Normalizzazione tra Israele e Arabia Saudita: comprare i palestinesi

By Sarah G. Frankl - Writer

L’Arabia Saudita avrebbe proposto di rinnovare in maniera condizionata gli aiuti all’Autorità Palestinese, in quello che gli esperti considerano un possibile segnale che Riyadh stia cercando di convincere Ramallah a sostenere il suo sforzo per normalizzare le relazioni con Israele.

Il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman ha fatto per la prima volta l’offerta di rinnovare gli aiuti – completamente congelati nel 2016 a causa di accuse di corruzione – quando il presidente dell’Autorità palestinese Mahmoud Abbas ha visitato il regno ad aprile di quest’anno. Lo ha riferito martedì il Wall Street Journal, citando funzionari sauditi senza nome.

Un accordo con Gerusalemme sarebbe probabilmente impopolare per molti sauditi, dato il forte sentimento pro-palestinese nel Paese del Golfo. Pertanto, un timbro di approvazione da parte di Ramallah su un accordo di normalizzazione con Israele potrebbe contribuire a mitigare il contraccolpo pubblico in Arabia Saudita e nel mondo musulmano in generale.

Va detto tuttavia che la legittimità dell’Autorità palestinese è ai minimi storici a causa delle accuse di corruzione e del rifiuto di Abbas di tenere elezioni presidenziali dal 2005. Di conseguenza, Riyadh potrebbe aver bisogno di qualcosa di più dell’acquiescenza di Ramallah per vendere l’accordo in patria e all’estero.

Il principe ereditario, conosciuto colloquialmente come MBS, ha detto che i finanziamenti saranno rinnovati se Abbas riuscirà a contenere i gruppi terroristici in Cisgiordania e a ripristinare il controllo sui territori dell’Autorità palestinese al di là della Linea Verde. Il leader saudita ha anche promesso ad Abbas che qualsiasi accordo con Israele non avrebbe danneggiato gli sforzi per la creazione di uno Stato palestinese. Lo hanno dichiarato al WSJ attuali funzionari sauditi ed ex funzionari palestinesi informati sui colloqui.

Gli osservatori hanno notato che l’Autorità palestinese ha scarso controllo su alcune parti della Cisgiordania, in particolare sulla città settentrionale di Jenin. Negli ultimi anni, numerosi attacchi contro gli israeliani sono stati compiuti da palestinesi della zona.

Fonti saudite hanno chiarito che l’offerta di aiuti non è direttamente collegata a un potenziale accordo di normalizzazione con Israele, anche se Riyadh spera che ciò fornisca a Ramallah un maggiore incentivo a sostenere gli sforzi del Regno.

I funzionari hanno anche detto che l’appoggio di Abbas alla normalizzazione è necessario per legittimare tale accordo e prevenire le accuse contro Riyadh di promuovere i propri interessi a spese della ricerca di uno Stato da parte dei palestinesi.

Diversi funzionari dell’AP hanno rifiutato di commentare le indiscrezioni.

A differenza del boicottaggio dei precedenti sforzi di normalizzazione, l’AP avrebbe deciso di partecipare al processo saudita-israeliano nel tentativo di ottenere il maggior numero di risultati da Israele.

Una delegazione di alti funzionari palestinesi si recherà in Arabia Saudita la prossima settimana per discutere le richieste che Riyadh intende fare a Israele nell’ambito di un potenziale accordo di normalizzazione.

Channel 13 ha dichiarato domenica che, dopo aver inizialmente creduto che un accordo con l’Arabia Saudita non avrebbe richiesto grandi gesti ai palestinesi, la leadership israeliana sta ora iniziando a capire che dovrà in effetti offrire qualcosa di significativo.

Il Primo Ministro Benjamin Netanyahu considera la normalizzazione con Riyadh un obiettivo chiave di politica estera che potrebbe consolidare la sua eredità. Ma la prospettiva che l’attuale governo israeliano approvi qualsiasi concessione materiale ai palestinesi è tutt’altro che certa a causa di vari elementi di estrema destra della coalizione.

Il ministro delle Finanze Bezalel Smotrich ha affermato che Israele non farà concessioni ai palestinesi come parte di un accordo di normalizzazione.

Alcuni commentatori hanno ventilato la possibilità che il premier abbandoni i suoi partner della linea dura se un accordo fosse sul tavolo, a favore di una coalizione più centrista con gli attuali partiti di opposizione. Tuttavia, anche questa ipotesi sembra altamente improbabile, data l’intensa animosità tra le parti, e i leader dell’opposizione l’hanno esclusa pubblicamente.

Tuttavia, il ministro degli Esteri Eli Cohen ha dichiarato martedì al sito Israel National News che un accordo di normalizzazione è possibile “entro i prossimi sei mesi”.

La richiesta di Riyadh di un via libera da parte di Washington per lo sviluppo di un programma nucleare fa parte dei più ampi colloqui tra Stati Uniti e Arabia Saudita, che potrebbero consolidare un accordo tra Gerusalemme e Riyadh. In cambio dell’instaurazione di relazioni con lo Stato ebraico, si ritiene che i sauditi vogliano accedere a tecnologie avanzate di difesa americane e a un’alleanza di difesa con gli Stati Uniti.

Per quanto riguarda la sua parte dell’accordo, Washington cerca di invertire i legami economici e militari dei sauditi con Cina e Russia e di rafforzare la tregua che ha posto fine alla guerra civile nello Yemen.

By Sarah G. Frankl Writer
Follow:
Vive nel sud di Israele. Responsabile della redazione e delle pubblicazioni Breaking News. Cura i social di Rights Reporter. Esperta del settore informatico. Hacker Etica