Il G7 studia il sistema di finanziare l’Ucraina con il denaro russo

Il documento critica anche le politiche della Cina e rivela le prime contromisure contro l'aggressività (non solo economica) di Pechino
25 Maggio 2024
g7 denaro russo

I ministri delle finanze del G7 hanno dichiarato il gruppo esplorerà i modi per utilizzare i futuri proventi dei beni russi congelati per aiutare l’Ucraina.

Il G7 e i suoi alleati hanno congelato circa 300 miliardi di dollari di beni russi poco dopo che Mosca ha invaso l’Ucraina nel febbraio 2022.

“Stiamo facendo progressi nelle nostre discussioni sulle potenziali vie per anticipare i profitti straordinari derivanti dai beni sovrani russi immobilizzati a beneficio dell’Ucraina”, si legge nella bozza di dichiarazione.

I negoziatori del G7 stanno discutendo da settimane su come sfruttare al meglio gli asset, come le principali valute e i titoli di Stato, che sono per lo più custoditi in depositi con sede in Europa.

Gli Stati Uniti hanno spinto i partner del G7 – Giappone, Germania, Francia, Gran Bretagna, Italia e Canada – a sostenere un prestito che potrebbe fornire a Kiev fino a 50 miliardi di dollari nel breve termine.

La formulazione cauta della dichiarazione, che non contiene cifre o dettagli, riflette i numerosi aspetti legali e tecnici che devono ancora essere messi a punto prima di poter emettere un tale prestito.

Una fonte del G7 ha dichiarato che la dichiarazione non subirà modifiche significative prima della versione finale che verrà rilasciata probabilmente oggi.

Sempre oggi i ministri saranno raggiunti dal ministro delle Finanze ucraino Serhiy Marchenko, il cui Paese, devastato dalla guerra, sta lottando per contenere l’offensiva russa nel nord e nell’est, a più di due anni dall’invasione di Mosca.

I ministri delle Finanze e i banchieri centrali riuniti a Stresa, nell’Italia settentrionale, intendono presentare delle opzioni sulla questione dei finanziamenti all’Ucraina che i capi di governo del G7 prenderanno in considerazione al vertice di metà giugno, si legge nel comunicato.

“Coerentemente con i nostri rispettivi sistemi legali, i beni sovrani della Russia nelle nostre giurisdizioni rimarranno immobilizzati fino a quando la Russia non pagherà per i danni che ha causato all’Ucraina”, ha dichiarato il G7.

CRITICHE ALLA CINA

La crescente forza delle esportazioni cinesi e quella che i ministri del G7 chiamano “sovracapacità” industriale sono stati un altro tema centrale dei due giorni di riunione nella città lacustre del nord Italia.

“Esprimiamo preoccupazione per l’uso generalizzato da parte della Cina di politiche e pratiche non di mercato che minano i nostri lavoratori, le nostre industrie e la nostra capacità di ripresa economica”, si legge nella dichiarazione.

“Continueremo a monitorare i potenziali impatti negativi dell’eccesso di capacità e prenderemo in considerazione l’adozione di misure per garantire condizioni di parità, in linea con i principi dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC)”.

La scorsa settimana gli Stati Uniti hanno annunciato forti aumenti dei dazi su una serie di importazioni cinesi, tra cui batterie per veicoli elettrici, chip per computer e prodotti medici.

Washington non ha invitato i suoi alleati ad adottare misure simili, ma il Segretario al Tesoro Janet Yellen ha dichiarato questa settimana di volere che il G7 esprima un “muro di opposizione” alle politiche industriali e commerciali della Cina.

La bozza di dichiarazione di 13 pagine dice anche che il G7 intende firmare il primo pilastro di un accordo su un’aliquota fiscale minima globale per le multinazionali entro la fine del mese prossimo.

Questo primo pilastro mira a ridistribuire il diritto di tassazione sui giganti digitali con sede principalmente negli Stati Uniti, consentendo a circa 200 miliardi di dollari di profitti aziendali di essere tassati nei Paesi in cui le società operano.

I leader finanziari del G7 hanno anche riaffermato il loro impegno sui tassi di cambio, mettendo in guardia da movimenti valutari eccessivamente volatili e disordinati, accogliendo la richiesta del Giappone.

Tokyo ha sostenuto che questo accordo del G7 le dà la libertà di intervenire sul mercato valutario per contrastare le eccessive oscillazioni dello yen.

Il G7 ha anche chiesto a Israele di mantenere i collegamenti bancari di corrispondenza tra le banche israeliane e palestinesi per consentire la continuazione di transazioni, scambi e servizi vitali.

Ciò fa eco all’avvertimento lanciato giovedì dal Segretario del Tesoro statunitense Janet Yellen, che ha sconsigliato di tagliare un’ancora di salvezza finanziaria vitale per i territori in difficoltà.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
genocidio
Previous Story

Genocidio di cervelli

troll russi in georgia per fermare proteste
Next Story

La struttura dei troll russi in Georgia costruita dalla NATO

Latest from Report e analisi

Go toTop