Mohammed Mustafa primo ministro della Autorità Palestinese
Mohammed Mustafa, nuovo Primo Ministro della Autorità Nazionale Palestinese

Autorità Palestinese e UNRWA stanno letteralmente ingannando tutti. La prima presentando un nuovo Primo Ministro che è la rappresentanza del peggio di Al-Fatah e che dovrebbe prendere il controllo della Striscia di Gaza, la seconda convincendo gli stolti che non ha legami con Hamas.

La Casa Bianca ha infatti dichiarato di accogliere con favore la nomina del Primo Ministro dell’Autorità Palestinese Mohammed Mustafa, invitandolo a realizzare rapidamente riforme credibili e radicali, ritenute necessarie per consentire all’Autorità Palestinese di riprendere il controllo di Gaza.

“Sollecitiamo la formazione di un gabinetto di riforma il prima possibile”, ha dichiarato in un comunicato la portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale Adrienne Watson. “Gli Stati Uniti si aspettano che il nuovo governo porti avanti le politiche e l’attuazione di riforme credibili e di ampia portata”.

“Un’Autorità palestinese riformata è essenziale per ottenere risultati per il popolo palestinese e stabilire le condizioni per la stabilità sia in Cisgiordania che a Gaza”, aggiunge il comunicato.

Mustafa, un economista di formazione statunitense, è uno stretto alleato del presidente dell’Autorità palestinese Mahmoud Abbas, sebbene sia politicamente indipendente. Ci si chiedeva se la sua nomina avrebbe soddisfatto le richieste statunitensi di riforme che spostassero il potere da Abbas a un’amministrazione tecnocratica.

Australia riprende i finanziamenti a UNRWA

Nel frattempo anche l’Australia riprenderà i finanziamenti alla principale agenzia di soccorso palestinese delle Nazioni Unite. Lo ha dichiarato il Ministro degli Esteri australiano Penny Wong, quasi due mesi dopo aver sospeso i legami per le accuse di partecipazione di alcuni dipendenti dell’agenzia all’attacco di Hamas del 7 ottobre.

“Il miglior parere attualmente disponibile da parte delle agenzie e degli avvocati del governo australiano è che l’UNRWA non è un’organizzazione terroristica e che le garanzie aggiuntive esistenti proteggono sufficientemente i finanziamenti dei contribuenti australiani”, ha dichiarato la Wong, secondo quanto riportato dall’Australian Broadcasting Corporation.

Ha dichiarato che Canberra sta lavorando per firmare un nuovo accordo di finanziamento con l’UNRWA, dopo che Israele ha fornito informazioni che hanno portato l’Australia a concludere che poteva riprendere a contribuire con circa 6 milioni di dollari all’agenzia di aiuti.

“Non so cosa non so. Quello che so è che ci sono persone che muoiono di fame a Gaza… So che l’UNRWA è fondamentale per fornire assistenza a persone che sono sull’orlo della fame”, ha dichiarato.