forza di pace araba gaza distrutta

Israele sta spingendo per l’istituzione di una forza di pace araba per mettere in sicurezza la Striscia di Gaza e facilitare la consegna di aiuti umanitari. Lo hanno riferito venerdì sera diversi media ebraici, indicando una probabile fuga di notizie coordinata.

Tutti i resoconti hanno affermato che il Ministro della Difesa Yoav Gallant ha informato il Primo Ministro Benjamin Netanyahu di aver fatto progressi sulla questione durante la sua visita a Washington.

La forza sarebbe composta da truppe provenienti da tre diversi Paesi arabi non nominati – ma non dall’Arabia Saudita o dal Qatar, quest’ultimo da tempo patrocinatore di Hamas e uno dei mediatori nei colloqui per la consegna degli ostaggi. Secondo alcuni rapporti, l’Egitto e gli Emirati Arabi Uniti sarebbero due dei Paesi, e il terzo avrebbe anche un trattato di pace con Israele. La forza sarebbe gestita dagli Stati Uniti, ma senza forze americane sul terreno.

Secondo quanto riportato l’idea è sostenuta dagli Stati Uniti. La forza sarebbe probabilmente armata per mantenere l’ordine pubblico e lavorerebbe con i gazesi che non hanno legami con Hamas, apparentemente figure legate all’Autorità Palestinese. Il sostegno degli Stati Uniti, tuttavia, è subordinato al fatto che Israele inizi ad attuare un piano postbellico per la riabilitazione di Gaza, come il piano “day after” presentato da Gallant tre mesi fa.

Tale piano, che non ha ricevuto l’appoggio della coalizione, prevede che Israele mantenga per ora il pieno controllo militare di Gaza, ma che non abbia alcuna presenza civile e che le questioni civili nella Striscia siano amministrate da palestinesi non ostili a Israele. Inoltre, il piano prevede la stabilizzazione della Striscia dopo la guerra con l’assistenza di una forza multinazionale.

Non è chiaro se gli alleati arabi saranno effettivamente disposti a partecipare allo schema di mantenimento della pace, dato che hanno ripetutamente affermato che non prenderanno parte alla gestione di Gaza dopo la guerra a meno che non sia parte di un’iniziativa più ampia che includa la creazione di un percorso verso un futuro Stato palestinese – cosa che l’attuale governo rifiuta fermamente.

Il compito iniziale della forza internazionale sarebbe quello di proteggere i convogli di camion contenenti gli aiuti umanitari dai saccheggi dei gazesi disperati, nonché di mettere in sicurezza il molo per gli aiuti che gli Stati Uniti costruiranno al largo delle coste della Striscia e che dovrebbe essere pronto tra circa un mese.

Ynet ha riferito che i progressi nei colloqui tra gli Stati Uniti e i momentaneamente anonimi Paesi arabi sono il risultato di visite di funzionari della difesa israeliana in quei Paesi e di colloqui con il governo statunitense e il CENTCOM.

Secondo Haaretz, non è stato ancora raggiunto un accordo su come armare la forza.

Un rapporto di Politico di questa settimana ha affermato che il Pentagono è in una fase iniziale di “conversazione” su potenziali piani per finanziare una forza di pace.

Channel 12 news ha riferito che Netanyahu si è opposto all’idea, ma Gallant ha suggerito che si tratta della migliore opzione disponibile.

I gruppi di aiuto dicono che tutta Gaza è impantanata in una crisi umanitaria, con la situazione nel nord, in gran parte isolato, che spicca. Secondo alcune testimonianze, molte delle 300.000 persone che vivono ancora nel nord di Gaza si sono ridotte a mangiare foraggio animale per sopravvivere.

Secondo le Nazioni Unite, nel nord un bambino su sei sotto i due anni soffre di malnutrizione acuta. In totale, circa 1,1 milioni di persone – circa la metà della popolazione – starebbero soffrendo una fame “catastrofica”.