aiuti umanitari a gaza hamas contrario

Oggi (lunedì) un sito web legato ad Hamas ha messo in guardia i singoli o i gruppi palestinesi dal collaborare con Israele per garantire la sicurezza dei convogli di aiuti umanitari che entrano a Gaza.

Chi lo facesse sarebbe trattato come un collaborazionista e sarebbe trattato con il pugno di ferro, ha dichiarato il sito web di Hamas Al-Majd, citando un funzionario delle forze terroristiche palestinesi.

L’avvertimento è arrivato in risposta alle notizie riportate dai media israeliani, secondo cui Israele starebbe valutando la possibilità di armare alcuni individui o clan palestinesi a Gaza per fornire protezione ai convogli di aiuti nell’enclave, come parte di una pianificazione più ampia per le forniture umanitarie dopo la fine dei combattimenti.

“Il tentativo dell’occupazione di comunicare con i leader e i clan di alcune famiglie per operare all’interno della Striscia di Gaza è considerato una collaborazione diretta con l’occupazione ed è un tradimento della nazione che non tollereremo”, ha dichiarato il sito web, citando il funzionario.

“Gli sforzi dell’occupazione [Israele] per istituire organismi per gestire Gaza sono una ‘cospirazione fallita’ che non si concretizzerà”.

Ordine civile a rischio nella Striscia di Gaza

Con l’ordine civile sempre più teso nella Striscia di Gaza gestita da Hamas e con la polizia che si rifiuta di garantire la sicurezza dei convogli a causa del rischio di essere presi di mira dalle forze israeliane, la questione della distribuzione sicura di cibo e altre forniture disperatamente necessarie è diventata un problema importante.

A Gaza ci sono diversi grandi clan familiari tradizionali, affiliati a fazioni politiche tra cui Hamas e Fatah, il gruppo rivale che guida l’Autorità Palestinese in Cisgiordania. Si ritiene che alcuni di questi clan siano ben armati e non vi è alcuna indicazione che considerino la possibilità di collaborare con Israele.

Rispondendo ai piani dell’Unione Europea e degli Stati Uniti di creare un corridoio marittimo per inviare navi di aiuto all’enclave, l’alto funzionario di Hamas Basem Naim ha affermato che si tratta di un passo “positivo”, ma il mondo avrebbe dovuto agire piuttosto per porre fine alla guerra.

“Assicurare che tutti i bisogni della popolazione della Striscia di Gaza siano soddisfatti non è un favore da parte di nessuno; è un diritto garantito dal diritto umanitario internazionale anche in tempo di guerra”, ha detto Naim alla Reuters.

“Se l’amministrazione statunitense è seriamente intenzionata a risolvere la crisi umanitaria, la strada più semplice e breve è quella di smettere di usare il potere di veto per consentire il raggiungimento di un cessate il fuoco e di costringere Israele ad aprire tutti i valichi di terra e a permettere l’ingresso di tutti gli aiuti richiesti”, ha detto Naim.