Ostaggi: proseguono sottotraccia le trattative con Hamas

Mentre infuriano i combattimenti intorno a Khan Yunis, i negoziatori cercano disperatamente di raggiungere un difficilissimo accordo tra Israele e Hamas
24 Gennaio 2024
trattative per la liberazione degli ostaggi in mano di Hamas

Il principale negoziatore americano per il Medio Oriente si sta recando in Qatar, con una tappa in Egitto, per cercare una linea di contatto tra Israele e Hamas mentre proseguono sottotraccia le discussioni sul rilascio degli ostaggi detenuti dai terroristi islamici.

Il viaggio di Brett McGurk, il più alto funzionario del Consiglio di Sicurezza Nazionale per il Medio Oriente, arriva nel mezzo di nuove speculazioni su una possibile svolta nei negoziati per il rilascio degli ostaggi e su una pausa nei combattimenti, che sono stati particolarmente feroci negli ultimi giorni, quando le forze israeliane hanno circondato la città meridionale di Gaza, Khan Younis, dove si ritiene che si trovino i più alti comandanti di Hamas.

Le organizzazioni umanitarie hanno riferito che migliaia di civili sono intrappolati nella città, soprattutto negli ospedali.

“Certamente, una delle cose di cui sta parlando nella regione è il potenziale per un altro accordo sugli ostaggi, che richiederebbe una pausa umanitaria di una certa durata per realizzarlo”, ha detto martedì ai giornalisti il portavoce del Consiglio di Sicurezza Nazionale, John Kirby. “Non li classificherei nemmeno come ‘negoziati’ a questo punto, ma come ‘discussioni in corso con le controparti’ su ciò che è nel regno del possibile”.

McGurk discuterà anche di assistenza umanitaria e valuterà le operazioni delle Forze di Difesa israeliane e la protezione della vita dei civili, ha detto Kirby.

Israele avrebbe offerto una pausa di due mesi nei combattimenti in cambio di un rilascio graduale degli ostaggi rimanenti.

“C’è molta strada da fare prima di raggiungere qualsiasi accordo”, si legge in un testo tra funzionari israeliani. “Israele sta offrendo varie condizioni per la restituzione degli ostaggi, con una pausa nei combattimenti vista come un dato di fatto… ma in nessun modo Israele rinuncerà alla distruzione di Hamas, alla restituzione degli ostaggi”.

Le fasi inizierebbero con le donne e i bambini civili rimasti, seguiti dagli uomini civili, poi dalle donne e dai militari israeliani, quindi dai corpi morti rimasti. Ci sono più di 100 ostaggi vivi ancora detenuti a Gaza.

Queste fasi sono state discusse per la prima volta a fine novembre, quando una pausa di una settimana nei combattimenti ha portato al rilascio di oltre 100 donne, bambini e ostaggi stranieri. All’epoca, l’aspettativa degli Stati Uniti era che la pausa sarebbe proseguita con il rilascio graduale di tutti gli ostaggi sequestrati da Hamas il 7 ottobre, che originariamente si riteneva fossero più di 240.

Kirby ha affermato che le conversazioni relative a un altro potenziale accordo sugli ostaggi “sono molto sobrie e serie”, aggiungendo che “si spera che portino frutti”.

Sebbene Israele non abbia commentato pubblicamente le notizie, mercoledì i membri di destra del gabinetto – una base di sostegno fondamentale per la coalizione del Primo Ministro Benjamin Netanyahu – hanno espresso perplessità sulle voci di un accordo.

Il ministro delle Finanze Bezalel Smotrich ha chiesto un’immediata riunione di gabinetto d’emergenza. “Fermare la guerra in un momento così delicato potrebbe mettere in pericolo l’intera operazione e comportare costi enormi nella Striscia di Gaza e su altri fronti. Un simile accordo solleva diverse questioni pericolose. A questo punto, non possiamo sostenere l’interruzione della guerra per un lungo periodo”.

Il ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben Gvir ha twittato che, pur essendo favorevole al ritorno a casa degli ostaggi, si è opposto a un “cattivo accordo”.

In passato, Hamas ha dichiarato che non avrebbe rilasciato altri ostaggi se non fossero state soddisfatte le sue condizioni per la fine delle ostilità. Israele ha affermato che non ci sarà un ritiro e una fine permanente dei combattimenti finché la leadership e le infrastrutture militari di Hamas non saranno distrutte.

Il portavoce del Ministero degli Esteri del Qatar, che è stato un mediatore chiave tra Israele e Hamas, ha dichiarato di aver “presentato idee a entrambe le parti, stiamo ricevendo un flusso costante di risposte da entrambe le parti, e questo di per sé è un motivo di ottimismo”.

Majed al-Ansari, il portavoce, ha aggiunto che alcune recenti dichiarazioni pubbliche sono state “dannose” per il processo.

“Quando una parte dice di non accettare la soluzione dei due Stati, di non voler fermare questa guerra alla fine, parlando di sfollamento dei palestinesi, questo ovviamente porta a un processo di mediazione più difficile”, ha detto. Netanyahu ha ripetutamente affermato il suo rifiuto per un futuro Stato palestinese.

Israele sta subendo crescenti pressioni da parte delle famiglie degli ostaggi per trovare un accordo per riportare a casa i prigionieri. La grande maggioranza dei Paesi del mondo ha chiesto un cessate il fuoco umanitario – piuttosto che una pausa temporanea – e ha chiesto a Israele di facilitare una maggiore assistenza ai civili di Gaza.

Sebbene gli Stati Uniti abbiano ripetutamente affermato di non essere a favore di un cessate il fuoco generale, martedì Kirby ha dichiarato che Washington sosterrebbe una pausa umanitaria della durata di un mese o anche più.

“Se questo ci desse l’opportunità di liberare gli ostaggi e di far arrivare più aiuti, saremmo assolutamente favorevoli a una pausa umanitaria più lunga della settimana che siamo riusciti a realizzare”, ha dichiarato.

Le agenzie di soccorso, nel frattempo, hanno espresso allarme per l’intensificarsi dei combattimenti a Khan Younis, in particolare intorno all’ospedale Nasser, dove “migliaia” di persone, tra cui 850 pazienti, sono rimaste intrappolate, secondo quanto riferito da Medici Senza Frontiere martedì sera.

L’ONG ha dichiarato che una direttiva israeliana di evacuazione è stata impossibile da seguire per molti a causa del pericolo e dell’inaccessibilità dei dintorni dell’ospedale.

L’ospedale Nasser è uno dei due rimasti nel sud di Gaza in grado di curare i feriti gravi, ha dichiarato sui social media. Un giorno prima, Israele ha ordinato l’evacuazione di un’area contenente più di 500.000 persone a Khan Younis, secondo l’ufficio per gli affari umanitari delle Nazioni Unite, che comprendeva tre ospedali.

Anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato mercoledì che l’ospedale al-Kheir, un piccolo ospedale gestito da una ONG a Khan Younis con circa 30 posti letto, stava affrontando “incursioni militari”, con diversi operatori sanitari detenuti.

Seguici su…

massacro del 7 ottobre sito web

I più condivisi di recente

Offensiva israeliana a Gaza
Previous Story

Si intensifica l’offensiva israeliana a Gaza. Uccisi decine di terroristi

i bambini dimenticati del Darfur
Next Story

I bambini dimenticati del Darfur che muoiono senza vaccini

Latest from Medio Oriente

Go toTop