putin trattato start

Di Amy Mackinnon – Il Presidente russo Vladimir Putin ha annunciato martedì che il suo Paese sospenderà la partecipazione all’accordo New START con gli Stati Uniti, mettendo in discussione il futuro dell’ultimo accordo di controllo degli armamenti rimasto tra le due maggiori potenze nucleari del mondo.

Il trattato, entrato in vigore nel 2011, pone limiti al numero di armi nucleari intercontinentali che ciascun Paese può possedere ed è stato prorogato per altri cinque anni nel 2021. Il controllo degli armamenti è stato a lungo considerato come l’ultimo baluardo della collaborazione costruttiva tra Washington e Mosca.

Putin non ha mostrato segni di cedimento, utilizzando il suo discorso annuale sullo stato della nazione per inveire contro gli Stati Uniti e accusare l’Ucraina e l’Occidente di aver provocato la guerra pochi giorni prima del primo anniversario dell’invasione russa. “Vogliono infliggerci una ‘sconfitta strategica’ e allo stesso tempo cercare di raggiungere le nostre strutture nucleari”, ha detto Putin durante il suo discorso di quasi 100 minuti, accolto dagli applausi dei legislatori e degli alti funzionari russi. “In questo contesto, devo dichiarare oggi che la Russia sospende la sua partecipazione al Trattato sulle armi strategiche offensive”.

In risposta all’annuncio di Putin, il Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg ha dichiarato: “Con la decisione odierna sul New START, l’intera architettura del controllo degli armamenti è stata smantellata”.

Gli esperti hanno detto che è troppo presto per interpretare le osservazioni di Putin come l’annuncio di una nuova corsa agli armamenti nucleari, ma con il trattato che scadrà nel 2026, l’annuncio del leader russo complicherà ulteriormente gli sforzi diplomatici per estendere o negoziare un nuovo trattato tra Stati Uniti e Russia, che insieme detengono circa il 90% delle armi nucleari del mondo.

“Se non si accordano su nuovi limiti ai loro arsenali strategici prima della scadenza del New START, per la prima volta dal 1972 non avremo limiti ai due maggiori arsenali nucleari del mondo”, ha dichiarato Daryl Kimball, direttore esecutivo della Arms Control Association. “Questo apre la porta a un aumento degli arsenali nucleari strategici da parte di entrambe le parti”.

Ecco cosa potrebbe significare l’annuncio di Putin per il futuro del controllo degli armamenti.

Cosa ha detto Putin in realtà?

Nel suo annuncio di martedì, Putin non ha invocato l’opzione nucleare sul controllo degli armamenti. Sospendendo la partecipazione della Russia al trattato, invece di ritirarsi completamente, il documento è ancora valido e in teoria può essere ripreso in futuro. “La sospensione è meglio del ritiro”, ha dichiarato Pavel Podvig, ricercatore senior presso lo United Nations Institute for Disarmament Research. “Le cose sarebbero potute andare peggio”, ha aggiunto.

Non è chiaro cosa ci vorrebbe perché la Russia torni al trattato, ha detto Kimball. “Non presterei troppa attenzione ai pretesti e alle scuse che [Putin] ha fornito per spiegare perché la Russia si sta ritirando”, ha aggiunto.

Putin ha illustrato le sue condizioni per il ritorno all’accordo, tra cui l’inclusione delle capacità nucleari di altri Stati membri della NATO, tra cui il Regno Unito e la Francia, che attualmente non fanno parte dell’accordo.

“Non è un punto serio”, ha detto Andrey Baklitskiy, ricercatore senior del United Nations Institute for Disarmament Research. “Il Regno Unito e la Francia non ne facevano parte quando la Russia lo ha firmato. Non lo erano nemmeno nel 2021, quando Putin ha esteso il trattato per cinque anni”.

Putin ha anche affermato che la Russia non condurrà nuove esplosioni di test nucleari, a meno che gli Stati Uniti non lo facciano per primi, in una dichiarazione apparentemente responsabile ma in gran parte irrilevante. “Non si tratta di un cambiamento apprezzabile nella posizione della Russia”, ha detto Kimball, sottolineando che sia gli Stati Uniti che la Russia sono firmatari del Trattato per la messa al bando totale degli esperimenti nucleari del 1996, che vieta tutti i test sulle armi nucleari. Dal momento che gli Stati Uniti non hanno alcuna intenzione di violare il trattato testando le proprie capacità nucleari per la prima volta in oltre un quarto di secolo, ha detto Kimball, non ci sarà motivo per la Russia di seguirne l’esempio.

Perché Putin lo ha detto ora?

Le luci rosse sulla partecipazione della Russia al trattato lampeggiavano da tempo.

Le ispezioni reciproche dei siti di armi nucleari strategiche sono state sospese nel marzo 2020 a causa dei rischi per la salute posti dalla COVID-19. Ma quando la pandemia si è placata, la Russia ha deciso di sospendere le ispezioni. Ma quando la pandemia si è attenuata, nell’agosto del 2022 Mosca ha annunciato che avrebbe impedito agli ispettori statunitensi di riprendere le visite alle sue strutture, sostenendo che le sanzioni occidentali impediscono ai suoi funzionari di effettuare visite reciproche negli Stati Uniti. Lo scorso novembre, il Dipartimento di Stato americano ha annunciato che la Russia aveva rinviato un incontro programmato in Egitto per definire una road map per la ripresa delle ispezioni.

In un annuncio del mese scorso, il Dipartimento di Stato ha accusato Mosca di aver violato gli obblighi previsti dal trattato impedendo ai funzionari statunitensi di ispezionare i siti di armi russi.

Cosa può fare Washington?

In una dichiarazione rilasciata martedì, il Segretario di Stato Antony Blinken ha affermato che gli Stati Uniti osserveranno attentamente le azioni della Russia in seguito all’annuncio di Putin e ha ribadito che Washington rimane pronta a parlare di controllo degli armamenti.

“La domanda è se l’amministrazione Biden riuscirà a far capire a Vladimir Putin, che è il blocco in questo caso, che è nell’interesse della sicurezza nazionale della Russia riprendere la piena attuazione del trattato”, ha dichiarato Rose Gottemoeller, che è stata il capo negoziatore statunitense del New START.

Poco dopo il discorso di Putin, il Ministero degli Esteri russo ha dichiarato che continuerà a rispettare i limiti sul numero di testate nucleari che può schierare in base al trattato, scongiurando per il momento la prospettiva di una nuova corsa agli armamenti.

Poiché le ispezioni reciproche dei siti non sono riprese dopo la pandemia, l’impatto più immediato dell’annuncio di Putin sarà probabilmente la fine del rispetto da parte della Russia dell’accordo di notificare a Washington ogni volta che i missili a capacità nucleare vengono spostati, mantenuti, smantellati o messi in deposito. Questa condivisione di informazioni è stata un’importante misura di trasparenza che ha permesso a ciascuna parte di tenere sotto controllo lo stato delle forze nucleari dell’altra, anche quando non era possibile effettuare controlli di persona. (Secondo il Dipartimento di Stato, dall’entrata in vigore dell’accordo nel 2011, le due parti si sono scambiate più di 25.000 notifiche).

“La sospensione del regime di notifica è a mio avviso un problema serio e grave”, ha dichiarato Gottemoeller. “Le implicazioni sono gravi per la prevedibilità degli Stati Uniti, ma – ed è questo che lascia perplessi – sono altrettanto gravi per la Russia. Come pensano di pianificare le loro operazioni nucleari in futuro se non sanno cosa succede nelle forze nucleari strategiche statunitensi?”.

Washington si trova ora a dover decidere se continuare a tenere Mosca aggiornata sullo stato delle sue forze nucleari. Per ora, gli esperti sono fiduciosi che l’amministrazione Biden terrà la porta aperta. “Questa amministrazione, sono molto fiducioso, non si tirerà fuori dall’accordo”, ha detto Kimball. Tuttavia, potrebbe dover affrontare una maggiore pressione da parte dei repubblicani per adottare una linea più dura. Alla luce dell’annuncio di Putin, il presidente della Commissione per i servizi armati della Camera Mike Rogers ha dichiarato che “tutte le opzioni devono essere sul tavolo”, compreso il dispiegamento di ulteriori forze nucleari. (fonte)