La settimana scorsa un attacco missilistico dal Libano ha dato a Israele un’idea delle capacità militari del ramo libanese di Hamas.

I razzi lanciati contro il nord di Israele – apparentemente da un’ala del gruppo terroristico palestinese Hamas – sembrano essere di origine iraniana e secondo gli esperti potrebbero essere stati forniti dall’Iran o dal suo proxy Hezbollah.

Il 6 aprile le Forze di Difesa Israeliane hanno reso noto che almeno 36 razzi sono stati lanciati in Israele dal Libano, molti dei quali sono stati abbattuti dal sistema di difesa aerea Iron Dome. Due persone sono rimaste leggermente ferite dalle schegge.

Si è trattato del più pesante lancio di razzi dalla Seconda guerra del Libano del 2006 ed è stato attribuito da Israele ad Hamas.

Un noto esperto di armi occidentale, che scrive anonimamente su Twitter con lo pseudonimo di Calibre Obscura e le cui notizie sono state citate da The Guardian, AFP, Vice e altri, ha affermato che i razzi erano probabilmente varianti iraniane di proiettili russi e cinesi.

Alcuni razzi non sparati sono stati ritrovati dalle Forze armate libanesi (LAF) nei giorni successivi al pesante attacco. Calibre Obscura li ha identificati come razzi di tipo Grad da 122 mm e 107 mm, con gittate effettive di circa 21 chilometri (13 miglia) e 8 chilometri (5 miglia), rispettivamente. Ha osservato che i Grad potrebbero anche essere una variante a lungo raggio con una gittata di 40 chilometri (25 miglia), poiché esternamente i modelli sono quasi identici.

I razzi di tipo Grad sono stati rinvenuti nel Libano occidentale e diretti verso la Galilea superiore e occidentale nel nord di Israele, dove è stata lanciata la maggior parte dei proiettili nell’attacco. Calibre Obscura ha dichiarato che i razzi corrispondono a schegge trovate nella città israeliana settentrionale di Shlomi.

I Grad e le loro varianti iraniane non sono nuovi nella regione e sono stati utilizzati sia da Hamas a Gaza che da Hezbollah in Libano. Sono armi “di base, semplici e imprecise”, ha dichiarato Calibre Obscura. Ma essendo il successore del Katyusha sovietico, sono in grado di causare danni significativi se lanciati in grandi raffiche.

“In Ucraina li vediamo sparati da veicoli di lancio, 40 alla volta. Un’intera salva potrebbe essere composta da centinaia di proiettili. “È essenzialmente un’arma di distruzione dell’area”, ha detto, sottolineando che la testata può essere letale anche contro obiettivi poco corazzati.

L’IDF ha dichiarato che due razzi sono stati lanciati anche nella città di Metula il 6 aprile, e gli ufficiali locali li hanno identificati come razzi da 107 mm, che corrispondono ai proiettili e al lanciatore trovati dalle LAF nell’area di Marjayoun.

lanciatore artigianale gradIn tutti i casi di razzi apparentemente iraniani trovati dalle LAF, i proiettili sembravano essere stati sparati contro Israele usando lanciatori di fortuna e non il sistema ufficiale di lanciatori multipli di razzi montati su camion (MRLS). Tuttavia, il fatto che in seguito siano stati trovati diversi razzi che non erano stati sparati indica che i lanciatori di fortuna non sono particolarmente affidabili.

“Potrebbe essere uno sforzo eccessivo dare ad Hamas un intero veicolo di lancio. Se vogliono inviare un messaggio e non causare troppi danni, possono lanciarne alcuni e posizionarli con una semplice applicazione per smartphone, e lanciarli con una batteria per auto e qualche filo”, ha detto Calibre Obscura, notando la difficoltà per Israele di localizzare un tale sito di lancio rispetto ai ben più grandi MRLS montati su camion.

Israele lo disse nel 2018: Hamas si sta insediando in Libano


Negli ultimi anni Hamas ha tranquillamente creato una filiale libanese per aprire un ulteriore fronte contro Israele in futuri conflitti.

La filiale ha sede a Tiro, secondo quanto riportato lo scorso anno dal quotidiano Yedioth Ahronoth, ma si ritiene che abbia altri avamposti in tutto il Paese.

Il potente gruppo terroristico di Hezbollah, che detiene uno stretto controllo sul Libano meridionale, dispone di attrezzature simili nel suo arsenale, facendo temere che possa anche aver consegnato ad Hamas alcuni dei suoi missili precisi, che non sono stati utilizzati nel bombardamento della scorsa settimana.

Un funzionario statunitense ha dichiarato martedì a Sky News che Hezbollah ha fornito ai membri di Hamas in Libano razzi a lunga gittata da usare contro Israele.

Gli ufficiali militari e gli analisti non dubitano che Hezbollah sia stato coinvolto in qualche misura nel lancio di razzi della scorsa settimana, poiché Hamas non avrebbe potuto effettuare un attacco del genere senza il consenso del gruppo libanese. L’IDF stava verificando se fosse coinvolto anche l’Iran.

Jonathan Schanzer, vicepresidente della Foundation for Defense of Democracies, un think tank con sede a Washington, ha affermato che l’infrastruttura militare di Hamas in Libano è stata resa pubblica per la prima volta nel 2018 in una lettera dell’allora ambasciatore di Israele presso le Nazioni Unite, Danny Danon.

“La lettera descrive in modo molto chiaro ciò che Israele riteneva stesse facendo Hamas. E prevedibilmente, le Nazioni Unite non fecero nulla. E cinque anni dopo, siamo sull’orlo di una guerra in Medio Oriente”, ha dichiarato al Times of Israel.

La lettera di Danon, datata 11 maggio 2018, affermava: “Desidero attirare la vostra attenzione sul rafforzamento dei legami tra due organizzazioni terroristiche riconosciute a livello internazionale, Hamas e Hezbollah, il proxy iraniano. Come vi ho informato nella mia lettera inviata il 27 giugno 2017, Hamas è colluso con Hezbollah e con il suo sponsor a Teheran per espandere le sue attività terroristiche oltre Gaza, Giudea e Samaria, fino alle aree all’interno del Libano”.

“La crescente cooperazione tra Hamas, Hezbollah e Iran costituisce una grave minaccia non solo per Israele, ma per la stabilità e la sicurezza dell’intera regione… è guidata da Saleh al-Arouri, il vice capo del Politburo di Hamas con sede in Libano”, ha scritto Danon nel 2018.

“Hamas sta costruendo una propria forza militare segreta in Libano. Hamas ha reclutato e addestrato centinaia di combattenti, per lo più uomini di origine palestinese, e progetta di reclutarne altre migliaia che costituiranno una forza che opererà per conto di Hamas in Libano”, ha aggiunto.

Il Libano ospita decine di migliaia di rifugiati palestinesi e i loro discendenti. Molti vivono nei 12 campi profughi sparsi per il piccolo Paese mediterraneo. Per un accordo di lunga data, l’esercito libanese non entra nei campi, lasciando la sicurezza all’interno alle fazioni palestinesi, tra cui Hamas.

Al-Arouri, comandante fondatore dell’ala militare di Hamas, è ritenuto responsabile del lancio di razzi dal Libano avvenuto la scorsa settimana.

Domenica, il capo di Hezbollah Hassan Nasrallah ha incontrato una delegazione di Hamas a Beirut per discutere di cooperazione. La delegazione era guidata dal leader di Hamas Ismail Haniyeh e comprendeva al-Arouri.

Dopo il lancio di razzi da Gaza e dal Libano, al-Arouri ha dichiarato che i bombardamenti “dimostrano che c’è qualcuno che difende la Moschea di Al-Aqsa” in cima al Monte del Tempio, nella Città Vecchia di Gerusalemme.

“Le forze della resistenza hanno il potere e i mezzi per fermare l’aggressione contro la moschea e lavoreranno per la sua liberazione”, ha dichiarato durante un evento a Beirut.

Schanzer ha detto che al-Arouri risiedeva in Turchia a tempo pieno, fino a quando non è stato inserito nella lista dei ricercati dagli Stati Uniti, in seguito alla rivendicazione da parte di Hamas della responsabilità del rapimento e dell’uccisione di tre adolescenti israeliani in Cisgiordania che ha scatenato la guerra di Gaza del 2014.

“Questo ha portato a uno strano accordo per cui non era basato in Turchia a tempo pieno, ma ha iniziato a fare la spola tra la Turchia e il Libano. E qui inizia la storia dell’infrastruttura [libanese]”, ha detto Schanzer, sottolineando che al-Arouri aveva il sostegno di Hezbollah e dell’Iran.

“Non avrebbe potuto farlo senza la conoscenza o l’assistenza di Hezbollah. È innegabile che l’Iran abbia fornito il materiale e parte dell’ingegneria e dell’addestramento necessari per creare questa infrastruttura”, ha affermato.

Schanzer ha affermato di ritenere che il ramo di Hamas in Libano potrebbe essere ancora più capace dell’organizzazione principale nella Striscia di Gaza, poiché l’Iran ha un accesso molto più facile al Libano per trasferire armi e addestramento, e Israele raramente conduce attacchi in Libano per sventare i tentativi di costruire forze nel paese dei cedri.

“Sul fronte di Gaza, [Israele] è in grado di distruggere una serie di obiettivi a volte, quando viene lanciato un razzo. Sfrutta queste opportunità. In Libano non si colpisce per paura di un confronto più ampio”, ha detto, riferendosi a Hezbollah.

Gli Hezbollah, sostenuti dall’Iran, rappresentano da tempo la minaccia militare più significativa ai confini di Israele, con un arsenale stimato di quasi 150.000 razzi che possono raggiungere qualsiasi punto del Paese, centinaia dei quali sono missili a guida di precisione.

Schanzer ha detto che l’establishment della difesa israeliana dovrebbe chiedersi se Hamas in Libano possiede missili a guida di precisione, che Hezbollah ha accumulato e prodotto utilizzando parti importate dall’Iran.

“Hezbollah ha condiviso le munizioni a guida di precisione con Hamas?”, ha chiesto. “Se stanno operando nello stesso teatro, se stanno già cooperando mano nella mano, se hanno lo stesso sponsor, lo stesso fornitore di armi, cosa ci dice che Hamas non abbia acquisito queste armi?”.