Cosa significa il ripristino delle relazioni tra Iran e Arabia Saudita

Una opinione alternativa

By redazione

Di Chandra Muzaffar – Sarebbe sbagliato considerare il ripristino delle relazioni tra Arabia Saudita e Iran come un evento improvviso.

Dalla Rivoluzione iraniana del 1979, i legami tra i due importanti vicini musulmani sono stati tesi. Per l’élite saudita la Rivoluzione non era solo antimonarchica, ma anche un modo per portare al potere la “setta sciita” dell’Islam. Per i rivoluzionari iraniani, l’opposizione saudita era motivata in gran parte dalla sua intima relazione con le élite americane e occidentali e i loro interessi.

Questa relazione tesa è giunta al suo nadir nel 2016, quando un rispettato chierico sciita, Nimr al-Nimr, è stato giustiziato dalle autorità sunnite saudite. Le comunità sciite di tutta l’Asia occidentale e persino dell’Asia centrale sono rimaste profondamente turbate da questo atto insensibile.

L’esecuzione ha rafforzato l’immagine negativa del governo saudita. L’immagine è stata ulteriormente offuscata dallo scellerato omicidio del giornalista saudita Jamal Khashoggi da parte di killer presumibilmente legati ai vertici della società saudita. Le élite occidentali e gli attivisti per i diritti umani sono rimasti sconvolti dalla crudele barbarie dell’assassinio.

Tra l’Occidente e l’Arabia Saudita si è creato un abisso di sfiducia. In mezzo a tutto questo, gli Stati Uniti, soprattutto per ragioni commerciali, hanno cercato di aumentare la propria produzione di petrolio attraverso la fratturazione delle rocce scistose e quindi, indirettamente, hanno ridotto l’importanza del petrolio saudita nel mercato globale. A seguito di tutti questi e altri sviluppi, negli ultimi due o tre anni l’élite saudita ha cominciato a sentirsi messa all’angolo.

Ironia della sorte, anche la leadership iraniana cominciava a sentirsi isolata. Quando, nell’aprile 2015, i cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e la Germania, da un lato, e il governo iraniano, dall’altro, hanno concordato il Piano d’azione congiunto globale (Joint Comprehensive Plan of Action, JCPOA), il popolo iraniano sperava che, con l’abolizione delle sanzioni finanziarie ed economiche, gli investimenti sarebbero affluiti nel Paese e che quest’ultimo sarebbe emerso come un attore vivace sulla scena regionale e globale.

Tuttavia, questa speranza ha avuto vita breve quando il nuovo presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha silurato il JCPOA nel 2018. I problemi economici dell’Iran sono diventati ancora più gravi e hanno minato la sua stabilità politica e indebolito la sua coesione sociale. La crisi interna dell’Iran è stata ulteriormente aggravata da una leadership incompetente e priva di rapporti con le masse comuni.

Date le sfide colossali che i governi saudita e iraniano si trovano ad affrontare, sono stati spinti a tendere la mano l’uno all’altro per evitare che il loro antagonismo reciproco ne indebolisse ulteriormente la forza in declino.

La disponibilità della Cina a far incontrare i due Paesi è stata, date le circostanze, una fortuna. Solo una nazione con la gravitas della Cina avrebbe potuto svolgere il ruolo di mediatore. L’antagonismo pluridecennale degli Stati Uniti nei confronti dell’Iran le precludeva qualsiasi ruolo di questo tipo. La Russia, con legami con entrambi gli avversari, avrebbe potuto intervenire, ma la sua guerra in Ucraina stava consumando tutte le sue energie.

La Cina non solo ha buone relazioni con entrambi i Paesi, ma importa anche enormi quantità di petrolio dall’Iran e dall’Arabia Saudita. Inoltre, la Cina apprezza il fatto che nessuno dei due Paesi si sia unito al carro orchestrato dagli Stati Uniti per condannare la Cina per la persecuzione della minoranza musulmana uigura nella provincia del Sinkiang. Cercare di riconciliare i due avversari musulmani è stato forse il modo in cui la Cina li ha ringraziati.

Tuttavia, il ruolo della Cina, per quanto significativo, non è la chiave per un vero ripristino dei legami tra Arabia Saudita e Iran. Saranno i due Paesi stessi a determinare il successo o il fallimento dello sforzo cinese.

Tanto per cominciare, se riuscissero a contribuire a porre fine a una serie di conflitti nella regione presumibilmente legati ai due protagonisti, sarebbe un buon segno. Si dice che gli attuali conflitti in Libano, Siria, Iraq, Bahrein e Yemen, alcuni dei quali violenti, siano fomentati dall’Arabia Saudita o dall’Iran. Naturalmente, sono coinvolti anche altri attori all’interno e all’esterno della regione.

Un conflitto che ha attirato entrambe le parti è quello in Yemen. Il governo ufficiale è sostenuto dall’élite saudita, mentre i ribelli che vi si oppongono, gli Houthi, sarebbero sostenuti dalle autorità iraniane. Secondo le Nazioni Unite, centocinquantamila yemeniti hanno perso la vita in 9 anni di conflitto. Migliaia di altri sono morti a causa di carestie e malattie. Se il disgelo tra Arabia Saudita e Iran, favorito dalla Cina, porterà alla risoluzione del conflitto in Yemen nell’immediato futuro, molte persone amanti della pace in tutto il mondo ne gioiranno.

Sebbene nel conflitto in Yemen, come in tutti gli altri conflitti, si intreccino diverse forze e fattori, c’è una causa di fondo che è legata all’unica dicotomia perenne e persistente all’interno del mondo musulmano. Si tratta della dicotomia sunnita-sciita a cui abbiamo accennato. Essa è nata da un disaccordo su chi dovesse guidare la comunità musulmana (Ummah) alla morte del Profeta Muhammad nel 632.

Sebbene uno dei contendenti, Abu Bakr, suocero del Profeta, fosse stato scelto come califfo, i sostenitori dell’altro contendente, Ali ibn-Tali, genero del Profeta, continuarono a credere che fosse lui il leader legittimo e si sentirono emarginati. Il loro senso di emarginazione divenne ancora più grave quando assistettero a quelle che ritenevano gravi trasgressioni della fede e della lotta islamica per la giustizia durante il governo dei successori del califfo Abu Bakr, in particolare del califfo Yazid.

Le loro legittime frustrazioni, contrapposte alla decisa arroganza del califfo in carica e dei suoi seguaci, raggiunsero l’apice in un famoso scontro nella battaglia di Karbala del 680. In quella battaglia, i più attrezzati e i più forti tra loro raggiunsero l’apice. In quella battaglia prevalsero il califfo Yazid e i suoi sostenitori, meglio equipaggiati e numericamente più forti. I dissidenti guidati dal figlio di Ali, Hussein, e molti altri membri della famiglia del Profeta furono massacrati senza pietà. Quell’episodio, noto come Ashura, è osservato dai musulmani fino ad oggi, soprattutto dagli sciiti, come un esempio lampante di esseri umani che difendono i principi fondamentali della giustizia e della verità contro grandi avversità rappresentate dal potere e dalla posizione.

L’Ashura divenne il fondamento spirituale e morale dell’opposizione sciita alla maggioranza sunnita. Nel corso dei secoli la setta minoritaria sciita ha acquisito caratteristiche dottrinali e rituali che distinguono gli sciiti dai sunniti. Va comunque sottolineato che le caratteristiche centrali dell’Islam…. credenza nell’Unicità di Dio, il riconoscimento di Muhammad come ultimo Profeta di Dio, l’adesione al messaggio coranico come guida in questa vita transitoria e l’accettazione del giudizio divino nell’aldilà hanno continuato a legare sunniti e sciiti all’interno della stessa comunità religiosa.

Ma il legame derivante da queste caratteristiche ha talvolta ceduto alle pressioni della politica e del potere, nonché di personalità e interessi acquisiti che hanno scelto di dare maggiore importanza alle differenze che separavano i sunniti dagli sciiti rispetto alle loro somiglianze. Ecco perché nel corso dei secoli è stato difficile colmare l’abisso tra sunniti e sciiti. Comunque sia, ci sono stati numerosi tentativi di avvicinare sunniti e sciiti. E ci sono stati momenti in cui hanno stretto forti legami nell’affrontare sfide comuni o nel perseguire obiettivi condivisi.

Nel 2013 è stata lanciata una iniziativa per far sì che i due gruppi adottassero una posizione comune su una questione di grave preoccupazione per entrambi. L’ex Primo Ministro della Malesia, Mahathir Mohammad, e l’ex Presidente dell’Iran, Muhammad Khatami, sono stati convinti a lanciare un appello congiunto a sunniti e sciiti affinché smettessero di uccidersi a vicenda, dato che in quel periodo la violenza intersettaria era diffusa in alcune parti del mondo musulmano. La copertura mediatica dell’appello di Mahathir-Khatami è stata molto scarsa. Quasi nessun leader musulmano di spicco ha risposto. Anche i gruppi della società civile musulmana prestarono scarsa attenzione all’appello dei due leader. In altre parole, un nobile appello a porre fine agli scontri è caduto nel vuoto.

L’iniziativa cinese sui legami tra Arabia Saudita e Iran ha un approccio diverso. Si concentra sulle relazioni interstatali. Spera che gli attori statali siano disposti a usare il potere dello Stato per ridurre e persino eliminare le animosità interstatali. A un certo punto del percorso, i tre Stati, Arabia Saudita, Iran e Cina, e altri Stati, dovranno affrontare le ramificazioni della dicotomia sunnita-sciita.

Per il momento, passiamo ad analizzare alcune delle opposizioni al piano di pace tra Arabia Saudita e Iran. La denuncia più forte del piano è arrivata dal governo israeliano. Israele è deciso a isolare l’Iran e a mobilitare tutti gli Stati arabi della regione contro l’Iran. A tal fine, non solo ha sfruttato la dicotomia sunniti-sciiti, ma anche la divisione arabo-persiana, poiché l’Iran è l’unico Stato persiano nel mondo arabo.

Israele vede l’Iran come una minaccia non solo per la sua esistenza, ma anche per l’intera Asia occidentale, poiché (l’Iran) secondo Israele è determinato a costruire e utilizzare una bomba nucleare.

Se l’accordo tra Iran e Arabia Saudita rende difficile l’isolamento dell’Iran, esso è contrario alle ambizioni di Israele per un altro motivo. Per rafforzare la propria posizione nel vicinato arabo e nel mondo musulmano, Israele ha sempre voluto stabilire relazioni diplomatiche formali con l’Arabia Saudita. Questo è diventato più problematico ora che l’Arabia Saudita e l’Iran si sono uniti. È significativo che l’Arabia Saudita abbia anche chiarito che non riconoscerà Israele finché non riconoscerà il diritto della Palestina alla nazione e il diritto dei palestinesi a tornare nella loro terra. È un altro modo per dire che l’Arabia Saudita non farà ciò che altri Stati arabi come gli Emirati Arabi Uniti (EAU) e il Bahrein hanno fatto negli ultimi tempi in nome dell’attuazione degli Accordi di Abramo.

Se c’è un’altra nazione che teme ancora di più il tentativo di riconciliazione tra Arabia Saudita e Iran attraverso l’iniziativa della Cina, sono gli Stati Uniti d’America. È fin troppo evidente che la Cina è diventata un attore importante in Asia occidentale. È sorprendente che sia riuscita a riunire in un accordo l’amico più stretto degli Stati Uniti nella regione, accanto a Israele, e il suo nemico più lontano in Asia occidentale, rafforzando nel frattempo il suo ruolo di mediatore di pace.

Forse è in questo ruolo di mediatore di pace che la Cina può essere in grado di porre fine al lungo conflitto tra Israele, da un lato e i palestinesi dall’altro.

Ecco perché il ruolo della Cina nel ripristinare i legami tra Sauditi e Iran potrebbe essere foriero di una nuova alba in Asia occidentale e di una nuova era nelle relazioni internazionali.

Le opinioni espresse in questo articolo non riflettono necessariamente quelle di Rights Reporter