Raid mirato israeliano su Rafah: Uccisi due comandanti di Hamas

Nel raid ci sarebbero anche alcune vittime civili. L'IDF indaga
27 Maggio 2024
aereo israeliano

Secondo quanto riferito da fonti dell’IDF, il comandante del cosiddetto quartier generale di Hamas in Cisgiordania e un altro alto funzionario del gruppo terroristico sono stati uccisi nell’attacco aereo israeliano di questa notte a Rafah.

Il quartier generale della Cisgiordania è un’unità di Hamas incaricata di portare avanti attacchi contro Israele da o in Cisgiordania.

Yassin Rabia, il capo del quartier generale della Cisgiordania, e Khaled Najjar, un altro membro di alto livello dell’unità, sono stati uccisi nell’attacco nell’area di Tel Sultan, a nord-ovest di Rafah, secondo l’IDF. Secondo fantomatici sanitari di Hamas, l’attacco ha ucciso circa 35 persone.

L’IDF afferma che l’attacco è stato effettuato sulla base di “informazioni precise”.

Secondo l’IDF, Rabia “gestiva tutte le strutture militari del quartier generale della Cisgiordania… era coinvolto nel trasferimento di fondi per scopi terroristici e dirigeva gli attacchi degli operativi di Hamas” in Cisgiordania.

L’IDF afferma inoltre che Rabia ha commesso egli stesso diversi attacchi mortali, nel 2001 e nel 2002, uccidendo soldati israeliani.

Najjar era coinvolto nella direzione di attacchi e altre attività terroristiche in Cisgiordania ed era anche coinvolto nell’incanalamento di fondi per gli operatori di Hamas, secondo l’esercito.

Secondo l’IDF, Najjar ha compiuto anche diversi attacchi tra il 2001 e il 2003, uccidendo civili e ferendo soldati.

L’esercito afferma di essere consapevole che l’attacco e l’incendio che ne è scaturito hanno causato vittime tra i civili e per questo motivo ha aperto un’indagine.

Sarah G. Frankl

Vive nel sud di Israele. Responsabile della redazione e delle pubblicazioni Breaking News. Cura i social di Rights Reporter. Esperta del settore informatico. Hacker Etica

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
guerra in ucraina
Previous Story

È arrivato il momento di permettere all’Ucraina di difendersi adeguatamente

giornalisti avvoltoi sulla strage di rafah
Next Story

Rafah: vittime innocenti, vigliacchi e avvoltoi

Latest from Medio Oriente

Go toTop