Di Brad Glosserman – Nessun Paese come le Filippine ha una percezione più immediata degli impulsi aggressivi della Cina.

I pescatori filippini vengono regolarmente molestati dalle milizie marittime e dalla marina cinese e spesso viene loro negato l’accesso alle zone di pesca tradizionali; la sua marina ha ingaggiato un vero e proprio braccio di ferro sui detriti missilistici rinvenuti nelle sue acque; Manila è stata ingannata nei negoziati diplomatici sul territorio conteso e ha vinto sentenze arbitrali che sono state ignorate o respinte dal governo di Pechino. Le proteste di Manila sono rimaste inascoltate mentre le forze cinesi intaccavano il territorio filippino.

Questa storia dovrebbe fare delle Filippine il manifesto degli sforzi di cooperazione per rafforzare la sicurezza e la stabilità del Sud-Est asiatico. Per dirla in altri termini, se le nazioni interessate non riescono a sostenere Manila, allora ci sono poche possibilità di successo in altre parti della regione. Sebbene le probabilità rimangano alte – i governi regionali sono pronti a distogliere lo sguardo dal comportamento scorretto della Cina – le conversazioni tenutesi a Manila la scorsa settimana offrono alcuni motivi di ottimismo.

L’alleanza tra Stati Uniti e Filippine, con il Trattato di Mutua Difesa (MDT), è la pietra angolare della sicurezza del Paese. Questa relazione è stata messa a dura prova negli ultimi anni. Spinto da astio personale e da una presunta rivalutazione strategica, l’ex presidente Rodrigo Duterte ha cercato di riequilibrare la politica estera di Manila, distanziando maggiormente il suo Paese dagli Stati Uniti – ha ripetutamente minacciato di porre fine all’alleanza – e avvicinandosi alla Cina.

Il suo successore, Ferdinand Marcos Jr, eletto all’inizio di quest’anno, ha invertito la rotta. Negli ultimi mesi, Marcos ha incontrato il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, ha parlato con la Vicepresidente Kamala Harris durante una visita nelle Filippine il mese scorso e ha tenuto una serie di sessioni con alti funzionari della politica estera e della difesa degli Stati Uniti.

La rivitalizzazione della partnership va oltre gli incontri diplomatici. Si prevede che l’anno prossimo le due forze armate svolgeranno ben 500 attività militari congiunte, più di quelle che gli Stati Uniti intendono condurre con qualsiasi altro partner regionale. Manila sarebbe pronta ad ampliare l’accesso degli Stati Uniti alle basi chiave nelle Filippine, raddoppiando il numero attuale a 10, comprese quelle ben posizionate in caso di crisi a Taiwan.

Durante la sua visita, Harris ha ribadito che il Mar Cinese Meridionale è coperto dall’MDT, osservando che “un attacco armato contro le forze armate filippine, le navi pubbliche o gli aerei nel Mar Cinese Meridionale invocherebbe gli impegni di difesa reciproca degli Stati Uniti“. Questo, ha detto, è “un impegno incrollabile che abbiamo nei confronti delle Filippine”. La vicepresidente ha anche annunciato che gli Stati Uniti forniranno più di 80 milioni di dollari per sviluppare le infrastrutture di base in queste basi, per sostenere la nuova partnership rinvigorita. Tutto questo ha portato Jose Manuel Romualdez, ambasciatore delle Filippine negli Stati Uniti, ad affermare che “le nostre relazioni con gli Stati Uniti sono al massimo in questo momento”.

Questo è positivo, ma non è sufficiente. Sono utili anche le relazioni di sicurezza che Manila sta sviluppando con altri partner, tra cui il Giappone. Il Giappone ha avviato incontri dei ministri degli Esteri e della Difesa (i cosiddetti “due più due”) con Manila; dalla sessione inaugurale di questa primavera, i due governi hanno concordato di perseguire un accordo di accesso reciproco (un prerequisito amministrativo essenziale per una maggiore cooperazione tra i due eserciti). I funzionari hanno anche detto che stavano valutando un accordo che avrebbe permesso loro di condividere le attrezzature, un altro passo avanti fondamentale nella partnership di difesa. Quando Marcos ha incontrato il Primo Ministro Fumio Kishida all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a settembre, i due uomini hanno concordato di rafforzare ulteriormente la cooperazione in materia di sicurezza (e in altri settori).

Una componente importante è stata la fornitura di equipaggiamento militare da parte del Giappone alle Filippine. Tra il 2016 e il 2018, il Giappone ha finanziato l’acquisto da parte delle Filippine di 10 navi da pattugliamento di 44 metri di fabbricazione giapponese per la sua guardia costiera; quest’anno sono state schierate due navi di 94 metri. L’anno scorso il Giappone ha fornito all’esercito filippino attrezzature di salvataggio adottate dalle Forze di autodifesa, la prima volta che Tokyo lo ha fatto attraverso l’assistenza ufficiale allo sviluppo. Il mese scorso Tokyo avrebbe dovuto consegnare un’unità radar di sorveglianza aerea, la prima spedizione da quando il Giappone ha allentato le regole di esportazione nel 2014.

I contributi statunitensi e giapponesi hanno rafforzato le capacità militari e di applicazione della legge delle Filippine. Ma la trasformazione della sicurezza del Paese richiede più che sforzi discreti da parte dei partner. Un’autentica cooperazione multilaterale è la chiave per un cambiamento qualitativo e il triangolo Giappone-Stati Uniti-Filippine è il modo migliore per far avanzare questo processo.

Il rapporto di alleanza con gli Stati Uniti è la base su cui i tre Paesi possono impegnarsi e costruire. I tre governi condividono visioni geopolitiche e ritengono che il revisionismo cinese sia una minaccia reale. Hanno stabilito “abitudini di cooperazione” attraverso consultazioni sull’assistenza umanitaria e i soccorsi in caso di calamità e stanno lavorando a una collaborazione più profonda attraverso il dialogo trilaterale sulla politica di difesa inaugurato a settembre. Il dialogo ha individuato aree di cooperazione come la sicurezza marittima e la consapevolezza del dominio marittimo, la sicurezza informatica, la condivisione delle informazioni e l’HADR.

Gli ostacoli a un partenariato di sicurezza trilaterale realmente rafforzato e capace sono formidabili. Alcuni sono evidenti: le limitazioni legali all’uso delle forze armate giapponesi per scopi diversi dalla difesa nazionale; la mancanza di capacità delle Filippine; la geografia e le conseguenti differenze nella priorità attribuita alle incursioni contro ciascun Paese (più semplicemente, Tokyo si preoccupa maggiormente delle azioni cinesi nel Mar Cinese Orientale, mentre Manila si concentra sul Mar Cinese Meridionale); il timore che fornire sostegno a un partner possa creare vulnerabilità in altre parti della regione; e la preoccupazione che sporgersi troppo in avanti sulla sicurezza possa compromettere le relazioni economiche con la Cina.

C’è un ostacolo più sottile, creato dalla tattica preferita dalla Cina: l’uso di sfide della “zona grigia” che minacciano gli interessi di un Paese ma che si mantengono al di sotto della soglia di un conflitto cinetico. L’ampia costruzione di isole nel Mar Cinese Meridionale è una tattica della zona grigia, così come le regolari incursioni delle navi della Guardia Costiera cinese nelle acque territoriali giapponesi intorno alle isole Senkaku.

In ogni caso, il governo di Pechino sta lentamente cambiando lo status quo regionale, estendendo la propria autorità e il proprio territorio a scapito di altri Paesi. I governi aggrediti hanno difficoltà a rispondere in modi che non minaccino un’escalation.

Un’opzione è quella di rispondere in modo gentile. Questo non significa operazioni di libertà di navigazione. Sono reattive e si limitano a ribadire che le vie d’acqua restano internazionali e non sono soggette alla legge interna cinese. Nonostante l’attenzione, le FONOPS non cambiano il fatto più importante: i governi regionali hanno ceduto l’iniziativa a Pechino, permettendole di dettare l’attenzione e il ritmo degli eventi. Sarà anche un processo più lento e misurato, ma la Cina sta ancora prendendo il salame, fetta per fetta.

Questa logica sostiene invece che i governi regionali rispondano a loro volta, trovando interessi simili a quelli della Cina e intaccandoli in modo altrettanto sottile. Ciò ha senso, ma presuppone che Pechino sia avversa al rischio di escalation come lo sono stati i suoi obiettivi.

Un modo per passare all’offensiva è lanciare una campagna aggressiva per riscrivere la narrativa che circonda il comportamento cinese nella regione. I governi preoccupati dovrebbero mettere in luce il divario tra la retorica di “buon vicinato” della Cina e la realtà delle sue azioni, che spostano lo status quo a suo favore. Dovrebbero coinvolgere l’industria e le organizzazioni non governative che hanno sentito la pressione di Pechino per contribuire a far valere le proprie ragioni e cambiare la percezione regionale della Cina.

Manila è il manifesto di questo sforzo. Ha vinto la decisione del tribunale arbitrale del 2016, che ha stabilito che le azioni cinesi violano il diritto internazionale. A differenza di altre nazioni del Sud-Est asiatico, nelle Filippine non si teme un contraccolpo interno contro la Cina. Eppure, incredibilmente, il governo di Manila non ha dato risalto alla sua vittoria. La sua riluttanza a far valere le proprie ragioni ha dato ad altri governi la licenza di fare lo stesso.

Ciò presuppone che la Cina si preoccupi di eventuali danni alla reputazione. Pechino potrebbe scommettere che tale danno sarà solo a breve termine, un prezzo che vale la pena pagare per l’estensione del suo potere e della sua influenza.

È una scommessa che vale la pena accettare. Questa trilaterale ha, tra le tante opzioni del Sud-Est asiatico, le migliori possibilità di successo. Ha le basi più solide. I tre governi sono direttamente interessati dal comportamento cinese e i Paesi hanno lavorato insieme per proteggere i propri interessi. Sembrano pronti a portare la loro cooperazione al livello successivo. Il successo potrebbe fornire un modello anche ad altre nazioni.

Brad Glosserman è vicedirettore e visiting professor presso il Center for Rule-Making Strategies della Tama University e consigliere senior (non residente) del Pacific Forum. È autore di “Peak Japan: The End of Great Ambitions” (Georgetown University Press, 2019).