Benjamin Netanyahu ha iniziato il suo sesto mandato come Primo Ministro israeliano a partire dal dicembre 2022 e ha portato con sé un’alleanza di destra ed estrema destra senza compromessi. Il suo obiettivo principale per quasi un semestre è stato la revisione del sistema giudiziario.

Israeli Law Professors’ Forum for Democracy ha riferito che Netanyahu stava conducendo una campagna per imporre una crisi costituzionale. Già nel 2019, il Jerusalem Post aveva pubblicato un “Test di ragionevolezza“, che rifletteva sulle conseguenze del licenziamento di tutti i ministri del governo da parte del Primo Ministro. L’Israel Democracy Institute ha messo in guardia sull’impatto della trasformazione dei consulenti legali in incaricati di parte a spese della fiducia pubblica. In breve, la storia della riforma giudiziaria è stata classificata come un “disastro“, in tutto lo spettro politico.

I giornali in lingua ebraica hanno avvertito che le azioni avrebbero portato danni e sarebbero state “un attacco diretto alle donne” e hanno spiegato “l’incubo” che avrebbe rappresentato per il sistema sanitario. Leader sindacali, attivisti, scienziati e giornalisti si sono uniti agli appelli per fermare la revisione. Netanyahu è una persona interessata a coltivare la propria eredità favorevole, ma come sottolinea Lawrence Davidson, “vuole stare fuori di prigione e, come la maggior parte delle persone potenti, vede il mondo attraverso il filtro delle proprie esigenze e ambizioni e vive in un mondo molto personalizzato“.

La questione del controllo giudiziario

Lo scienziato politico Jamie Mayerfield dell’Università di Washington ha recentemente posto una domanda: “Cosa pensano i critici accademici del controllo giudiziario della crisi in Israele? Sostengono gli sforzi di Netanyahu per ridurre il controllo giudiziario? Se no, perché? Lo specialista del Medio Oriente Lawrence Davidson ha detto di recente che “penso che la maggior parte degli accademici in Occidente vedrebbe chiaramente che la coalizione di Netanyahu è un pericolo per la democrazia in Israele”. “La maggior parte di loro”, ha dichiarato Davidson, “sosterrebbe quindi il movimento di protesta. Tuttavia, la maggior parte di questi accademici prenderebbe questa posizione sulla base di una comprensione piuttosto ingenua di Israele”.

“Mentre Netanyahu potrebbe spingere a modificare il sistema legale per rimanere al potere e fuori dal carcere, i suoi partner di coalizione sono molto seri nel loro desiderio di trasformare Israele da una società quasi secolare a una società religiosa molto più ortodossa”, ha commentato Davidson. “Non stiamo parlando di una dittatura qualsiasi con Netanyahu al vertice. Stiamo parlando di una versione israeliana dell’Iran! Le modifiche al sistema legale sono un mezzo per raggiungere questo obiettivo. È questa trasformazione che i manifestanti temono davvero. Così, nel caso di Israele, la democrazia etnica è servita fin dall’inizio come barriera a uno Stato di orientamento teocratico. Questa barriera è ora sotto attacco”, ha detto Davidson.

Secondo il New York Times, “quando il Presidente Biden ha avvertito senza mezzi termini il Primo Ministro Benjamin Netanyahu che “non può continuare su questa strada” di revisione del sistema giudiziario del suo Paese, ha scatenato il tipo di risposta che di solito viene espressa dagli avversari dell’America piuttosto che dai suoi alleati”. Davidson ha approfondito il significato del battibecco pubblico:

“Gli Stati Uniti danno aiuti a un Israele che per decenni è stato descritto come ‘proprio come noi’. Abbiamo creato questo mito e ora noi siamo bloccati con esso. Il problema è che la destra israeliana non crede o non si preoccupa di questo mito. Non si preoccupano di ciò che pensa il resto del mondo (sia esso gentile o ebreo della diaspora). Come i “Blues Brothers”, sono in “missione per conto di Dio”. Se ci si abbandona a un’ideologia (e le religioni sono una forma di ideologia), si mettono i paraocchi. Non ci sono più curve sulla strada. Netanyahu potrebbe rispondere alle pressioni statunitensi, ma i suoi partner di coalizione non lo faranno. Questo mette Netanyahu e Biden in un dilemma”.

Quando si tratta di trovare analogie storiche alle manifestazioni e alle proteste viste in Israele, è difficile trovarle perché si tratta di manifestazioni per il mantenimento di una democrazia e non per arrivare ad una democrazia.

Il contenuto di questo articolo non riflette necessariamente le opinioni di Rights Reporter