Di Daniel B. Baer – Non sappiamo come finirà esattamente questa guerra, ma sappiamo che la Russia non vincerà. Anche se la faticosa mobilitazione voluta dal Presidente russo Vladimir Putin di centinaia di migliaia di nuove truppe inesperte porterà a qualche vittoria tattica, la sua invasione dell’Ucraina è già una sconfitta strategica.

La Russia è indebolita economicamente, politicamente e militarmente. Putin ha assicurato un inverno doloroso in Europa, ma ha accelerato la diversificazione energetica e la transizione dell’Europa. I fallimenti dell’esercito russo e il ricorso a diffuse atrocità hanno messo in luce le debolezze militari convenzionali di Mosca.

Possiamo solo immaginare cosa pensino oggi i cinesi del loro alleato di fatto o come lo stato maggiore turco stia ricalcolando le opzioni strategiche di Ankara nella regione del Mar Nero e oltre. Se Putin dovesse dare seguito alla sua minaccia di usare le armi nucleari in Ucraina, non farebbe altro che aggravare la sua sconfitta strategica.

Pertanto, anche se analisti e funzionari occidentali mettono in guardia dal riporre troppe speranze in una rapida vittoria ucraina, il potere e l’influenza russa sono già visibilmente indeboliti. La Russia non si sta ritirando, ma si sta sgonfiando. Di conseguenza, c’è una sorta di gigantesco vortice geopolitico intorno alla periferia russa – dall’Europa orientale all’Asia centrale – poiché una Russia ridotta crea un vuoto che potrebbe sconvolgere uno status quo già fragile.

La diminuzione autoinflitta della Russia è, per molti versi, la continuazione di un processo iniziato con il crollo dell’impero sovietico. Quando l’Unione Sovietica ha cessato di esistere più di tre decenni fa, gli effetti a catena dell’evaporazione del potere sovietico hanno incluso le guerre nel Caucaso, il consolidamento del potere da parte di uomini forti in Asia centrale e due guerre brutali in Cecenia.

In sostanza, si trattava di conflitti postcoloniali, proprio come oggi la Russia sta cercando di ripristinare il controllo imperiale sull’Ucraina. In modo diverso, anche la disgregazione dell’ex Jugoslavia e i conflitti che ne sono seguiti erano legati al crollo dell’Unione Sovietica, anche se in modo meno diretto. Con la fine della Guerra Fredda, l’importanza della Jugoslavia sullo scacchiere strategico è diminuita. È stato, almeno in parte, questo vuoto e la conseguente mancanza di interesse da parte dell’Occidente a permettere al presidente serbo Slobodan Milosevic di sfruttare le divisioni interne per i conflitti etnici.

Da quando Putin è salito al potere, il suo regime progressivamente autoritario ha cercato di proiettare il potere russo in tutto l’ex spazio sovietico. Le sue politiche sono state alimentate da una combinazione di desiderio di riaffermare il controllo sugli ex territori dell’Unione Sovietica, che non considera Stati legittimi o pienamente sovrani, e dal timore profondo che il risveglio democratico in uno di essi possa essere contagioso.

In Georgia, Moldavia, Armenia e Azerbaigian, la Russia ha creato o mantenuto i cosiddetti conflitti congelati da usare come punti di leva e merce di scambio. La guerra di Putin contro l’Ucraina, dall’inizio nel 2014 con l’invasione della Crimea fino alla massiccia escalation di febbraio, condivide molti elementi di questo approccio, ipercaricato da una negazione genocida dell’esistenza di una nazione, di una lingua e di una cultura ucraine.

La sconfitta strategica di Putin in Ucraina potrebbe ora allentare la presa della Russia. La guerra persa in Ucraina ha messo a fuoco il futuro sviluppo politico e gli assetti di sicurezza della Russia. Con la diminuzione del prestigio e del potere russo, il panorama geopolitico dell’Eurasia potrebbe rivelarsi dinamico.

Prendiamo l’Azerbaigian e l’Armenia. L’uso da parte di Putin delle forniture di gas naturale come arma politica contro l’Europa è stata una manna per l’Azerbaigian e per il suo leader autoritario, Ilham Aliyev. La guerra di Putin ha fatto aumentare il prezzo dell’esportazione principale dell’Azerbaigian anche quando i leader europei hanno corteggiato il Paese nella loro corsa alla diversificazione delle forniture. Così incoraggiato e percependo la distrazione della Russia per la guerra in Ucraina, il mese scorso l’Azerbaigian ha attaccato l’Armenia nella più significativa esplosione di violenza dalla guerra del 2020 tra i due Paesi. A fine settembre, i funzionari armeni hanno riferito di oltre 200 soldati uccisi e quasi 300 feriti.

La guerra del 2020 si è conclusa con un accordo mediato da Mosca e con il dispiegamento di forze di pace russe nel Nagorno-Karabakh, il territorio a maggioranza armena da tempo conteso in Azerbaigian. Gli ultimi combattimenti, tuttavia, non si sono conclusi al tavolo dei negoziati russo, anche se l’Armenia aveva fatto appello alla Russia, suo tradizionale alleato, affinché intervenisse. Come ha confermato il presidente del Consiglio di sicurezza armeno Armen Grigoryan durante la sua visita a Washington il 26 settembre, questa volta è stata la diplomazia statunitense a prendere il posto di quella di Mosca. Il Segretario di Stato americano Antony Blinken, ha detto Grigoryan, era “personalmente coinvolto e al telefono con entrambe le parti”. La Presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi si è recata a Yerevan, la capitale armena, per dimostrare il proprio sostegno.

Anche se gran parte dell’attenzione dell’Occidente si è concentrata sul fatto che Aliyev abbia apparentemente colto il momento, fino al punto di giocare potenzialmente troppo la mano, non è questo l’aspetto notevole della perdita di influenza della Russia. Più significativo, a lungo termine, è il fatto che l’Armenia sembra aver rinunciato, almeno per ora, alla Russia come garante della sicurezza e si rivolge all’Occidente per ottenere sostegno politico, e lo riceve. Questo potrebbe avere profonde influenze sul futuro post-russo della regione. Se si arriverà a un accordo stabile sui confini tra Armenia e Azerbaigian – come alcuni rapporti indicano – sarà mediato al tavolo occidentale. La Russia, a questo punto, non è nella posizione di essere né un mediatore né un garante.

Oppure guardiamo alla Georgia per calibrare i potenziali effetti del declino dell’influenza russa. Dopo la Rivoluzione delle Rose del 2003, e soprattutto all’epoca della guerra russo-georgiana del 2008, la Georgia godeva delle speranze e della simpatia di molti occidentali che vedevano nel piccolo Paese sul Mar Nero l’emblema del potenziale di progresso democratico nel Caucaso e della determinazione della Russia a soffocarlo. Per molti versi, le repubbliche fantoccio del Cremlino nella regione ucraina del Donbas derivano dal suo libro di giochi della Georgia. La Russia ha occupato le regioni georgiane dell’Abkhazia e dell’Ossezia del Sud sin dalla guerra del 2008 ed è abile nell’usare l’occupazione come un modo per esercitare un’influenza politica sul governo georgiano e per negargli il progresso.

Ora che Mosca si è chiusa nel cerchio della sua disastrosa guerra in Ucraina, la Georgia potrebbe avere l’opportunità di portare avanti le riforme democratiche e di orientarsi ulteriormente verso l’Occidente. Purtroppo, negli ultimi anni la democrazia del Paese ha subito un notevole declino. Il governo è in gran parte controllato da un miliardario con legami significativi con la Russia e una visione moderata nei confronti di Mosca: l’ex primo ministro georgiano Bidzina Ivanishvili, il cui partito “Sogno georgiano” ha dominato la scena politica dal 2012. La polarizzazione virulenta ha attanagliato il Paese, la corruzione è in aumento e lo spazio per la società civile e i media indipendenti si sta riducendo. Il governo georgiano si è scagliato contro l’ambasciatore statunitense, nonostante il ruolo degli Stati Uniti come partner più importante per la sicurezza della Georgia. In questo contesto, la Georgia non è stata inserita nella lista quando l’Ucraina e la Moldavia sono state nominate Paesi candidati all’Unione Europea a giugno.

Sebbene la recessione della potenza russa, precipitata dalla sconfitta strategica in Ucraina, crei uno spazio per la Georgia per approfondire i suoi legami con l’Occidente, la cultura politica tossica della Georgia la rende un’isola politica più del necessario.

Per la Moldavia, il disfacimento di Putin non potrebbe arrivare in un momento migliore. Dopo aver eletto inaspettatamente Maia Sandu, un giovane e carismatico riformatore, come presidente alla fine del 2020, la Moldavia sembra ora pronta per il progresso. Il suo nuovo status di candidato all’UE significa che ha saltato la fila per l’integrazione occidentale nonostante abbia uno dei conflitti congelati della Russia sul suo territorio.

Per tre decenni, la Russia ha stazionato truppe e immagazzinato armi in Transnistria, la fetta di Moldavia che si trova tra il fiume Dniester e il confine ucraino. Lì, Mosca ha finanziato e controllato in modo losco un governo fantoccio con leader colorati e clowneschi. Negli ultimi anni, il governo moldavo ha cercato di rimuovere le barriere che impediscono ai transnistriani di accedere all’economia dell’altra sponda del fiume, ritenendo che la reintegrazione fosse più probabile coinvolgendoli che cercando di sfrattare i russi.

Se la Moldavia, con il sostegno dell’UE e degli Stati Uniti, riuscirà davvero a compiere progressi in materia di Stato di diritto e sviluppo economico, la sua attrattiva per i residenti della Transnistria sarà ancora maggiore. Il tempo dirà se gli elementi della scena politica moldava che storicamente sono stati sostenuti dalla corruzione russa troveranno il libretto degli assegni di Mosca così generoso come prima della guerra. In ogni caso, l’attenzione di Putin per il recupero della guerra persa in Ucraina potrebbe creare lo spazio di cui la Moldavia ha bisogno per andare avanti con meno sabotaggi da parte della Russia. L’ottimismo va sempre temperato – dopo tutto, in Transnistria ci sono ancora armi e soldati russi che dovrebbero andarsene in qualche modo – ma tra i conflitti congelati della Russia, la Moldova è quello che ha maggiori probabilità di trovare una soluzione nei prossimi anni. Gli attori democratici motivati si stanno facendo avanti, mentre Putin è in agguato.

I Balcani, dove Mosca ha una lunga storia di conflitti, hanno molto da guadagnare da una riduzione dell’influenza russa. Putin ha coltivato una relazione con il leader serbo Aleksander Vucic e la diplomazia pubblica russa è riuscita a coinvolgere una parte significativa dell’opinione pubblica serba. Vucic ha giocato con successo a bilanciare gli interessi russi, europei, statunitensi e cinesi nel Paese, mettendoli l’uno contro l’altro per promuovere la propria agenda. Il declino della Russia a seguito della guerra potrebbe aumentare l’interesse di Vucic per i legami economici con Pechino, rendendo il suo governo più propenso a lavorare in modo costruttivo con Bruxelles e Washington. Tuttavia, è tutt’altro che chiaro che Vucic abbia l’inclinazione personale o lo spazio politico per risolvere le questioni irrisolte della Serbia relative al Kosovo – prerequisito per la piena integrazione europea della Serbia.

La lunga abitudine di Putin di fomentare i conflitti significa che l’Occidente deve prestare attenzione ai Balcani anche quando la Russia è impegnata in Ucraina. In Bosnia-Erzegovina, il sostegno di lunga data della Russia al leader serbo-bosniaco Milorad Dodik potrebbe essere la miccia che Putin cerca di accendere per creare problemi all’Europa. Dodik si è recentemente incontrato con Putin e ha offerto il suo sostegno ai referendum fasulli che la Russia ha utilizzato per annettere quattro oblast’ ucraini il mese scorso. La Bosnia-Erzegovina è notoriamente fragile dal punto di vista politico, in parte perché il Paese non è riuscito ad adottare – e i partner esterni non sono riusciti a sostenere adeguatamente – un quadro costituzionale praticabile a lungo termine. In un’altra svolta del suo libro di giochi sui conflitti congelati, Putin potrebbe, ad esempio, incoraggiare Dodik a dichiarare la sua intenzione di fondere formalmente la Republika Srpska, la regione a maggioranza serba all’interno del Paese, con la Serbia. In questi giorni c’è molta concorrenza per l’attenzione della Casa Bianca, ma una visita presidenziale o vicepresidenziale a Sarajevo, la capitale, potrebbe inviare un segnale prezioso.

Quale di queste o altre tessere del domino cadrà – e quando e come? È troppo presto per prevedere le conseguenze finali della sicura sconfitta strategica della Russia, in parte perché non è chiaro quanto grave sarà la sconfitta. E anche se le tessere del domino cadono certamente nella geopolitica, non sempre cadono come ci si aspetta. La politica internazionale non è fisica: Le forze che determinano gli esiti geopolitici sono più varie e le regole meno affidabili.

Quello che sembra certo, però, è che una fase di plasticità geopolitica eleva l’importanza della diplomazia, che ora ha maggiori possibilità di incidere sul modo in cui le tessere del domino cadranno. Pertanto, sebbene l’Occidente sia principalmente concentrato sulla sua risposta alla guerra della Russia contro l’Ucraina e sull’impatto della guerra sulle forniture energetiche e sull’inflazione, gli Stati Uniti e l’Europa non dovrebbero perdere l’occasione di sfruttare in modo silenzioso ma energico il colossale errore strategico della Russia per lavorare per migliorare lo status quo – ed evitare di peggiorarlo – nei luoghi in cui la proiezione di potere della Russia, ora in ritirata, si è dimostrata così nefasta e calcificante in passato. (Pubblicato su francolondei.it)