo principale di salvaguardare la libertà e la sicurezza dei suoi membri.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
scambio prigionieri iran stati uniti
Previous Story

Ecco l’accordo tra Stati Uniti e Iran su prigionieri e fondi congelati

Next Story

Attacco israeliano a Damasco. Colpiti depositi di missili e droni iraniani

Latest from Report e analisi

Go toTop