Nuova risoluzione ONU contro Israele chiede alla Corte Mondiale di esprimersi sulla “occupazione”

L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato venerdì una risoluzione che chiede alla Corte Internazionale di Giustizia di esprimersi sul conflitto israelo-palestinese, sulla “annessione” israeliana e sullo “status legale della occupazione”.

La risoluzione promossa dai palestinesi è passata con un voto di 87 favorevoli, 26 contrari e 53 astensioni.

La risoluzione si intitola “Pratiche israeliane e attività di insediamento che incidono sui diritti del popolo palestinese e degli altri arabi dei territori occupati” e chiede alla Corte internazionale di giustizia dell’Aia di “emettere urgentemente un parere consultivo” sulla “prolungata occupazione, insediamento e annessione del territorio palestinese da parte di Israele”.

Chiede inoltre un’indagine sulle misure israeliane “volte ad alterare la composizione demografica, il carattere e lo status della Città Santa di Gerusalemme” e afferma che Israele ha adottato “leggi e misure discriminatorie”.

La risoluzione chiede alla Corte di intervenire nel conflitto in conformità con il diritto internazionale e la Carta delle Nazioni Unite.

La Corte internazionale di giustizia, nota anche come Corte mondiale, è il massimo organo giurisdizionale delle Nazioni Unite per la mediazione delle controversie tra Paesi. Le sue sentenze sono vincolanti e influenzano l’opinione pubblica, ma non hanno un meccanismo di applicazione. La Corte è separata dalla Corte penale internazionale, che ha sede anch’essa all’Aia.

L’ultima volta che la Corte ha emesso un parere consultivo sul conflitto israelo-palestinese è stato nel 2004, quando l’Assemblea Generale le ha chiesto di pronunciarsi sulla legalità della barriera di separazione.

Israele, Stati Uniti, Regno Unito, Australia, Austria, Canada, Germania e Italia hanno votato contro la risoluzione di venerdì.

Cina, Iran, Irlanda, Polonia, Portogallo, Russia e Arabia Saudita hanno votato a favore, insieme a Stati musulmani o arabi con cui Israele intrattiene relazioni, tra cui Egitto, Giordania, Marocco, Emirati Arabi Uniti, Bahrein, Sudan e Azerbaigian.

Francia, Brasile, Danimarca, Finlandia, Giappone, Paesi Bassi, Svezia e Svizzera si sono astenuti.

I voti contrari alla risoluzione e le astensioni ammontano complessivamente a 79 Paesi, il che rappresenta un margine di sostegno minore del solito per una misura anti-Israele all’Assemblea Generale.

Alcuni membri dell’assemblea di 193 nazioni, tra cui l’Ucraina, non hanno espresso un voto. Il sostegno di Kiev alla risoluzione in una commissione all’inizio dell’anno ha scatenato una disputa diplomatica tra Ucraina e Israele.

Le Nazioni Unite hanno una lunga storia di risoluzioni contro lo Stato Ebraico e Israele e gli Stati Uniti le accusano di essere parziali. Israele ha accusato i palestinesi, che hanno lo status di Stato osservatore non membro all’ONU, di cercare di usare l’organismo mondiale per aggirare i negoziati di pace e imporre un accordo.

Venerdì scorso, l’ambasciatore israeliano alle Nazioni Unite Gilad Erdan ha denunciato l’ONU per la risoluzione, definendola una “macchia morale” sull’organismo mondiale. Egli ha sostenuto che il voto delegittima e demonizza Israele, anche riferendosi al Monte del Tempio solo con il suo nome arabo, Haram al-Sharif.

Il Monte del Tempio è il luogo più sacro per gli ebrei, in quanto sede degli antichi templi, e il terzo luogo più sacro per l’Islam, in quanto sede della Moschea di Al-Aqsa.

Erdan non ha partecipato alla votazione perché si è svolta dopo l’inizio dello Shabbat. Un rappresentante degli Stati Uniti ha votato contro la risoluzione a nome di Israele.

Nessun organismo internazionale può decidere che il popolo ebraico sia un “occupante” nella propria patria. Qualsiasi decisione di un organo giudiziario che riceve il suo mandato dalle Nazioni Unite, moralmente fallite e politicizzate, è completamente illegittima”, ha dichiarato Erdan in un comunicato di venerdì. “I palestinesi hanno rifiutato ogni iniziativa di pace, sostenendo e incitando il terrore. Invece di spingere i palestinesi a cambiare, le Nazioni Unite stanno facendo il contrario: li aiutano a danneggiare l’unica democrazia vibrante del Medio Oriente”.

“La decisione di tenere una votazione che riguarda Israele durante lo Shabbat è un altro esempio del decadimento morale dell’ONU, che impedisce alla posizione di Israele di essere ascoltata in una votazione i cui risultati sono predeterminati”, ha aggiunto.

Giovedì Erdan si è visto prorogare il mandato di inviato ONU dal Primo Ministro Benjamin Netanyahu, in una delle sue prime mosse dopo il ritorno nell’ufficio del premier.

Il rappresentante palestinese alle Nazioni Unite, Riyad Mansour, ha applaudito la risoluzione dopo la sua approvazione.

“Questo voto arriva un giorno dopo la formazione del nuovo governo israeliano che si è impegnato ad accelerare le politiche coloniali e razziste contro il popolo palestinese”, ha dichiarato Mansour all’Assemblea Generale.

“Confidiamo che, a prescindere dal vostro voto di oggi, se credete nel diritto internazionale e nella pace, rispetterete il parere della Corte internazionale di giustizia e vi opporrete a questo governo israeliano in questo momento, perché libertà, giustizia e pace prevarranno”.

Anne Bayefsky, un avvocato e professore pro-israeliano per i diritti umani che monitora le Nazioni Unite, ha detto che i commenti di Mansour subito dopo il voto, prima di considerare i fatti o la legge, indicavano che il risultato dell’indagine era probabilmente preordinato.

“Non è affatto legge. È una trovata politica”, ha detto. “È sicuro al 100% che il risultato andrà nella sua direzione. L’Assemblea Generale si è presa gioco della Corte”.

Prima del voto dell’Assemblea Generale, la risoluzione che chiedeva l’intervento della Corte Internazionale di Giustizia è passata il mese scorso nel Quarto Comitato delle Nazioni Unite con un voto di 98 favorevoli, 17 contrari e 52 astensioni.

Israele ha criticato la risoluzione in quanto parziale e poco attenta alle preoccupazioni di Israele in materia di sicurezza. L’ex primo ministro Yair Lapid ha condotto una campagna diplomatica, contattando più di 50 leader mondiali, per raccogliere l’opposizione alla risoluzione.

Il nuovo governo israeliano, che ha prestato giuramento giovedì, probabilmente alimenterà ulteriormente le tensioni con le Nazioni Unite e la comunità internazionale. L’ufficio del Segretario generale delle Nazioni Unite e il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite non hanno risposto a una richiesta di commento sul nuovo governo e sulle sue politiche nei confronti dei palestinesi.

L’inviato delle Nazioni Unite per il processo di pace in Medio Oriente, Tor Wennesland, si è congratulato giovedì con Netanyahu, ha detto che continuerà a lavorare con il governo israeliano e ha sottolineato l’impegno delle Nazioni Unite per una soluzione a due Stati.

Tra i partner della coalizione di Netanyahu, nessuno ha dichiarato di sostenere una soluzione a due Stati con i palestinesi, alcuni sostengono l’annessione della Cisgiordania senza concedere pari diritti ai palestinesi in quelle aree e molti si oppongono con veemenza al coordinamento o al rafforzamento dell’Autorità palestinese.

Si prevede che il governo di Netanyahu rafforzerà il controllo di Israele sulla Cisgiordania. I suoi accordi di coalizione includono un vago impegno ad annettere il territorio a Israele, un impegno a legalizzare decine di insediamenti non autorizzati e lo stanziamento di ingenti fondi per la costruzione di strade e trasporti pubblici in Cisgiordania.

“Il popolo ebraico ha un diritto esclusivo e inalienabile a tutte le parti della Terra d’Israele. Il governo promuoverà e svilupperà l’insediamento in tutte le parti della Terra d’Israele – in Galilea, nel Negev, nel Golan e in Giudea e Samaria”, si legge nell’agenda generale pubblicata dal governo. Giudea e Samaria sono i nomi biblici della Cisgiordania.

Le linee guida non menzionano specificamente i palestinesi o il processo di pace, ma affermano solo che “il governo lavorerà per promuovere la pace con tutti i nostri vicini, preservando al contempo la sicurezza, gli interessi storici e nazionali di Israele”.

Giovedì l’Autorità Palestinese ha chiesto un boicottaggio internazionale del nuovo governo israeliano per il suo programma di destra e di linea dura, affermando che esso rappresenta “una minaccia esistenziale per il popolo palestinese”.

Nel 2004, la Corte ha dichiarato che la barriera di separazione costruita da Israele era “contraria al diritto internazionale” e ha chiesto a Israele di interrompere immediatamente la costruzione.

Israele ha affermato che la barriera è una misura di sicurezza volta a impedire agli attentatori palestinesi di raggiungere le città israeliane. I palestinesi sostengono che la struttura è un’appropriazione di terra da parte di Israele a causa del suo percorso attraverso Gerusalemme est e parti della Cisgiordania.

Israele ha ignorato la sentenza del 2004 e la risoluzione di venerdì chiede a Israele di rispettarla, di fermare la costruzione del muro e di smantellarlo.

Staff RR e Agenzie

Lo staff di Rights Reporter in collaborazione con le migliori agenzie e testate

Post navigation

If you like this post you might also like these

back to top