Qatar e Israele stanno negoziando segretamente in Europa

Colloqui segreti qatar israele per rilascio ostaggi gaza

Qatar e Israele stanno tenendo colloqui segreti in una delle capitali europee per un potenziale scambio di ostaggi, come riportato lunedì dal sito web saudita Elaph.

Una fonte diplomatica di alto livello ha rivelato che l’accordo dovrebbe includere bambini, donne e uomini, compresi tre alti ufficiali dell’IDF catturati da Hamas.

Il rapporto saudita afferma che Israele si è impegnato a rilasciare in cambio circa 300 prigionieri palestinesi, oltre a dieci prigionieri veterani che stanno scontando lunghe pene, tra cui Marwan Barghouti, il leader del movimento Fatah.

La fonte ha riferito che la delegazione israeliana è composta da ufficiali del Mossad, dello Shin Bet, da membri del Consiglio di sicurezza nazionale e da un rappresentante dell’intelligence militare.

La delegazione israeliana comprende anche uno psicologo e un esperto di negoziati. Elaph ha riferito che tra i membri della delegazione ci sono ex agenti del Mossad reclutati appositamente per questa missione, con esperienza nel settore e forti legami con il Qatar, compresi coloro che mantengono rapporti commerciali con il Qatar attraverso società straniere.

Va notato che gli incontri si svolgono in una capitale europea perché i precedenti incontri in Qatar e le ricorrenti visite del capo dell’intelligence israeliana a Doha hanno portato a significative critiche pubbliche in Israele e nel governo.

Il rapporto indica che è stato raggiunto un accordo per mantenere aperto e segreto questo canale di negoziazione, con le due delegazioni che si incontrano ogni volta in luoghi diversi per oscurare e tenere la questione lontana dai riflettori.

[jetpack_subscription_form]

Seguici su…

massacro del 7 ottobre sito web

I più condivisi di recente

ribelli Houthi dello Yemen grave minaccia per navigazione nel Mar Rosso
Previous Story

Ribelli Houthi, grave minaccia per navigazione nel Mar Rosso

viaggio di Zelensky negli Stati Uniti per rimuovere lo stallo negli aiuti
Next Story

L’Ucraina nelle mani dei Repubblicani americani

Latest from Medio Oriente

Go toTop