Zelensky a Washington chiede il sostegno repubblicano per l’Ucraina

zelensky a washington zelensky a washington

Giovedì il Presidente Biden ha detto al Presidente ucraino Volodymyr Zelensky che gli Stati Uniti “resteranno con voi”, anche se una crescente fazione del Partito Repubblicano ha minacciato di bloccare gli aiuti che, secondo Zelensky, potrebbero costare al suo Paese la guerra.

La seconda visita di Zelensky a Washington in tempo di guerra è stata spesa per visitare Capitol Hill, il Pentagono e, infine, la Casa Bianca, in un lungo appello per ottenere più armi. Lungo il percorso, ha portato con sé un triste avvertimento. Durante un incontro al Campidoglio con decine di senatori, Zelensky ha detto che l’Ucraina avrebbe perso la guerra senza gli aiuti americani.

Alla Casa Bianca, Biden ha dichiarato che la prossima settimana gli Stati Uniti inizieranno a spedire i carri armati Abrams, che gli ucraini avevano richiesto da tempo e che facevano parte di un impegno esistente. Ha anche riconosciuto di avere poca scelta se non quella di confidare in una svolta bipartisan per continuare a sostenere l’Ucraina.

Advertisement

“Conto sul buon giudizio del Congresso degli Stati Uniti”, ha detto Biden. “Non c’è alternativa”.

La visita di Zelensky è avvenuta mentre i sondaggi hanno mostrato una crescente stanchezza per la guerra tra l’opinione pubblica americana e mentre decine di repubblicani si sono detti contrari all’ultima richiesta di Biden al Congresso, richiesta pari a 24 miliardi di dollari per ulteriori aiuti all’Ucraina. Biden ha risposto alle preoccupazioni dei repubblicani e ha promesso che gli Stati Uniti – di gran lunga il più grande finanziatore militare dell’Ucraina tra gli alleati occidentali – resteranno al fianco di Kiev per un lungo periodo.

Zelensky ha detto di aver ricevuto rassicurazioni anche dallo Speaker Kevin McCarthy, repubblicano della California, in un incontro privato, che la Camera continuerà a sostenere lo sforzo bellico ucraino. “Ha detto che saranno dalla nostra parte e che ci sosterranno”, ha detto durante un incontro con gli editori statunitensi giovedì sera (ma non sarà una cosa semplice).

Il Congresso ha già approvato 113 miliardi di dollari in aiuti militari, economici, umanitari e di altro tipo per l’Ucraina, compresi circa 70 miliardi di dollari per la sicurezza, l’intelligence e altri costi di guerra. Giovedì Biden ha reso noto un nuovo pacchetto militare, del valore di 325 milioni di dollari, che include quelle che i funzionari hanno definito significative capacità di difesa aerea.

Zelensky sperava che gli americani fornissero una potente arma chiamata Army Tactical Missile System, nota come ATACMS, che può colpire obiettivi a 190 miglia di distanza con una testata contenente circa 375 libbre di esplosivo. “Dobbiamo” averli, ha detto durante l’incontro con gli editori. “Perché non abbiamo un’altra via d’uscita”.

Jake Sullivan, il consigliere per la sicurezza nazionale, ha detto ai giornalisti che Biden non fornirà l’ATACMS ora, ma che non l’ha tolto dal tavolo (atteggiamento inutile e poco comprensibile).

Per mantenere il flusso di munizioni per le operazioni offensive dell’Ucraina, il Pentagono invierà anche altri razzi guidati d’artiglieria e altro munizionamento pesante.

Zelensky ha detto che l’Ucraina non fermerà la sua controffensiva quest’inverno e spera di approfittare di quelle che considera le debolezze russe. “Non sono la persona migliore al mondo in campo militare”, ha detto, ma il presidente russo Vladimir Putin ha bisogno di “fare una pausa perché ha davvero perso la gente, l’esercito professionale, perso. Sono morti”.

“Non possiamo fermarci durante l’inverno”, ha detto. “È difficile. Ma abbiamo l’esperienza dell’anno precedente”.

Ha previsto che le forze ucraine riprenderanno – “de-occuperanno”, come ha detto – Bakhmut e altre due città. “Non vi dirò quali città, mi dispiace”, ha detto Zelensky agli editori, affermando che i militari hanno un “piano molto completo”.

Washington è cambiata nei nove mesi trascorsi dall’ultima volta che Zelensky ha tenuto un discorso congiunto al Congresso. All’epoca, il vicepresidente Kamala Harris e la presidente della Camera Nancy Pelosi brandirono una bandiera ucraina firmata dai soldati in prima linea. Biden, che all’inizio dell’invasione nutriva seri dubbi sulla longevità di Zelensky come leader, aveva iniziato a salutare il leader ucraino come un vecchio amico durante le telefonate regolari. Biden ha visitato segretamente Kiev a febbraio.

In una dimostrazione di amicizia bipartisan, Zelensky, vestito in uniforme color oliva scuro, è stato scortato in Campidoglio durante la sua visita da Schumer e dal senatore Mitch McConnell del Kentucky, leader repubblicano.

“Il sostegno americano all’Ucraina non è carità”, ha dichiarato McConnell, leader della minoranza, in un comunicato. “È nel nostro interesse diretto, anche perché degradare la Russia aiuta a scoraggiare la Cina”.

McCarthy ha subito pressioni per adottare una linea dura in seguito alle richieste di tagli alla spesa da parte del suo gruppo e, in un incontro a porte chiuse giovedì, i legislatori repubblicani hanno chiesto a Zelensky di rispondere alle loro preoccupazioni e di fornire la sua visione di un piano per la vittoria. I democratici gli hanno chiesto come convincere i colleghi conservatori che continuare a sostenere la guerra è la risposta giusta.

Il senatore John Cornyn, repubblicano del Texas, ha detto che Zelensky ha ascoltato le domande sulla “fatica dei finanziamenti” e poi ha parlato delle “conseguenze di un taglio dei fondi”.

Ha detto che Zelensky ha sottolineato che l’Europa e altri Paesi guardano agli Stati Uniti per la loro leadership, e che una decisione di Washington di ridurre gli aiuti potrebbe compromettere l’impegno dell’Europa.

Più tardi, Zelensky ha portato sua moglie, Olena, all’incontro alla Casa Bianca.

Gli Zelensky hanno cercato di costruire relazioni personali con il Presidente e con Jill Biden, la First Lady. Olena Zelenska ha trascorso gran parte del suo tempo in clandestinità dall’inizio della guerra, ma ha scritto lettere al dottor Biden e i due si sono incontrati l’anno scorso in Ucraina, quando la first lady ha compiuto un viaggio segreto nel Paese.

“È un bene che i nostri Paesi siano davvero alleati”, ha detto Zelensky, leggendo da una serie di carte mentre sedeva accanto al Presidente. “Sono a Washington per rafforzare la posizione dell’Ucraina nel difendere i nostri figli, le nostre famiglie, le nostre case, la libertà e la democrazia nel mondo”.

Zelensky ha anche raccontato il suo “dialogo franco e costruttivo” di oggi con i membri del Congresso di entrambi i partiti. Ha postato una foto di sé con i leader della Camera e ha sottolineato che l’Ucraina è “sinceramente grata alla Camera, a entrambi i partiti e all’intero popolo americano per tutto il sostegno”.

[jetpack_subscription_form]

Keep Up to Date with the Most Important News

By pressing the Subscribe button, you confirm that you have read and are agreeing to our Privacy Policy and Terms of Use
Advertisement