Bombardati i ribelli Houthi nello Yemen (finalmente)

12 Gennaio 2024
bombardati i ribelli houthi nello yemen

Nelle prime ore di venerdì pesanti attacchi aerei statunitensi e britannici hanno bombardato obiettivi nelle aree dello Yemen controllate dagli Houthi, dopo settimane di attacchi alle navi del Mar Rosso da parte delle forze ribelli sostenute dall’Iran.

Gli attacchi hanno preso di mira una base aerea, aeroporti e un campo militare, ha dichiarato la stazione televisiva Al-Masirah dei ribelli Houthi.

Il segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin, che si trova in ospedale per complicazioni chirurgiche, ha dichiarato in un comunicato che gli attacchi hanno preso di mira le capacità degli Houthi, tra cui droni, missili balistici e da crociera, radar costieri e sorveglianza aerea.

Le immagini non verificate diffuse sui social media, alcune delle quali si riferivano alla base aerea di Al-Dailami a nord di Sanaa, mostravano esplosioni che illuminavano il cielo mentre si sentivano forti boati e il rombo degli aerei.

“Il nostro Paese è stato sottoposto a un massiccio attacco aggressivo da parte di navi, sottomarini e aerei da guerra americani e britannici”, ha dichiarato il viceministro degli Esteri Houthi Hussein Al-Ezzi, secondo i media ufficiali dei ribelli.

“L’America e la Gran Bretagna dovranno prepararsi a pagare un prezzo pesante e a sopportare tutte le terribili conseguenze di questa flagrante aggressione”, ha aggiunto.

L’Iran e i gruppi terroristici Hezbollah e Hamas hanno condannato gli attacchi, definendoli una “chiara violazione della sovranità e dell’integrità territoriale dello Yemen e una violazione delle leggi, dei regolamenti e dei diritti internazionali”.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha definito gli attacchi statunitensi e britannici una “azione difensiva” dopo gli attacchi sul Mar Rosso e ha dichiarato che “non esiterà” a ordinare ulteriori azioni militari se necessario.

Gli attacchi hanno coinvolto jet da combattimento e missili Tomahawk, secondo quanto riportato da diversi media statunitensi.

“Oggi, sotto la mia direzione, le forze militari statunitensi – insieme al Regno Unito e con il sostegno di Australia, Bahrein, Canada e Paesi Bassi – hanno condotto con successo attacchi contro una serie di obiettivi nello Yemen utilizzati dai ribelli Houthi per mettere in pericolo la libertà di navigazione in una delle vie d’acqua più vitali del mondo”, ha dichiarato Biden in un comunicato, usando un’espressione alternativa di Houthi.

Ha definito gli attacchi una “risposta diretta” agli attacchi “senza precedenti” degli Houthi, “compreso l’uso di missili balistici antinave per la prima volta nella storia”.

“Questi attacchi hanno messo in pericolo il personale statunitense, i marinai civili e i nostri partner, hanno compromesso il commercio e minacciato la libertà di navigazione”.

“Non esiterò a dirigere ulteriori misure per proteggere il nostro popolo e il libero flusso del commercio internazionale, se necessario”.

La “grande preoccupazione” dei sauditi

Gli attacchi sono stati “necessari e proporzionati”, ha dichiarato il primo ministro britannico Rishi Sunak in un comunicato.

In una dichiarazione congiunta di Stati Uniti, Gran Bretagna, Australia, Bahrein, Canada, Danimarca, Germania, Paesi Bassi, Nuova Zelanda e Corea del Sud si legge che “l’obiettivo rimane quello di smorzare le tensioni e ripristinare la stabilità nel Mar Rosso”.

“Ma che il nostro messaggio sia chiaro: non esiteremo a difendere vite umane e a proteggere il libero flusso del commercio in una delle vie d’acqua più critiche del mondo di fronte alle continue minacce”.

La vicina Arabia Saudita, che sta cercando di porre fine al suo coinvolgimento in una guerra di nove anni con gli Houthi, ha esortato ad evitare un’escalation.

“Il Regno dell’Arabia Saudita sta seguendo con grande preoccupazione le operazioni militari”, si legge in un comunicato del Ministero degli Esteri, che invita a “mantenere l’autocontrollo e ad evitare un’escalation”.

Dopo l’attacco terroristico di Hamas del 7 ottobre, gli Houthi hanno compiuto un numero crescente di attacchi contro ciò che ritengono essere spedizioni legate a Israele sulla rotta internazionale chiave, descrivendo gli attacchi come dimostrazioni di solidarietà con il gruppo terroristico.

Nella sua dichiarazione, Biden ha affermato che martedì gli Houthi “hanno lanciato il loro più grande attacco fino ad oggi, prendendo di mira direttamente le navi americane”.

Gli attacchi occidentali rischiano di trasformare una situazione già tesa in Medio Oriente in una conflagrazione più ampia che contrappone gli Stati Uniti e Israele all’Iran e ai suoi proxy regionali.

I ribelli Houthi affermano di agire in risposta all’offensiva antiterrorismo di Israele a Gaza e hanno anche lanciato una serie di droni e missili verso Israele.

Il gruppo controlla gran parte dello Yemen da quando è scoppiata la guerra civile nel 2014 e fa parte del cosiddetto “asse della resistenza” sostenuto dall’Iran e schierato contro Israele.

Un funzionario statunitense che ha informato i giornalisti dopo gli attacchi aerei ha dichiarato che l’Iran è stato il “principale sostenitore” degli Houthi ed è stato “coinvolto operativamente” nella recente ondata di attacchi del gruppo ribelle.

“Hanno fornito agli Houthi proprio le capacità utilizzate per condurre questi attacchi”, ha detto il funzionario statunitense.

Per quanto riguarda le conseguenze per l’Iran, il funzionario statunitense ha sottolineato la “profonda campagna di pressione” in corso contro Teheran per il suo sostegno ad attori maligni nella regione, ma ha rifiutato di offrire dettagli.

“È sufficiente dire che riteniamo l’Iran responsabile del ruolo che ha svolto con gli Houthi e con gli altri gruppi della regione che hanno condotto attacchi contro le forze statunitensi e abbiamo fatto in modo che Teheran ne fosse consapevole”.

Conseguenze

Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno lanciato una serie di avvertimenti sempre più severi agli Houthi per fermare gli attacchi navali, anche se Washington si è mostrata cauta sui rischi di infiammare ulteriormente le tensioni regionali.

A dicembre Washington ha istituito una coalizione internazionale – denominata Operazione Prosperity Guardian – per proteggere il traffico marittimo nell’area, attraverso la quale passa il 12% del commercio mondiale.

Dodici nazioni, guidate dagli Stati Uniti, hanno poi avvertito gli Houthi il 3 gennaio di “conseguenze” se non avessero interrotto immediatamente gli attacchi alle navi commerciali.

Ma nella tarda serata di martedì gli Houthi hanno lanciato quello che Londra ha definito l’attacco più significativo mai sferrato dai ribelli yemeniti: le forze statunitensi e britanniche hanno abbattuto 18 droni e tre missili.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso per gli alleati occidentali è arrivata all’inizio di giovedì, quando le forze armate statunitensi hanno dichiarato che gli Houthi hanno lanciato un missile balistico antinave contro una rotta di navigazione nel Golfo di Aden.

Si è trattato del 27° attacco alla navigazione internazionale nel Mar Rosso dal 19 novembre, secondo le forze armate statunitensi.

L’intensificarsi degli attacchi ha indotto le compagnie di navigazione a deviare intorno al Capo di Buona Speranza in Sudafrica, facendo temere uno shock per l’economia globale.

Gli Stati Uniti hanno rafforzato la loro posizione militare nella regione subito dopo gli attacchi terroristici del 7 ottobre contro Israele, che hanno provocato oltre 1.200 morti e circa 240 ostaggi a Gaza. Washington ha poi avvertito l’Iran e i suoi alleati di non aggravare la situazione.

L’amministrazione Biden è stata inizialmente cauta nella sua risposta, poiché sta cercando di preservare la fragile pace nello Yemen, dove un decennio di guerra civile e la campagna militare della coalizione a guida saudita hanno portato a una delle peggiori crisi umanitarie del mondo nel Paese più povero della penisola arabica.

Seguici su…

massacro del 7 ottobre sito web

I più condivisi di recente

St. Nikolas ex Suez Rajan petroliera sequestrata dall'iran
Previous Story

L’Iran sequestra petroliera nel Golfo di Oman. Tensione altissima

amici dei palestinesi e nemici di israele
Next Story

Non ci sono amici dei palestinesi ma solo nemici di Israele

Latest from Medio Oriente

Go toTop