Uccisi 12,000 uomini di Hamas da IDF in combattimenti a Gaza

L’esercito israeliano – IDF – ha dichiarato lunedì di aver ucciso circa 12,000 dei 30,000 uomini armati di Hamas nella Striscia di Gaza dallo scoppio della guerra il 7 ottobre, smentendo un funzionario del gruppo terroristico che parlando dal Qatar aveva affermato che Hamas aveva perso la metà di quel numero – circa 6,000 combattenti – durante i quattro mesi di conflitto.

Si ritiene che Hamas abbia anche migliaia di agenti gravemente feriti e incapaci di combattere.

I numeri diffusi lunedì dall’esercito israeliano hanno rivelato che gli aerei israeliani hanno effettuato oltre 31,000 attacchi dal 7 ottobre, di cui oltre 1,000 in Libano e decine in Cisgiordania.

I commenti dell’anonimo funzionario di Hamas, sono stati un raro riconoscimento da parte del gruppo terroristico di aver subito perdite significative nei combattimenti di Gaza ed è la prima volta che si differenzia tra combattenti e civili nel bilancio delle vittime della guerra.

Il funzionario ha anche avvertito che il gruppo terroristico ha le risorse per continuare a combattere Israele ed è pronto a una lunga guerra a Rafah e Gaza.

Il ministero della Sanità di Gaza, gestito da Hamas, ha dichiarato lunedì che dall’inizio dei combattimenti sono state uccise più di 29,000 persone nella Striscia, anche se queste cifre non possono essere verificate in modo indipendente e si ritiene che includano sia i civili che i membri di Hamas uccisi a Gaza, anche come conseguenza del lancio di razzi da parte dei gruppi terroristici. L’IDF afferma di aver ucciso circa 1,000 terroristi in Israele il 7 ottobre, oltre ai 12,000 uccisi a Gaza da allora.

A dicembre, funzionari dell’IDF hanno fornito una valutazione di due morti civili per ogni combattente a Gaza.

Israele ha ripetutamente accusato Hamas di usare i civili come scudi umani, fornendo prove del fatto che il gruppo terroristico localizza basi operative sotto gli ospedali, lancia razzi da scuole e rifugi, costruisce tunnel sotto le camere da letto dei bambini, immagazzina armi all’interno e intorno a scuole e moschee e si radica nella popolazione civile durante la guerra in corso.

Dal 7 ottobre, l’IDF ha dichiarato che 574 soldati israeliani sono stati uccisi – più della metà nell’assalto del 7 ottobre – e altri 2,930 sono stati feriti.

Oltre 31,000 attacchi aerei a Gaza, in Libano e su altri fronti

Dall’inizio della guerra, l’aviazione israeliana ha effettuato oltre 31,000 attacchi contro obiettivi appartenenti ad Hamas e ad altri gruppi terroristici, soprattutto a Gaza (29,000 obiettivi), ma anche in Libano e in altri fronti, accumulando oltre 186,000 ore di volo.

Di questi attacchi, 26,000 sono stati effettuati con jet da combattimento, 3,800 con elicotteri d’attacco e 3,800 con droni.

Circa 7,000 degli attacchi a Gaza sono stati richiesti con urgenza dalle forze di terra nel corso dell’offensiva contro Hamas. L’attacco più vicino alle truppe è stato a circa 80 metri di distanza durante uno scontro tra la 401esima Brigata corazzata e agenti di Hamas il 18 novembre.

In Libano, l’IAF ha dichiarato di aver colpito più di 1,000 siti e posizioni di Hezbollah, da quando il gruppo terroristico ha iniziato i suoi attacchi quasi quotidiani contro le comunità israeliane e le postazioni militari lungo il confine, l’8 ottobre, per sostenere i palestinesi di Gaza.

Israele ha risposto al fuoco, avvertendo che non tollererà più la presenza di Hezbollah lungo la frontiera con il Libano, dove potrebbe tentare di compiere un attacco simile al massacro commesso da Hamas il 7 ottobre.

In Cisgiordania, l’IAF ha effettuato 30 attacchi aerei contro agenti terroristici, la maggior parte dei quali nell’ambito di raid antiterrorismo.

Dal 7 ottobre, le truppe hanno arrestato più di 3,150 palestinesi ricercati in tutta la Cisgiordania, tra cui più di 1,350 affiliati ad Hamas. Secondo il ministero della Sanità dell’Autorità palestinese, in questo periodo sono stati uccisi più di 300 palestinesi della Cisgiordania.

Un numero imprecisato di attacchi è stato effettuato dall’IAF in Siria contro l’attività iraniana e i suoi gruppi per procura, nonché contro l’esercito siriano. Sebbene l’esercito israeliano, di norma, non faccia commenti su attacchi specifici in Siria, ha ammesso di aver condotto centinaia di sortite contro gruppi terroristici sostenuti dall’Iran che cercavano di prendere piede nel Paese nell’ultimo decennio.

Gli elicotteri dell’IAF hanno anche effettuato circa 500 evacuazioni mediche dalla Striscia di Gaza, trasportando più di 1,000 feriti negli ospedali.

Durante la guerra, il sistema di difesa aerea a corto raggio Iron Dome ha abbattuto migliaia di razzi, il David’s Sling a medio raggio ne ha abbattuti decine e l’Arrow a lungo raggio ha intercettato sei missili balistici.

L’IAF sta inoltre chiudendo diverse batterie di Patriot, ormai obsolete, e il personale sarà addestrato a operare con l’Iron Dome. Israele ha in programma l’apertura di nuove batterie Iron Dome, le prime entro alcune settimane.