Le preoccupazioni USA su un conflitto tra Israele ed Hezbollah

Gli USA e gli esperti israeliani temono che Iron Dome possa collassare sotto un massiccio attacco missilistico da parte di Hezbollah
21 Giugno 2024
preoccupazioni USA su guerra tra Israele ed Hezbollah

Di Jacob Magid – Giovedì, alti funzionari statunitensi hanno ospitato le loro controparti israeliane per un incontro a Washington, mentre nell’amministrazione di Joe Biden è cresciuta la preoccupazione per la possibile apertura di un vero e proprio fronte settentrionale nella guerra di Gaza, che vedrebbe il sistema di difesa missilistica Iron Dome di Israele sopraffatto dall’arsenale missilistico di Hezbollah.

Gli incontri del consigliere per la sicurezza nazionale Tzachi Hanegbi e del ministro per gli Affari strategici Ron Dermer con il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense Jake Sullivan e il segretario di Stato Antony Blinken sono stati in gran parte oscurati dal battibecco pubblico in corso tra i due governi, scatenato da una dichiarazione video di martedì del primo ministro Benjamin Netanyahu, in cui il premier israeliano ha criticato quelli che, a suo dire, erano “inconcepibili colli di bottiglia” posti dall’amministrazione Biden nel trasferimento di armi e munizioni a Israele.

Martedì la Casa Bianca ha negato ferocemente l’accusa, affermando di aver trattenuto solo una spedizione, mentre tutte le altre sono proseguite. Poco prima che Hanegbi e Dermer arrivassero alla Casa Bianca, il portavoce del Consiglio di Sicurezza Nazionale John Kirby ha ribadito la frustrazione dell’amministrazione, definendola “irritante e deludente per noi, oltre che scorretta”.

La Casa Bianca non ha pubblicato un resoconto dell’incontro che i principali assistenti di Netanyahu hanno avuto con Sullivan e quello rilasciato dal Dipartimento di Stato dopo il loro incontro con Blinken è stato un riassunto dei punti di vista statunitensi da tempo sostenuti riguardo alla guerra tra Israele e Hamas.

Blinken ha “ribadito il fermo impegno degli Stati Uniti per la sicurezza di Israele”, si legge nel comunicato del Dipartimento di Stato, aggiungendo che il trio ha discusso i colloqui in corso per garantire un accordo sugli ostaggi e un cessate il fuoco. Questi negoziati sono bloccati da quando Hamas ha risposto all’ultima proposta di Israele la settimana scorsa con una lunga lista di emendamenti. Gli Stati Uniti hanno detto che alcuni dei cambiamenti sono fattibili, mentre altri non lo sono. Da allora, mediatori del Qatar e dell’Egitto hanno avviato colloqui con Hamas per convincere il gruppo terroristico a rinunciare alle sue richieste.

L’alto diplomatico statunitense “ha sottolineato la necessità di adottare ulteriori misure per far affluire gli aiuti umanitari a Gaza e pianificare la governance, la sicurezza e la ricostruzione postbellica”, si legge nel comunicato degli Stati Uniti.

All’inizio di questa settimana, l’IDF ha annunciato che avrebbe attuato pause giornaliere nei combattimenti lungo un percorso specifico nel sud di Gaza per consentire la distribuzione sicura degli aiuti. Ma i gruppi umanitari affermano che la mossa ha avuto un’influenza limitata, poiché la legge e l’ordine sono crollati in tutta la Striscia, rendendo quasi impossibile la consegna degli aiuti.

Per quanto riguarda la pianificazione post-bellica, Netanyahu ha continuato a opporsi alle richieste degli Stati Uniti di affrontare la questione, sostenendo che l’esercizio è in gran parte inutile, poiché nessun gruppo sarà disposto ad assumere la gestione di Gaza finché Hamas sarà ancora presente. Gli Stati Uniti e l’establishment di sicurezza israeliano non sono d’accordo, sostenendo che Hamas manterrà la sua forza, fino a quando non verrà potenziata un’alternativa più moderata.

Blinken “ha anche sottolineato l’importanza di evitare un’ulteriore escalation in Libano e di raggiungere una risoluzione diplomatica che permetta alle famiglie israeliane e libanesi di tornare alle loro case”, si legge nel comunicato statunitense.

Giovedì scorso, la CNN ha riferito che i funzionari di Biden sono seriamente preoccupati che i sistemi di difesa aerea di Israele, tra cui Iron Dome, vengano sopraffatti nel caso di una guerra totale con Hezbollah.

“Valutiamo che almeno alcuni” sistemi Iron Dome “saranno sopraffatti”, ha dichiarato alla CNN un alto funzionario dell’amministrazione.

Si ritiene che la milizia sciita possieda circa 150.000 razzi che potrebbe utilizzare per colpire le infrastrutture israeliane.

Tre funzionari statunitensi hanno dichiarato alla CNN che le loro controparti israeliane condividono queste preoccupazioni e stanno pianificando di spostare i sistemi intorno a Gaza verso nord, in preparazione di una possibile offensiva contro Hezbollah.

I funzionari israeliani hanno riferito agli Stati Uniti che i sistemi Iron Dome hanno maggiori probabilità di essere sopraffatti in uno scenario in cui Hezbollah lancia un gran numero di armi a guida di precisione, che il gruppo terroristico sostenuto dall’Iran ha nel suo arsenale, ha riferito la CNN.

“Il fatto che siamo riusciti a mantenere il fronte così a lungo è stato un miracolo”, ha dichiarato un alto funzionario statunitense. “Stiamo entrando in un periodo molto pericoloso. Qualcosa potrebbe iniziare con poco preavviso”.

Israele ritiene di avere ancora le risorse per lanciare un’offensiva contro Hezbollah, in particolare una volta conclusa l’offensiva nella città meridionale di Gaza, Rafah, hanno dichiarato alla CNN alcuni funzionari.

Ma gli Stati Uniti ritengono che il rifiuto di Israele di proporre una valida alternativa al governo di Hamas lascerà l’IDF impantanato a Gaza, prosciugando le risorse di cui avrebbe bisogno per condurre con successo una campagna militare contro Hezbollah.

I funzionari statunitensi non hanno detto esplicitamente alle loro controparti israeliane che si oppongono a un attacco contro Hezbollah, ma hanno avvertito che tale offensiva potrebbe portare a un conflitto regionale molto più ampio con il coinvolgimento diretto dell’Iran, ha detto la CNN.

I funzionari israeliani hanno suggerito che potrebbero mettere in atto un attacco simile a una guerra lampo, ma i funzionari statunitensi hanno espresso scetticismo sul fatto che tali combattimenti possano essere contenuti.

Blinken ha detto a una controparte araba durante il suo viaggio nella regione la scorsa settimana che Israele sembra intenzionato a lanciare comunque un’offensiva contro Hezbollah.

Israele sta cercando di spingere le forze di Hezbollah più a nord del Libano, creando una zona cuscinetto che permetta ai residenti israeliani di sentirsi sufficientemente al sicuro per tornare alle loro case. Decine di migliaia di persone sono state evacuate dopo che Hezbollah ha iniziato a lanciare ripetuti attacchi alle città di confine settentrionali in seguito all’assalto di Hamas del 7 ottobre.

Gli Stati Uniti sono ancora convinti di poter mediare un accordo diplomatico per riportare la calma sul confine settentrionale se prima riusciranno a negoziare un cessate il fuoco tra Israele e Hamas a Gaza.

(Fonte Times of Israel)

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
niente carestia a Gaza
Previous Story

La macchina del fango palestinese continua a mentire sulla carestia a Gaza

accuse a Israele di crimini di guerra
Next Story

Israele e le accuse (di nuovo) di crimini di guerra

Latest from Medio Oriente

Go toTop