Report e analisi

Nucleare Iran: il non senso di Obama

obama-linea-rossa

Obama vuole un accordo con l’Iran sul suo programma nucleare entro oggi o al massimo entro la fine della settimana. Non sono servite le obiezioni di Israele, ribadite dalla Francia e dalla maggioranza dei senatori americani, a fargli cambiare idea. Anzi, il pensiero di Obama assomiglia sempre più a un “non senso”.

Ieri, infatti, il Presidente Obama intervenendo al Forum del Wall Street Journal ha ribadito che se la comunità internazionale non accetterà l’accordo proposto da Teheran il programma nucleare iraniano andrà avanti e gli iraniani si avvicineranno alla bomba. E’ un controsenso assurdo. In sostanza Obama sostiene che accettando l’accordo offerto dagli iraniani, l’Iran arriverà alla bomba tra qualche mese, mentre se non si accetterà l’accordo ci arriverà subito. Solo qualche mese fa sosteneva che non avrebbe mai permesso all’Iran di avere la bomba.

La stessa cosa è stata ribadita dal portavoce della Casa Bianca, Jay Carney, il quale ha affermato che «il Presidente Obama ha sottolineato che in assenza di un accordo l’Iran continuerà a fare progressi sul suo programma nucleare aumentando la sua capacità di arricchimento con l’installazione di centrifughe di nuova generazione e facendo progressi anche sul versante del plutonio». Insomma, o la si da vinta agli iraniani oppure loro andranno avanti molto in fretta.

In tutto  questo è utile notare come sia completamente sparita dall’orizzonte di Obama l’opzione militare, ammesso che ci si amai stata, per impedire all’Iran di dotarsi di armi nucleari. Intendiamoci, nessuno ha mai creduto che il più codardo Presidente americano che la storia ricordi avrebbe usato la forza per impedire all’Iran di dotarsi di armi nucleari. L’esempio siriano e li a ricordarci di che pasta (frolla) è fatto Barack Obama. Ma che Obama facesse una marcia indietro così plateale nemmeno i suoi critici più feroci se lo aspettavano. Come si può pretendere che gli iraniani abbiano timore di questo burattino?

Adrian Niscemi

Tags

Related Articles

11 Comments

  1. È un piacere sentire il tono stizzito dei guerrafondai frustrati. La verità è che Obama ha preso bin Laden, tolto le armi chimiche ad Assad e raggiungerà un accordo storico con l’Iran senza sparare un colpo e spendere un dollaro.

    1. ha preso Bin Laden e poi ha detto: “Al Qaeda è finita” e guarda te la situazione. Si è espansa ovunque. Ha tolto le armi chimiche ad Assad perché i russi gli hanno salvato il culo da una figuraccia gigantesca. E non ha fermato per niente l’Iran senza sparare un colpo, gli ha semplicemente spalancato la porta alla bomba

      Ma davvero c’è gente così ingenua in giro?

      1. Io so solo che l’alternativa a un accordo con l’iran è la guerra. Quindi fa benissimo Obama ad evitare una guerra che probabilmente gli usa non sarebbero in grado di vincere e che avrebbe il solo effetto di ingigantire il debito pubblico a favore dei soliti noti.

    2. Obama non ha tolto alcuna arma chimica alla siria è stata la siria stessa con l’appoggio della russia a consegnare quelle armi chimiche che vuole consegnare.
      Nel frattempo Assad e l’iran in medioriente fanno quello che vogliono con o senza il permesso di Obama.

  2. Certa gente ha la birra nel cervello. Vediamo: l’Iran non potrà mai smantellare totalmente il suo programma nucleare perchè darebbe l’immagine di quelli che prendono ordini da Israele, quindi o si accordano, o piuttosto l’Iran continuerà fino alla/e bomba/e. Un attacco mirato alle centrali signifocherebbe fuga di radiazioni in giro per l’Iran. Ma gli ayatollah non si limiterebbero certo ad incassare. Se sono intelligenti, e lo sono, lanceranno e faranno lanciare migliaia di missili non su Israele, ma su Dimona ovviamente. E se anche un solo missile passasse, e passerebbe, significherebbe un disastro nucleare in Israele. Ma questo ai guerrafondai “pro israele in buona fede” non interessa, o non ci arrivano, o entrambe le cose. Loro si eccitano a vedere i jet che decollano e le colonne di fumo. Ora poi gli hanno anche insegnatouna parola per definire chi non ha visioni malate come le loro e magari non vorrebbe la guerra: pacifinto.

    1. Quindi tu sei per la via più breve: e facciamogli fare sto cavolo di bomba così possono spadroneggiare come vogliono. Poi lasciamo che lo facciano anche i sauditi, i turchi e tutti quelli che ne hanno voglia. E quando inizieranno a lanciare ringrazieremo i vari buonisti.

      Per la cronaca, prima che un missile colpisca Dimona nevichera all’inferno

  3. X la cronaca se hamas, hezbollah, flpl e compagnia brutta e l’Iran stesso lanciassero migliaia di missili TUTTI su Dimona uno o due sfuggirebbero, e sarebbe un disastro. La regola di una guerra è sempre sovrastimare l’avversario per trovarsi bene, non sovrastimare se stessi.

  4. Ashley says, un consiglio spassionato, tu che tanto hai a cuore il clero che con pugno Sangunario tiene sotto scacco una intera nazione cioè l’Iran, facci un favore, vai a vivere in Persia un paio di anni, e poi torna a raccontare come si vive, poi vediamo a quanto potrai credere a questo regime sanguinario….sempre che riesci a tornare indietro……

    1. Ma dimmi, sinceramente, ha un qualche senso quello che hai scritto? Non risp subito, prenditi il tempo che ti serve, e sono sicuro che te ne serve molto, e poi dimmi.

  5. Anche quel gran personaggio di Chamberlain è stato così bravo da evitare la guerra. E infatti ne è seguita la pace: pace eterna per svariate decine di milioni di persone. E qualche miliardo di tonnellate di macerie in giro per l’Europa.

Close