Per Israele è il momento di fermare l’Iran prima che sia troppo tardi

8 Marzo 2023

Alti funzionari israeliani si stanno recando nelle capitali di tutto il mondo per cercare di avvicinare l’Occidente alla posizione interventista di Gerusalemme sul programma nucleare iraniano.

Il ministro degli Affari strategici Ron Dermer e il consigliere per la sicurezza nazionale Tzachi Hanegbi hanno incontrato lunedì a Washington il segretario di Stato americano Antony Blinken e il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan per discutere della ricerca del nucleare da parte dell’Iran e della sua minaccia per la regione.

Il Primo Ministro Benjamin Netanyahu sta continuando il suo tour delle capitali europee, volando a Roma giovedì e a Berlino il prossimo fine settimana, per cercare di spingere l’Europa a dichiarare terminati i colloqui sul ritorno all’accordo nucleare del 2015.

Ma è improbabile che i loro sforzi per convincere gli alleati a cambiare posizione sulla questione diano frutti.

L’Iran ha mostrato alcuni recenti segnali di una maggiore disponibilità a cooperare con la comunità internazionale sul suo programma nucleare, e mentre il Consiglio dei Governatori dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (AIEA) si riunisce questa settimana, non dovrebbe approvare nuove risoluzioni che censurino l’Iran.

Questo sviluppo è sicuramente deludente per Israele, in quanto arriva dopo la scoperta, a febbraio, che l’Iran ha arricchito una parte dell’uranio fino a quasi l’84% di purezza, appena al di sotto del 90% necessario per ottenere materiale bellico.

Un portavoce dell’Organizzazione iraniana per l’energia atomica ha lasciato intendere che l’84% è stato un errore localizzato, affermando che “la presenza di particelle con un arricchimento superiore al 60% non significa una produzione con un arricchimento superiore al 60%”.

L’AIEA sta lavorando per determinare se l’arricchimento sia stato effettivamente “un accumulo involontario” all’interno della rete di tubi che collegano le centinaia di centrifughe a rotazione rapida utilizzate per separare gli isotopi.

“È tecnicamente possibile, soprattutto perché l’Iran sperimenta costantemente come arricchire a un livello di purezza superiore con centrifughe sempre più sofisticate”, ha dichiarato Jon Ruhe, direttore della politica estera dell’Istituto ebraico per la sicurezza nazionale americano.

“Non posso escludere del tutto la possibilità che abbiano fatto qualcosa nelle centrifughe che le ha portate temporaneamente ad arricchire ad un livello più alto”, ha concluso Raz Zimmt, studioso dell’Iran presso l’Institute for National Security Studies di Tel Aviv.

Ha aggiunto: “Potrebbe trattarsi di qualche gioco che stanno facendo con le centrifughe per verificare la capacità di raggiungere livelli più alti”.

Allo stesso tempo, Zimmt ha sottolineato che è difficile credere che Teheran abbia raggiunto quel livello di arricchimento per errore.

Anche se si trattasse di una mossa intenzionale da parte di Teheran, in un certo senso l’84% non è di per sé motivo di nuovo allarme. L’avanzamento maggiore è stato quello verso il 60% di arricchimento, che l’Iran ha raggiunto nella prima metà del 2021. Da lì al 90% è solo questione che la leadership iraniana decida di voler arricchire fino a materiale di grado militare.

“Ma questo indica un problema più ampio”, ha spiegato Ruhe, “ovvero che l’Iran sta espandendo in modo massiccio la sua capacità di arricchimento e le sue conoscenze per produrre uranio per uso militare su scala industriale”.

Eli Levite, senior fellow in politica nucleare presso il Carnegie Endowment ed ex vice direttore generale della Commissione israeliana per l’energia atomica, ha sostenuto che l’Iran sta mettendo alla prova la comunità internazionale.

“Stanno verificando la reazione”, ha detto.

Una risposta in sordina

Finora la reazione del mondo è stata piuttosto blanda, cosa che sicuramente allarma Israele.

Il capo dell’AIEA, Rafael Grossi, si è recato a Teheran venerdì per incontrare il presidente iraniano Ebrahim Raisi, che ha fatto infuriare Netanyahu affermando che qualsiasi attacco militare a un impianto nucleare è illegale.

L’Iran è stato anche in grado di evitare qualsiasi azione punitiva da parte dell’AIEA, consentendo all’organo di vigilanza di reinstallare le telecamere di sorveglianza che aveva rimosso da tre siti, accettando di intensificare il monitoraggio e impegnandosi a rispettare gli obblighi previsti dal Trattato di non proliferazione.

Per il momento, la questione nucleare è stata messa da parte, lasciando a Israele la possibilità di minacciare pubblicamente e di lavorare ancora più duramente per cercare di spostare l’ago della bilancia nella sua direzione.

Ruhe ha detto di temere che la riunione dell’AIEA di questa settimana “sarà una dimostrazione pubblica della mancanza di consenso dell’Occidente su cosa fare per risolvere il problema, e della mancanza di volontà dell’Occidente di sottoporre finalmente la questione al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e di muoversi verso sanzioni immediate”.

Sebbene la capacità di Israele di smuovere i suoi alleati sull’accordo del 2015 sia estremamente limitata, Israele potrebbe creare tensioni nelle relazioni tra Iran e AIEA, che esistono indipendentemente dall’accordo, se i suoi servizi segreti riuscissero a trovare ulteriori prove che Teheran sta ingannando gli ispettori.

Prendere il polso della situazione

La Casa Bianca, nel frattempo, vuole che Netanyahu sia soddisfatto sul fatto che un messaggio sufficientemente minaccioso su un’opzione militare credibile stia raggiungendo la Repubblica Islamica, al fine di impedire al leader israeliano di perseguire lui stesso tale opzione.

A gennaio, le Forze di Difesa Israeliane e il Comando Centrale degli Stati Uniti hanno condotto la più grande esercitazione congiunta di sempre in Israele e nel Mediterraneo orientale, coinvolgendo circa 6.400 truppe statunitensi insieme a più di 1.500 truppe israeliane, oltre a 140 aerei, 12 navi da guerra e sistemi di artiglieria.

Il telegiornale israeliano Channel 12 ha riferito, senza citare una fonte, che parte dell’esercitazione comprendeva bombardieri americani che hanno preso di mira un impianto nucleare iraniano simulato.

Anche alti funzionari della difesa statunitense si stanno recando in Israele per rassicurarlo e inviare un messaggio di deterrenza.

Il presidente dello Stato Maggiore degli Stati Uniti, il generale Mark Milley, si è recato in Israele venerdì per colloqui con alti funzionari della sicurezza sull’Iran e su altre questioni di sicurezza. Milley ha incontrato il suo omologo israeliano, il tenente generale Herzi Halevi, il ministro della Difesa Yoav Gallant e altri alti funzionari della sicurezza nella base militare di Kirya a Tel Aviv.

Dopo Milley, il Segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin arriverà in Israele mercoledì per una visita di due giorni, nell’ambito di un tour globale del Medio Oriente che comprende anche tappe in Iraq, Giordania ed Egitto.

Sebbene l’abbraccio degli Stati Uniti a Israele sia di per sé un messaggio importante per l’Iran, potrebbe avere altre motivazioni oltre alla dimostrazione di solidarietà.

“Quando abbracci qualcuno, puoi anche tastarne il polso”, ha sottolineato Levite.

Con il passare dei mesi, senza un nuovo accordo sul nucleare all’orizzonte e senza alcun passo verso un piano B, l’Amministrazione Biden deve sapere che Netanyahu non sta pianificando un attacco militare al programma nucleare iraniano. La sfilata di dichiarazioni preoccupanti da parte degli alleati della coalizione di Netanyahu su altre questioni ha probabilmente causato disagio a Washington e la sensazione di non comprendere appieno questo governo, aumentando l’urgenza per gli alti funzionari statunitensi di farsi un’idea personale di ciò che Gerusalemme potrebbe fare sull’Iran.

Al di là del suo ruolo di ministro della Difesa, Gallant, visto come uno degli “adulti responsabili” nel governo di Netanyahu, è un interlocutore comodo per i funzionari di Biden.

Nel frattempo, l’Iran rimane al punto di poter produrre rapidamente abbastanza materiale fissile per più bombe, anche se dovrebbe ancora sviluppare un detonatore e un sistema di lancio.

È probabile che il Paese continui a rimanere in bilico appena sotto la soglia del 90%, mantenendo questa pietra miliare come merce di scambio per dissuadere le nazioni occidentali dal rinunciare formalmente ai negoziati e dal deferire la questione nucleare al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Seguici su…

massacro del 7 ottobre sito web

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre informato sui nuovi articoli e sulle nostre iniziative

I più condivisi di recente

Previous Story

Erdogan sotto la lente della Corte Penale Internazionale

Next Story

Israele: in operazione a Jenin uccisi tre terroristi palestinesi

Latest from Medio Oriente

Go toTop