Perché la Polonia non invierà più armi all’Ucraina

21 Settembre 2023
guerra del grano

La Polonia non invierà più armi all’Ucraina. Lo ha dichiarato mercoledì il Primo Ministro polacco Mateusz Morawiecki, inasprendo una battaglia sulle esportazioni di grano che ha eretto un muro tra Kiev e uno dei suoi più forti sostenitori nella lotta contro l’invasione russa.

La Russia ha preso di mira il settore agricolo dell’Ucraina, interrompendo le rotte di transito nel Mar Nero e bombardando ripetutamente le infrastrutture cerealicole del Paese. Questo ha lasciato l’Ucraina alla disperata ricerca di altre vie di esportazione, ma ha anche spinto la Polonia e altri Paesi vicini a imporre un divieto di importazione, con l’obiettivo di proteggere i loro agricoltori dall’inondazione del mercato con il grano ucraino a basso costo.

La faida si è intensificata in vista delle elezioni polacche del 15 ottobre.

Piuttosto che inviare armi all’Ucraina, Varsavia si concentrerà sull’armarsi, ha dichiarato Morawieki in un’intervista rilasciata mercoledì sera a Polsat News. “Proteggeremo il nostro Paese”, ha detto al canale. “Non trasferiremo più armi, perché ora ci armeremo con le armi più moderne”.

La Polonia, l’Ungheria e la Slovacchia hanno dichiarato la scorsa settimana che avrebbero mantenuto il divieto di importazione dei prodotti cerealicoli ucraini, in seguito alla scadenza dell’accordo con l’Unione Europea per la protezione degli agricoltori locali.

Per la Polonia, la fine dell’embargo sancito dall’Unione Europea è avvenuta appena un mese prima delle elezioni, in cui il partito populista di destra Diritto e Giustizia sta lottando per rimanere al potere. Il partito si presenta come il campione degli agricoltori polacchi e ha intensificato la retorica contro l’Unione Europea durante gli eventi della campagna elettorale, promettendo di proteggere i produttori di grano polacchi.

Questa settimana i funzionari ucraini si sono impegnati a intraprendere un’azione legale contro la Polonia, l’Ungheria e la Slovacchia per annullare il divieto, anche se le possibilità di Kiev di ottenere un rimedio rapido sembrano praticamente inesistenti.

La disputa, sempre più aspra, ha incrinato le relazioni tra l’Ucraina e uno dei suoi più forti sostenitori. Secondo il Kiel Institute for the World Economy, la Polonia è il sesto donatore militare dell’Ucraina e ha accolto più di 1,5 milioni di rifugiati.

Il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha scatenato le ire di Varsavia martedì scorso quando, durante il suo discorso all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, ha insinuato che la Polonia stesse facendo il gioco della Russia. Ha accusato “alcuni in Europa” di fingere solidarietà in un “teatro politico” e di creare un “thriller dal grano”.

“Può sembrare che recitino il proprio ruolo, ma in realtà stanno aiutando a preparare il palcoscenico per un attore di Mosca”, ha detto Zelensky.

La Polonia ha convocato mercoledì l’ambasciatore ucraino a Varsavia in risposta ai commenti. Parlando a Polsat, Morawiecki ha condannato le “parole molto forti” di Zelensky, che la Polonia “fondamentalmente” rifiuta.

“Mandiamo un avvertimento a Kiev di non suonare tali note, che in effetti sono state immediatamente riprese in Polonia dai cosiddetti troll russi”, ha detto.

Dato il sostegno della Polonia all’Ucraina, anche facendo pressioni sulla Germania per l’invio di armi, queste parole sono “doppiamente ingiuste”, ha detto Morawiecki. I colloqui tra Ucraina e Polonia sono in corso, ma gli interessi degli agricoltori polacchi “saranno certamente sempre i più importanti per me”, ha aggiunto.

La lotta tra Varsavia e Kiev dimostra che Mosca ha ottenuto un certo successo con i suoi attacchi brutali e prolungati al settore agricolo ucraino.

Il partito Diritto e Giustizia di Morawiecki considera le aree agricole lungo il confine con l’Ucraina come il suo cuore pulsante e sta lottando in vista delle elezioni del mese prossimo per mantenere il sostegno degli elettori di quelle zone, compresi quelli che hanno preso in considerazione il partito di estrema destra Konfederacja, noto per la sua retorica anti-Ucraina.

Come la Polonia, anche la Slovacchia è alle prese con elezioni molto combattute: gli elettori si recheranno alle urne il 30 settembre. Fare contenti gli agricoltori è considerato fondamentale per evitare che l’ex primo ministro populista Robert Fico torni al potere.

Giovedì, la Reuters ha riferito che i ministri dell’Agricoltura di Slovacchia e Ucraina hanno raggiunto un accordo su un nuovo sistema di licenze per il commercio di cereali che consentirebbe alla Slovacchia di abolire il divieto sulle materie prime ucraine. L’Ucraina ha inoltre concordato di interrompere l’azione legale contro la Slovacchia nell’ambito dell’Organizzazione Mondiale del Commercio.

Mentre molti agricoltori hanno denunciato le importazioni di grano ucraino a basso costo e sono favorevoli a un divieto, gli esperti hanno messo in dubbio l’impatto di un embargo, dato che i prezzi sono più strettamente legati alle fluttuazioni del mercato globale che alle condizioni locali.

Quando la scorsa settimana ha deciso di non estendere le restrizioni alle importazioni, la Commissione Europea ha affermato che le “distorsioni del mercato” causate dalle importazioni ucraine erano scomparse.

Giovedì scorso, un alto funzionario del governo statunitense ha minimizzato la spaccatura, considerandola come un momento di tensione elettorale.

[jetpack_subscription_form]

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
violenze in darfur
Previous Story

Guerra in Sudan: il Darfur di nuovo al centro delle violenze

zelensky a washington
Next Story

Zelensky a Washington chiede il sostegno repubblicano per l’Ucraina

Latest from Guerra Ucraina

Go toTop