Guerra Israele – Hezbollah: non sottovalutare il fronte nord

Residenti del nord di Israele inferociti perché ritengono che l'IDF non affronti come si deve la minaccia portata da Hezbollah
4 Gennaio 2024
Discorso di Hassan Nasrallah dopo omicidio numero due di Hamas a Beirut

In risposta all’assassinio del vice leader di Hamas Saleh al-Arouri, avvenuto martedì nel quartiere Dahiyeh di Beirut, il segretario generale di Hezbollah Hassan Nasrallah ha riservato le sue osservazioni alla fine del suo discorso di mercoledì.

“Non passeremo semplicemente sopra a questo audace assassinio”, ha dichiarato. “Prometto una risposta da parte di Hezbollah. Naturalmente non rivelerò i nostri piani, ma Israele si pentirà dell’assassinio”.

Da martedì pomeriggio, dopo l’assassinio di al-Arouri – di cui Israele non si è assunto la responsabilità – la tensione nel nord del Paese è aumentata. La municipalità di Haifa si è affrettata ad aprire dei rifugi, mentre Germania e Canada mercoledì hanno ordinato ai loro cittadini di lasciare immediatamente il Libano “per motivi di sicurezza”.

Nel frattempo, un comandante locale di Hezbollah nella regione di A-Nakoura, nel sud del Libano, Hussein Yizbak, sarebbe stato ucciso mercoledì sera in un attacco dell’IDF alla città, insieme ad altri tre agenti di Hezbollah.

L’organizzazione terroristica libanese ha annunciato la morte di altri cinque agenti mercoledì, per un totale di 147 vittime tra le sue fila – mentre Israele stima che il numero reale sia più alto, includendo terroristi non ufficialmente affiliati all’organizzazione.

Il Capo di Stato Maggiore dell’IDF, LTG Herzi Halevi, ha visitato il confine settentrionale mercoledì, dove ha condotto una valutazione della situazione con il capo del Comando settentrionale, il Generale Maggiore Uri Gordin, il comandante della 210a Divisione, il Generale di Brigata Tzion Ratzon, e con i comandanti delle brigate e dei battaglioni di riserva attivi nel settore.

“Siamo in uno stato di preparazione molto intenso nel nord”, ha detto Halevi. “Vengo qui spesso e credo che la nostra preparazione sia al massimo. Abbiamo grandi competenze, buone capacità e un morale alto. Siamo in un ottimo stato di preparazione in tutti i settori e siamo attualmente concentrati sulla lotta contro Hamas”.

“Questa guerra è iniziata in un momento difficile, ma anche in queste circostanze molto dure, crea alcune opportunità per cambiare significativamente la situazione. Sia nel sud che nel nord, così come nella stabilità regionale complessiva”.

“Cambieremo la nostra difesa di routine; manterremo molte più forze ai confini almeno per il prossimo anno e otterremo qualcosa di molto più forte. Perché questo evento (il massacro del 7 ottobre) non può ripetersi, questo è certo. Dobbiamo dare una risposta molto forte a questo problema”.

Riunione del Capo di Stato Maggiore dell'IDF, LTG Herzi Halevi sul fronte nord contro Hezbollah
Capo di Stato Maggiore dell’IDF, LTG Herzi Halevi

Tuttavia, le parole del capo dell’esercito non hanno rassicurato i residenti della zona di confine settentrionale, decine di migliaia dei quali sono stati evacuati dalle loro case.

“Nasrallah minaccia, Hezbollah attacca, l’IDF risponde e noi siamo nel mezzo, con città fantasma e residenti evacuati e un altro giorno di tensione, prontezza e missili anticarro”, ha dichiarato mercoledì Moshe Davidovich, capo del Consiglio regionale di Mateh Asher e presidente del Forum degli insediamenti in prima linea.

Per 80 giorni, da Metula a Rosh Hanikra, Hezbollah ha sparato e colpito direttamente”. L’assassinio dell’alto funzionario di Hamas non è necessariamente legato alla guerra quotidiana contro Hezbollah che ci attanaglia”.

Anche Eitan Davidi, presidente del Consiglio del Moshav Margaliot, ha criticato il comportamento dell’IDF mercoledì sera. “Sono molto deluso dal fatto che il portavoce dell’IDF abbia fornito spiegazioni che suggeriscono che stiamo trattando con Hamas, non con Hezbollah”, ha detto.

“A me sembra una mezza apologia non necessaria. Secondo le fonti straniere, abbiamo eliminato chi doveva essere eliminato e abbiamo fatto ciò che doveva essere fatto. La nostra risposta dovrebbe essere chiara e la nostra determinazione e potenza dovrebbero essere un deterrente”.

“Da ieri siamo sulle spine e nessuno sa quando finirà. Questo mi rattrista profondamente. Una volta lo Stato di Israele sapeva come dissuadere, e un messaggio di un simile assassinio avrebbe solo spaventato il nemico. È inaccettabile che siamo scoraggiati dalle risposte alle nostre azioni decisive”.

“La difesa che il capo di stato maggiore ci promette non farà nulla per noi e non riporterà i residenti di Margaliot nelle loro case. Sono solo vuoti luoghi comuni. Un paravento di parole per cercare di farci rientrare dalla porta di servizio nelle nostre case. Se pensa che in questo modo raggiungerà il suo obiettivo, è ben lontano dal farlo. Non siamo residenti degli anni ’80, ’90 o dell’epoca di Grapes of Wrath. Siamo residenti del 7 ottobre; abbiamo visto di persona cosa succede ai nostri figli e alle nostre famiglie con Hezbollah al di là della barriera, e non importa se ci sono 200 o 400 soldati qui.

“Non torneremo. La mia casa è a soli 150 metri dal confine con il Libano. Quanto esercito può mettere tra me e la recinzione? Può dire queste bubbole a chi non conosce le minacce e l’atmosfera del nord. Il capo di stato maggiore dovrebbe essere chiaro e non fare dichiarazioni sul rafforzamento delle difese, ma sullo sferrare un colpo da cui Hezbollah non possa riprendersi”.

D’altra parte, chi ha parlato di colpi mercoledì è stato Nasrallah, che, nel suo discorso durato quasi due ore, ha fatto i conti al meglio delle sue possibilità con “l’entità sionista”.

Nasrallah ha dedicato il suo discorso all’ex comandante della Forza Quds delle Guardie Rivoluzionarie, Qasem Soleimani, in occasione dei quattro anni dal suo assassinio da parte degli Stati Uniti.

Secondo Nasrallah, Soleimani ha lavorato durante la sua vita per unire i ranghi della “resistenza” nel mondo arabo – la Forza Quds e le Guardie Rivoluzionarie in Iran, le milizie in Iraq, Hamas e la Jihad islamica a Gaza, gli Houthi nello Yemen e le forze in Siria.

“Improvvisamente”, ha descritto Nasrallah, “è sorto un fronte di ‘resistenza’ attivo contro Israele, ma ogni entità del ‘fronte’ opera in modo indipendente, al proprio ritmo, per le proprie ragioni, senza ricevere direttive operative dall’Iran. Il ruolo dell’Iran è solo quello di fornire armi, munizioni, equipaggiamento militare, addestramento e guida operativa, ma non direttive operative”.

Nasrallah ha dedicato la maggior parte del suo discorso alla disintegrazione interna di Israele dopo il “fallimento” a Gaza. “Si sentono voci contro il governo all’interno di Israele. Si vedono campi politici che criticano persino l’aviazione israeliana. Questa è la prima volta che la vera guerra si riscalda all’interno di Israele. Anche a livello internazionale c’è un’accesa atmosfera anti-Israele. Solo gli Stati Uniti e la Gran Bretagna collaborano, mentre 153 Paesi in tutto il mondo condannano Israele e chiedono che smetta di uccidere palestinesi innocenti a Gaza.

“Tutto ciò che Israele ha fatto dal 7 ottobre è destinato a fallire. Manca la sicurezza e senza sicurezza Israele perderà il diritto di esistere. Mi rivolgo ai sionisti: fate le valigie e andate in un altro posto che vi accetti. Dopo tutto, ogni israeliano ha un passaporto di un altro Paese”.

Nasrallah ha affrontato gli obiettivi di guerra fissati da Israele e si è rivolto al ministro della Difesa Yoav Gallant. “Il loro ministro della Difesa dice che senza il ritorno dei prigionieri da Gaza e il rovesciamento di Hamas, Israele sarà in una posizione difficile, e la gente non vorrà vivere lì. Vi annuncio che non riuscirete a riportare indietro altri prigionieri israeliani vivi.

Avete fallito i vostri obiettivi”. Gallant, con l’aiuto di Allah, non sarete in grado di raggiungere i vostri obiettivi di guerra. Israele è debole dopo quello che è successo il 7 ottobre e quello che deve ancora succedere in futuro indebolirà ancora di più Israele”, ha minacciato.

“Avete perso l’elemento sorpresa e noi stiamo combattendo in modo organizzato e calcolato. Se Israele decide di iniziare una guerra contro il Libano, vedrete che la nostra risposta sarà senza limiti”. (versione in inglese)

Seguici su…

massacro del 7 ottobre sito web

I più condivisi di recente

ribelli houthi attacco navi nel mar rosso
Previous Story

ONU ai ribelli Houthi: fermare gli attacchi alle navi

Amos Hochstein inviato USA. Condizioni per soluzione diplomatica con Hezbollah
Next Story

Hezbollah deve ritirarsi oltre il fiume Litani. Il tempo sta per scadere

Latest from Medio Oriente

Go toTop