Mettereste sullo stesso piano Hitler e Churchill? La CPI lo ha fatto con Israele e Hamas

Da un lato un paese democratico, dall'altro una organizzazione terrorista. ". Metterli insieme è una calunnia per i libri di storia. Immaginate un organismo internazionale che persegua Tojo e Roosevelt, o Hitler e Churchill, durante la Seconda Guerra Mondiale
21 Maggio 2024
hamas e israele sullo stesso piano

La Corte penale internazionale (CPI) non ha perso solo il filo del discorso. Nel richiedere mandati di arresto per il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il suo capo della difesa, insieme a un trio di leader di Hamas responsabili del 7 ottobre, la CPI ha perso di vista la distinzione cruciale tra lo squadrone della morte e il pilota di bombardieri, da cui dipende la possibilità di una guerra giusta. Il Presidente Biden ha ragione a definire “oltraggiosa” l’azione della Corte, ma la grottesca falsa equivalenza richiede più di parole dure.

Da una parte ci sono i leader democratici di Israele, che conducono una guerra per recuperare gli ostaggi e sradicare i terroristi di Gaza. Dall’altra parte c’è Hamas, che ha scatenato la guerra con l’omicidio di massa, gli stupri e i rapimenti del 7 ottobre, e i cui leader si impegnano a farlo “ancora e ancora”. Metterli insieme è una calunnia per i libri di storia. Immaginate un organismo internazionale che persegua Tojo e Roosevelt, o Hitler e Churchill, durante la Seconda Guerra Mondiale.

I difetti delle accuse della CPI contro Israele sono molti. Il procuratore Karim Ahmad Khan sostiene che “la fame dei civili è un metodo di guerra”. Hamas elenca 31 gazesi che sostiene siano morti per malnutrizione e disidratazione in sette mesi di guerra. Questo su 2,3 milioni di persone che l’Egitto non lascia uscire dal suo confine.

Israele ha facilitato l’ingresso di 542.570 tonnellate di aiuti e 28.255 camion di aiuti, in uno sforzo senza precedenti per rifornire i civili di un nemico, anche se Hamas ruba gli aiuti e cerca di ostacolare la consegna. Israele ha implorato l’Egitto per due settimane di far entrare gli aiuti a Rafah, ma l’Egitto si rifiuta. È questo il comportamento di un governo israeliano deciso a far morire di fame i gazesi?

La Corte penale internazionale sostiene che Israele stia “dirigendo intenzionalmente attacchi contro la popolazione civile”, un’altra accusa che è sottosopra. “Israele ha fatto di più per prevenire le vittime civili in guerra di qualsiasi altro esercito nella storia“, ha dichiarato John Spencer, docente di guerra urbana a West Point, “stabilendo uno standard che sarà difficile e potenzialmente problematico da ripetere”. Se le nazioni non possono condurre guerre giuste, il male prevale, il che significa che la Corte penale internazionale non sta dando una vittoria solo ad Hamas.

Mentre Gaza è una zona di guerra e il personale della CPI è impegnato in Ucraina, il procuratore non ha avuto modo di condurre un’indagine seria. Khan aveva assicurato ai senatori statunitensi che l’inchiesta sarebbe durata mesi e che avrebbe sentito gli israeliani. Lo staff della CPI sarebbe dovuto atterrare in Israele per le discussioni preliminari lunedì. Invece, Khan ha annunciato la sua mossa alla CNN.

La Corte penale internazionale è inoltre priva di giurisdizione. Israele, come gli Stati Uniti, non ha mai firmato il trattato che l’ha creata. Per permettere di perseguire Israele, la Corte ha stravolto le sue regole per convocare uno Stato di Palestina inesistente, con confini definiti a tavolino, che potrebbe essere definito uno Stato membro.

La CPI dovrebbe intervenire come “corte di ultima istanza”, in assenza di magistrature nazionali in grado di chiedere conto ai leader. Si pensi ad Hamas, i cui tribunali sono dei fumetti. Israele ha un tribunale indipendente che è famoso per la sua inclinazione attivista e antigovernativa.

L’inosservanza della procedura da parte della Corte penale internazionale mette in luce la sua parzialità e, se la richiesta di mandato è un tentativo di minare il governo di Netanyahu, non funzionerà. Il leader dell’opposizione si è già mobilitato per condannare il “completo fallimento morale” della Corte penale internazionale.

Lunedì Biden ha denunciato la mossa della CPI, ma la sosterrà? Nel 2021 ha revocato l’ordine esecutivo del Presidente Trump che minacciava sanzioni contro chiunque fosse coinvolto in azioni della CPI contro un alleato americano, israeliano o altri alleati non consenzienti. Il Congresso ha da tempo autorizzato il Presidente a “usare tutti i mezzi necessari e appropriati” per opporsi a tali azioni della CPI.

Il budget della CPI, proveniente in gran parte da Giappone, Germania, Francia, Regno Unito, Italia e Corea del Sud, dovrebbe essere messo a rischio. Come possono questi Paesi ospitare o addestrarsi con le truppe statunitensi e allo stesso tempo finanziare un organismo che minaccia di perseguirli senza alcuna giurisdizione?

Il signor Khan è stato avvertito delle conseguenze della subordinazione della legge alla ricerca di Israele. Ai giudici che esamineranno i suoi mandati di arresto è stato chiesto di firmare l’epitaffio della CPI.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
corte penale internazionale contro israele
Previous Story

La Corte Penale Internazionale oltraggia le vittime del 7 ottobre

rapporto sui numeri veri della guerra tra hamas e israele
Next Story

Rapporto: i numeri veri della guerra tra Israele e Hamas

Latest from Opinioni

Go toTop