stupri di Hamas il 7 ottobre

Alcune famiglie degli ostaggi e il Ministro degli Esteri Israel Katz sono in viaggio verso New York per partecipare alla prossima sessione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sulle violenze sessuali perpetrate dai terroristi di Hamas durante il massacro del 7 ottobre e contro gli ostaggi detenuti a Gaza.

Il Consiglio di Sicurezza terrà una sessione d’emergenza per discutere il rapporto pubblicato la settimana scorsa dall’inviata delle Nazioni Unite per i crimini sessuali, Pramila Patten, che descrive in dettaglio le violenze sessuali.

Le richieste per la sessione sono state avanzate dai membri del Consiglio di Sicurezza – Stati Uniti, Regno Unito e Francia.

Il rapporto di 24 pagine, basato su oltre due settimane di incontri sul campo, afferma che ci sono “ragionevoli motivi” per credere che Hamas abbia commesso stupri e abusi sessuali durante la sua furia omicida del 7 ottobre, e che c’è uno standard di prove ancora più elevato per indicare che gli ostaggi rapiti da Hamas quel giorno sono stati oggetto di stupro durante la prigionia.

Israele, in risposta, ha accusato l’ONU di minimizzare il rapporto e di trascinarsi nell’esaminare le accuse, cercando di metterle a tacere – cosa che il Segretario generale dell’ONU ha prontamente negato.

Presentando il rapporto nel corso di una conferenza stampa presso la sede delle Nazioni Unite a New York, la settimana scorsa Patten ha affermato che esistono “informazioni chiare e convincenti sul fatto che sono state commesse violenze sessuali, tra cui stupri, torture sessuali, trattamenti crudeli, inumani e degradanti” contro gli ostaggi tenuti prigionieri nella Striscia da Hamas.

Inoltre, ha affermato, ci sono “ragionevoli motivi” per credere che tali violenze siano ancora in corso contro gli ostaggi ancora prigionieri a Gaza.

estratto october rain
Estratto dal video October Rain

Patten ha affermato che, in base alla raccolta di prove, ci sono ragionevoli motivi per credere che “stupri e stupri di gruppo” si siano verificati durante gli attacchi del 7 ottobre in almeno tre luoghi: il sito del festival musicale Supernova, il Kibbutz Re’im e lungo la vicina Route 232.

Nella maggior parte di questi casi, ha detto, le prove mostrano che le vittime sono state “prima sottoposte a stupro e poi uccise“, notando anche “due incidenti” che indicano lo stupro di cadaveri di donne.

Il parco del festival musicale, ha detto Patten, è stato il luogo di “brutali omicidi di massa”, notando che molti corpi sono stati trovati bruciati o sfigurati, e che c’era anche uno “schema ricorrente di vittime trovate completamente o parzialmente svestite, legate e uccise“. Guarda e diffondi il video.