Benny Gantz vola a Washington

Secondo quanto appreso da Ynet, il Ministro Benny Gantz, membro del gabinetto di guerra, volerà a Washington domenica prossima per una serie di incontri, senza però essersi coordinato con il primo ministro Benjamin Netanyahu.

L’Ufficio del Primo Ministro ha espresso rabbia per la rivelazione di Ynet e ha chiarito che Gantz sta andando a Washinton senza l’approvazione del Primo Ministro, in contrasto con i regolamenti governativi, che “richiedono che ogni ministro coordini il suo viaggio in anticipo con il Primo Ministro, compresa l’approvazione del piano di viaggio”.

Secondo i collaboratori di Netanyahu, “il Primo Ministro ha chiarito al Ministro Gantz che lo Stato di Israele ha un solo Primo Ministro”. Da Washington, Gantz dovrebbe proseguire per Londra.

Il viaggio a Washinton di Benny Gantz arriva in un momento in cui gli sforzi per assicurare un accordo per lo scambio di ostaggi sono in corso senza successo da tempo, e in mezzo a rivelazioni di stampa secondo cui il governo americano sta perdendo la pazienza per la condotta di Netanyahu nella guerra con Hamas oltre alle accuse di essere condizionato negativamente dai suoi partner di governo Itamar Ben Gvir e Bezalel Smotrich.

All’inizio della settimana, il Presidente Joe Biden ha sottolineato che Israele deve perseguire la pace con i palestinesi per la sua sopravvivenza a lungo termine. Durante un’apparizione al “Late Night with Seth Meyers”, il Presidente ha avvertito che il “governo incredibilmente conservatore” del Paese rischia di perdere il sostegno internazionale.

“Israele ha avuto il sostegno schiacciante della stragrande maggioranza delle nazioni. Se continua così con questo governo incredibilmente conservatore, con [il Ministro della Sicurezza Nazionale Itamar] Ben-Gvir e altri, perderà il sostegno di tutto il mondo, e questo non è nell’interesse di Israele”, ha dichiarato nell’intervista a Myers.