piano per gaza fame senza aiuti

Secondo analisti e operatori umanitari, la riluttanza di Israele a colmare l’attuale vuoto di leadership nel nord di Gaza ha fatto da sfondo al caos che giovedì ha portato alla morte di decine di palestinesi sulla costa di Gaza.

Più di 100 sono stati uccisi e 700 feriti, hanno dichiarato i funzionari sanitari gazani, dopo che migliaia di civili affamati si sono avventati su un convoglio di camion di aiuti, provocando un fuggi fuggi e spingendo i soldati israeliani a sparare sulla folla.

Le cause immediate del caos sono state la fame estrema e la disperazione: Le Nazioni Unite hanno avvertito di una carestia incombente nel nord di Gaza, dove si è verificato l’incidente. I tentativi dei civili di tendere imboscate ai camion degli aiuti, le restrizioni israeliane sui convogli e le cattive condizioni delle strade danneggiate dalla guerra hanno reso estremamente difficile il raggiungimento dei circa 300.000 civili ancora bloccati in quella regione, inducendo gli Stati Uniti e altri a inviare aiuti per via aerea.

Secondo gli analisti, questa dinamica è stata esacerbata dall’incapacità di Israele di avviare un piano per il governo del nord.

Mentre il sud di Gaza è ancora una zona di conflitto attivo, i combattimenti sono per lo più diminuiti nel nord dell’enclave. L’esercito israeliano ha sconfitto il grosso delle forze combattenti di Hamas all’inizio di gennaio, portando i soldati israeliani a ritirarsi da alcune parti del nord.

Piano per gaza e la ricostruzione

Ora, in queste aree manca un organismo centralizzato che coordini la fornitura di servizi, faccia rispettare l’ordine pubblico e protegga i camion degli aiuti. Per impedire ad Hamas di ricostruirsi, Israele ha impedito agli ufficiali di polizia del governo prebellico guidato da Hamas di scortare i camion. Ma Israele ha anche ritardato la creazione di una forza pubblica palestinese alternativa.

I gruppi di aiuto hanno una presenza limitata e le Nazioni Unite stanno ancora valutando come aumentare le loro operazioni in loco. Israele ha dichiarato che manterrà un controllo militare indefinito sul territorio, senza specificare esattamente cosa significherà su base giornaliera.

“Questo tragico evento riflette come Israele non abbia una strategia realistica a lungo termine”, ha dichiarato Michael Milstein, analista ed ex funzionario dell’intelligence israeliana. “Non si può semplicemente conquistare Gaza City, andarsene e poi sperare che qualcosa di positivo cresca lì. Invece, c’è il caos”.

Da quando Israele ha invaso Gaza in ottobre, a seguito degli attacchi guidati da Hamas che hanno devastato il sud di Israele all’inizio del mese, i politici israeliani hanno discusso e dissentito su come Gaza dovrebbe essere governata una volta terminata la guerra, un periodo che descrivono come “il giorno dopo”.

Nel nord di Gaza, quel momento è sostanzialmente già arrivato.

Quando i funzionari delle Nazioni Unite hanno visitato l’area la scorsa settimana per valutare i danni, non hanno coordinato la loro visita con Hamas perché non esercita più un’influenza diffusa nel nord, secondo Scott Anderson, vice direttore di Gaza per l’UNRWA, la principale agenzia di aiuti delle Nazioni Unite a Gaza.

Sono emerse notizie di alcuni membri di Hamas che cercano di ristabilire l’ordine in alcuni quartieri. Ma a parte i servizi limitati in alcuni ospedali, Anderson ha detto di non aver visto alcun segno di funzionari pubblici o municipali. Le strade sono piene di spazzatura e liquami non raccolti.

“La leadership a Gaza è sottoterra, in senso letterale o figurato, e non c’è alcuna struttura in grado di riempire questo vuoto”, ha detto Anderson in un’intervista telefonica da Gaza. “Questo crea un’aura prevalente di disperazione e paura”, che rende più probabili eventi come il disastro di giovedì, ha detto, aggiungendo: “È molto frustrante e difficile coordinare le cose quando non c’è nessuno con cui coordinarsi”.

Sono emersi video di gruppi armati che attaccano i convogli e i diplomatici affermano che le bande criminali stanno iniziando a riempire il vuoto lasciato dall’assenza di Hamas.

Senza un piano, “il vuoto sarà riempito dal caos, da bande senza legge e da criminali”, ha detto Ahmed Fouad Khatib, un commentatore americano di questioni gazane cresciuto a Gaza, “o da Hamas, che riuscirà a riemergere e a tentare di ricostituirsi“.

I vuoti di potere sono inevitabili dopo la maggior parte delle guerre. Ma i critici del governo israeliano affermano che il vuoto nel nord di Gaza è peggiore di quanto avrebbe potuto essere perché i leader israeliani non sono d’accordo su cosa dovrebbe accadere dopo.

Il primo ministro, Benjamin Netanyahu, ha pubblicato un piano alla fine di febbraio che suggerisce che “l’amministrazione degli affari civili e l’applicazione dell’ordine pubblico saranno basati su soggetti locali con esperienza manageriale”. Netanyahu non ha fornito ulteriori dettagli, oltre a precisare che questi amministratori non possono essere affiliati a “Paesi o entità che sostengono il terrorismo”.

Il suo piano era così vago che è stato interpretato come un tentativo di rimandare l’incombente decisione se dare priorità agli obiettivi della sua base politica interna o a quelli del più forte alleato estero di Israele, gli Stati Uniti.

Una parte della base di destra di Netanyahu sta spingendo in modo aggressivo per il ripristino degli insediamenti ebraici a Gaza, quasi due decenni dopo che Israele li ha rimossi. Questo piano richiederebbe un controllo israeliano a lungo termine sul territorio, rendendo impossibile il ristabilimento di una governance palestinese.

Al contrario, gli Stati Uniti e altre potenze occidentali e gli Stati arabi stanno spingendo affinché ai leader palestinesi della Cisgiordania sia permesso di gestire Gaza, come parte di un processo verso la creazione di uno Stato palestinese diffuso in entrambi i territori.

Stretto tra queste due strade contraddittorie, Netanyahu non ha optato per nessuna delle due.

“Sta tentando ogni tipo di manovra per mantenere calmo il suo governo”, ha detto Milstein, ex funzionario dell’intelligence. “A causa di tutte le tensioni e di tutte le configurazioni problematiche nel suo governo, non può prendere alcuna decisione davvero drastica”, ha aggiunto Milstein.

Nadav Shtrauchler, ex stratega di Netanyahu, ha respinto le preoccupazioni sulla strategia di Netanyahu.

“Se qualcuno pensa che non abbia un piano in testa, si sbaglia: ha un piano”, ha detto Shtrauchler. “Penso che abbia due piani. Ma non sono sicuro di quale sceglierà alla fine, e non sono sicuro che lui lo sappia”.

Per ora, Netanyahu sta usando l’ambiguità per rimandare il più a lungo possibile l’inevitabile confronto con gli alleati della coalizione di destra e con gli Stati Uniti, secondo Shtrauchler e altri analisti.

I funzionari israeliani hanno parlato di conferire ai clan di diverse zone di Gaza il potere di mantenere la pace nei loro quartieri e di proteggere le forniture di aiuti. Ma il piano non è provato e non viene applicato – e i diplomatici stranieri sono scettici sulla sua efficacia.

Alcuni palestinesi e leader stranieri sostengono che diverse migliaia di ex poliziotti dell’Autorità Palestinese, l’organismo che ha gestito Gaza fino a quando non è stato cacciato da Hamas nel 2007, potrebbero essere riqualificati per riempire il vuoto. Altri suggeriscono che Paesi arabi come l’Egitto e la Giordania potrebbero inviare una forza di pace per sostenere i poliziotti dell’Autorità.

Nel frattempo, “i palestinesi che sono rimasti nel nord di Gaza stanno morendo di fame”, ha detto Mkhaimar Abusada, un professore di scienze politiche di Gaza City. “E fondamentalmente stanno cercando di trovare cibo in ogni modo possibile”.

Patrick Kingsley è il capo ufficio di Gerusalemme per il NYT e si occupa di Israele e dei territori occupati. Ha fatto reportage da più di 40 Paesi, ha scritto due libri e in precedenza si è occupato di migrazione e Medio Oriente per il Guardian. Link all’articolo originale